10 donne influenti nella storia

Un breve percorso per evidenziare alcune delle donne più influenti e rivoluzionarie della storia mondiale

10 donne influenti nella storia

Anche se la storia delle donne è stata spesso ignorata o addirittura cancellata nel corso dei secoli, molte donne hanno avuto un enorme impatto sulla società attraverso l’attivismo, l’arte, la politica e la leadership. Nel mese appena trascorso dedicato alla storia delle donne, è un’occasione perfetta per scoprire di più sulle rivoluzionarie, le politiche e le attiviste che sono semplicemente troppo importanti per essere dimenticate. Ecco 10 donne influenti nella storia.

10 donne influenti nella storia: da Ruth Ginsburg a Gertrude Stein

Quando Ruth Bader Ginsburg è morta nel settembre 2020, gli Stati Uniti hanno pianto la perdita di uno dei suoi più importanti esempi di uguaglianza di genere. Nel corso della sua carriera come avvocato, giudice e giudice associato della Corte Suprema, l’impegno della Ginsburg per il principio della parità di giustizia sotto la legge ha trasformato il panorama giuridico negli Stati Uniti – in particolare per le donne.

Ruth Bader Ginsburg – 10 donne influenti nella storia

Il percorso della Ginsburg è iniziato alla Harvard Law School, dove era una delle sole nove donne in una classe di 500 studenti, secondo un necrologio del New York Times. Nonostante sia arrivata prima della classe quando si è laureata come assistente alla Columbia Law School, ha lottato per trovare lavoro. Alla fine, nel 1963, è diventata una professoressa di legge alla Rutgers Law School, dove ha rivolto la sua attenzione alla discriminazione di genere. Ha discusso sei casi davanti alla Corte Suprema come avvocato dell’American Civil Liberties Union, vincendone cinque.

***

Nel 1993, il presidente Bill Clinton la nominò alla Corte Suprema, dove lavorò per 27 anni nonostante il cancro e altre malattie. La sua storia di opinioni dissenzienti in tribunale la fece diventare un’icona; e, come Scrisse la rivista Rolling Stone, le valse il soprannome di “Notorious RBG“.Durante la sua carriera, la Ginsburg ha promosso cause come l’uguaglianza finanziaria per le donne, come notato da Forbes; l’uguaglianza nell’istruzione, come riportato da Inside Higher Ed; i diritti LGBTQ+, secondo l’American Bar Association; i diritti civili per gli immigrati e le persone senza documenti, come descritto da NBC News; e i diritti per le persone con disabilità, secondo il Center for Public Representation.

Libertà e suffragio femminile

Harriet Tubman nacque in schiavitù ma trovò la sua libertà viaggiando da sola attraverso l’Underground Railroad. Negli anni successivi liberò circa 300 persone schiavizzate.

Harriet Tubman

Tubman iniziò il suo lavoro sull’Underground Railroad liberando i membri della sua famiglia, compresi i suoi genitori, diversi fratelli e nipoti, secondo biography.com. Quando iniziò la guerra civile, sostenne l’Unione, lavorando come spia e infermiera prima di guidare l’audace Combahee Ferry Raid, con il quale liberò più di 700 persone schiavizzate. Più tardi nella vita, divenne una voce importante nel movimento abolizionista e lottò anche per il diritto di voto per le donne, contribuendo a plasmare un percorso dalla schiavitù e dalla discriminazione verso la giustizia negli Stati Uniti.

Emmeline Pankhurst 

Siamo qui, non perché siamo trasgressori della legge; siamo qui nei nostri sforzi per essere artefici della legge”.

Queste parole immortali di Emmeline Pankhurst nella sua autobiografia (“My Own Story”, Hearst’s International Library Company, 1914) racchiudono il movimento britannico per il suffragio femminile alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo.

In qualità di leader caparbia della Women’s Franchise League e più tardi della Women’s Social and Political Union (WSPU), lottò per il diritto di voto delle donne nel Regno Unito; questo con qualsiasi mezzo. Il motto della WSPU era “Fatti, non parole” e il gruppo usava il vandalismo, la protesta violenta e l’incendio doloso come mezzi per ottenere il cambiamento sociale.

***
Emmeline Pankhurst

La Pankhurst credeva che fosse necessario andare oltre la disobbedienza civile per sostenere la sua causa, affermando in un discorso del 1908:

“È perché ci rendiamo conto che la condizione del nostro sesso è così deplorevole che è nostro dovere anche infrangere la legge”. Questa determinazione la vide arrestata in innumerevoli occasioni. Sosteneva che se non si dava alle donne il potere politico, le leggi del paese non avrebbero avuto uno standard morale uguale.

Nell’anno della sua morte, secondo la BBC, alle donne britanniche fu finalmente concesso il diritto di voto; dall’età di 21 anni, uguale a quello degli uomini.

Dalla Cina

Nata nell’inverno del 1835 durante la dinastia cinese Qing, Cixi era la figlia di un funzionario di basso rango ma ricevette una buona educazione e, come dichiarato dal National Geographic, probabilmente sapeva leggere e scrivere. Nel 1851, divenne una delle concubine dell’imperatore Xianfeng – un grande onore per l’epoca. Secondo lo Smithsonian, Cixi superò rapidamente le sue concubine nel favore dell’imperatore.

Cixi

Quando l’imperatore morì, il figlio di Cixi era pronto a diventare il nuovo imperatore. L’ex concubina strinse alleanze con alcuni dei suoi reggenti e ne fece uccidere altri in un colpo di stato del 1861, lasciandole il controllo dell’impero. Rimase un capo potente ma non ufficiale della Cina imperiale fino alla sua morte nel 1908.

È considerata l’ultima e più famosa imperatrice cinese, come riportato dallo Smithsonian, ed è nota per aver plasmato ribellioni, politiche e la corte della Cina imperiale per più di 50 anni.

Rosa Parks e l’NAACP

Durante gli anni ’50, la società statunitense era ampiamente suddivisa tra cittadini bianchi e neri, anche nei trasporti pubblici. Il 1° dicembre 1955, la sarta Rosa Parks rifiutò di cedere il suo posto a un passeggero bianco su un autobus a Montgomery, in Alabama, e per questo fu arrestata. In risposta, la Parks mobilitò la NAACP (National Association for the Advancement of Colored People) per boicottare gli autobus e attirare l’attenzione nazionale sulle disumane leggi di segregazione negli stati del Sud.

Rosa Parks – 10 donne influenti nella storia

Dopo aver sfidato con successo la legge e aver visto la segregazione dichiarata incostituzionale dai tribunali, la Parks ha continuato ad essere una voce importante e un simbolo di coraggio nel movimento per i diritti civili. Il suo atto di sfida aveva acceso il movimento, secondo il National Women’s History Museum; e il suo continuo lavoro di attivista a Detroit dopo il boicottaggio degli autobus ha aggiunto la sua eredità nella lotta contro l’ingiustizia e la discriminazione.

FRIDA KAHLO

Nonostante sia diventata una delle artiste più celebrate e riconosciute del XX secolo, Frida Kahlo trascorse gran parte della sua prima vita costretta a letto e con dolori lancinanti. Contrasse la poliomielite in giovane età e fu coinvolta in un terribile incidente d’autobus quando aveva solo 18 anni. Tuttavia, fu durante il suo lungo recupero che Kahlo trovò il suo amore per l’arte, sviluppando nel tempo il suo stile unico che sarebbe diventato riconoscibile in tutto il mondo.

FRIDA KAHLO – 10 donne influenti nella storia

Nel 1922, fu tra le sole 35 ragazze ad iscriversi alla Scuola Nazionale Preparatoria di Città del Messico, dove fu coinvolta nei circoli politici e artistici della scuola. Il suo risveglio politico include una passione per l’identità messicana, che influenzerà notevolmente la sua arte. Nel suo articolo “Aztec Imagery in Frida Kahlo’s Paintings“, pubblicato nel 1990 su Woman’s Art Journal, la storica Janice Helland ha spiegato: “Mentre [Kahlo] cercava le proprie radici, esprimeva anche la preoccupazione per il suo paese che lottava per un’identità culturale indipendente. La sua vita e persino la sua morte furono politiche”.

***

Un matrimonio tumultuoso con il collega Diego Rivera, 20 anni più grande di lei, ha anche pesantemente influenzato la sua arte; così come la sua continua malattia, che ha dominato gli ultimi anni della sua vita. Nonostante la sua malattia, si rifiutò di smettere di lavorare, e addirittura partecipò alla sua mostra personale del 1953 stando in un letto a baldacchino, appena un anno prima della sua morte.

Alcuni sostengono che la Kahlo ha plasmato il mondo degli artisti contemporanei di colore, portando personalità e politica nell’autoritratto.

“La storia di Frida Kahlo è quella di una rivoluzionaria bruna, queer e disabile. Ci ricorda che c’è forza nella vulnerabilità, e che c’è spirito oltre i nostri corpi fisici”, ha scritto TK Smith per la pubblicazione online ArtsATL.

Kamala Harris

Nel 2021, Kamala Harris ha fatto la storia quando è diventata vicepresidente degli Stati Uniti – la prima donna, la prima persona di colore e la prima asiatica americana a ricoprire la seconda carica più alta della nazione. Figlia di immigrati giamaicani e indiani, Harris è cresciuta durante l’era dei diritti civili del 1960. Forse ispirata dall’attivista dei diritti civili, il giudice della Corte Suprema Thurgood Marshall, che nel suo libro di memorie nomina come uno dei suoi “più grandi eroi” (“The Truths We Hold”, Random House, 2019), Harris ha scelto una carriera da avvocato. Ha iniziato come assistente legale prima di essere eletta procuratore generale della California nel 2010.

10 donne influenti nella storia
Kamala Harris – 10 donne influenti nella storia

Come avvocato, si è specializzata nel perseguire i casi di violenza sessuale su minori; e come procuratore generale della California ha combattuto per gli accordi di pignoramento e contro l’istruzione predatoria a scopo di lucro. Secondo la sua biografia dalla Casa Bianca, ha anche sostenuto l’uguaglianza del matrimonio, l’Affordable Care Act e l’ambiente.

***

Harris si è candidata al Senato nel 2016 ed è stata la prima indiana americana e, solo la seconda donna nera, ad essere eletta al Senato; secondo l’articolo del Senato degli Stati Uniti sui senatori afroamericani. Nel 2019 ha corso per la nomination del Partito Democratico per la presidenza e, dopo essersi ritirata, è stata scelta come compagna di corsa di Joe Biden. Hanno continuato a vincere le elezioni nel novembre 2020, rendendo Harris il funzionario femminile eletto di più alto rango nella storia degli Stati Uniti.

Nel gennaio 2021, secondo l’Associated Press, ha prestato giuramento come vicepresidente sulla Bibbia personale di Marshall.

Una figura importante della letteratura Americana

Maya Angelou è stata un’attrice, ballerina e giornalista, ed è riconosciuta come una delle figure più importanti della letteratura americana moderna. A causa di traumi e abusi sessuali infantili, Angelou non fu in grado di parlare per diversi anni, secondo il National Women’s History Museum. Più tardi, trovò la sua voce attraverso la scrittura. Da adulta, fu coinvolta nel movimento per i diritti civili e fece amicizia con Malcolm X e Martin Luther King Jr.

10 donne influenti nella storia
Maya Angelou

Nonostante l’assassinio di Malcolm X e King, rispettivamente nel 1965 e nel 1968, Angelou nel 1969 pubblicò la sua opera più famosa, “I Know Why the Caged Bird Sings“. L’autobiografia romanzata descriveva la sua esperienza di giovane donna nera in America. Il libro, acclamato per il suo approccio rivoluzionario, avvia la carriera della Angelou come autrice di bestseller di numerosi libri, poesie e saggi.

Mary Wollstonecraft VS Mary Shelley

Mary Wollstonecraft ha vissuto la liberazione filosofica e femminista per la quale scriveva. Era ignorata da molti ai suoi tempi a causa delle sue relazioni extraconiugali e della sua figlia illegittima; e secondo la British Library, la pubblicazione delle memorie del marito dopo la sua morte ha danneggiato ulteriormente la sua reputazione. Tuttavia, un secolo dopo la sua morte, secondo la Stanford Encyclopedia of Philosophy, fu finalmente riconosciuta per i suoi scritti morali e politici e prese posto accanto all’altra sua figlia, Mary Shelley, nel pantheon delle grandi della letteratura femminile.

10 donne influenti nella storia
Mary Wollstonecraft

Il primo libro della Wollstonecraft, “A Vindication of the Rights of Men” (J. Johnson, 1790), fu la sua risposta alla rivoluzione francese. In esso, rifiutava il concetto di monarchia e chiedeva invece una nazione repubblicana. Era anche frustrata dalle rappresentazioni delle donne come vasi passivi in un mondo dominato dagli uomini, e il suo secondo libro, “A Vindication of the Rights of Woman” (J. Johnson, 1792), divenne la sua opera più nota. Il libro è da allora riconosciuto come una delle opere più importanti dell’Illuminismo.

Viaggio in Europa: la storia di  Gertrude Stein

Nel suo lavoro come scrittrice d’avanguardia e mecenate dedicata agli artisti moderni, Gertrude Stein si ribellò al patriarcato. Stein viaggiò per l’Europa e alla fine si stabilì a Parigi con suo fratello Leo. La coppia iniziò a collezionare arte, in particolare opere di artisti contemporanei d’avanguardia. Oltre alle loro collezioni d’arte, coltivarono relazioni con i bohémien parigini nel loro salone del sabato sera. Col tempo, gli inviti al salone Stein divennero i più ricercati a Parigi.

10 donne influenti nella storia
Gertrude Stein – 10 donne influenti nella storia

Dopo la fine della prima guerra mondiale, il salone Stein divenne un ritrovo popolare per i giovani americani espatriati; o la “generazione perduta“, come li chiamava Stein. La Stein rimase una figura poco conosciuta al di fuori del mondo letterario e artistico fino al 1933, quando pubblicò un libro intitolato “The Autobiography of Alice B. Toklas” (Harcourt, 1933). Non una vera autobiografia, Stein scrisse nella voce della sua compagna di vita, Toklas. Con la popolarità del libro, Stein divenne un nome e un volto riconosciuto in tutto il mondo.

Secondo la Poetry Foundation, “Stein contribuì a formare un movimento artistico che richiedeva una nuova forma di espressione e una consapevole rottura con il passato”.

error: Content is protected !!