Amityville

Amityville House la casa degli orrori e dei fantasmi

Omicidi, demoni, mura che filtrano melma e terrificanti eventi paranormali possono essere la sintesi della casa al 112 di Ocean Avenue ad Amityville, Long Island. L’abitazione ha ispirato il libro di Jay Anson del 1977, sul quale si basa il film del 1979 The Amityville Horror un vero culto del cinema. Quello che potrebbe essere solo una trama letteraria oppure un intreccio cinematografico attinge in realtà da due casi reali e agghiaccianti. La storia inizia come molte altre, con una coppia felice che decide di trasferirsi per costruire la casa dei propri sogni. John e Catherine Moynahan arrivano ad Amityville nel 1924 e vivono felicemente nell’abitazione per diversi anni. Poi i loro discendenti decidono di disfarsi della casa e venderla nel 1965.

La strage nella casa di Amityville

Ad acquistarla sono i coniugi DeFeos, una famiglia con radici italiane che lasciava Brooklyn per Amityville. Da questo momento tutto prenderà una piega sinistra che avrà risvolti mortali. Quando il figlio maggiore della famiglia, Ronald Junior alle 3.15 nella notte del 13 novembre 1974, afferra un fucile Marlin 336C calibro 35. E stermina l’intera famiglia cominciando dai genitori Ronald Senior e Louise ed infine i fratelli e le sorelle: Dawn, Allison, Marc e John Matthew. La mattanza dura 15 minuti, e quando la polizia arriva trova i corpi posizionati in maniera identica: a pancia in giù nei propri letti. Ancor più inquietante, rilevano che il fucile non ha un silenziatore, quindi gli spari avrebbero dovuto svegliare le vittime. Eppure non c’è segno di lotta, nemmeno una prova che fossero sedati. Inoltre, i vicini hanno sentito solo il cane che abbaiava, nessuno sparo.

Amityville

L’arrivo dei secondi inquilini

Ronald Junior arrestato e processato, attualmente sconta sei ergastoli consecutivi presso il Green Haven Correctional Facility nella contea di Dutchess, New York. Riguardo il brutale omicidio ha detto alla polizia:

Le voci dalla casa me lo hanno fatto fare”!

Qualunque sia la verità, non si torna indietro: quella villa è ormai una famigerata casa degli orrori. Dunque trovare nuovi proprietari non è compito facile, ciononostante il basso prezzo richiesto di $ 80.000 invoglia George e Kathy Lutz che la comprano. Il 18 settembre del 1975 si trasferiscono con i tre figli ad Amityville, tuttavia il loro soggiorno sarà breve. Perché per i successivi 28 giorni sperimentano la paura, Kathy comincia ad avere incubi, in uno di questi rivive la morte della signora DeFeo. E riesce anche a indicare con precisione i punti di entrata ed uscita dei proiettili che colpirono la donna.

Gli strani fenomeni paranormali

George si sveglia ripetutamente nel cuore della notte intorno alle 3.15 del mattino ora esatta della strage. In seguito Kathy scopre una stanza segreta, dipinta rosso sangue, che non era nei piani originali della casa. Infine quando dai muri inizia a trasudare una sorta di viscida roba verde, i Lutz decidono che è ora di andarsene. La famiglia fugge nel cuore della notte, spaventata e sconvolta, abbandonando tutte le loro cose, senza più far ritorno nella casa. Successivamente il 24 febbraio 1976, coinvolgono i demonologi Ed e Lorraine Warren, che accompagnati da una troupe televisiva, iniziano a compiere degli studi nella abitazione. Lorraine vede lo spettro di Ronald Senior DeFeo al terzo piano. È un incontro così terribile da convincerla che non c’è nulla da fare per aiutare o espellere lo spirito che infesta il luogo.

Amityville

Un caso riconosciuto dagli studiosi

Verità o leggenda i Lutz ammettono che sia il libro che il film hanno gonfiato le loro affermazioni e molti dei racconti. Inoltre la frenesia mediatica ha confuso il confine tra realtà e notizia. In risposta alle accuse di menzogna e truffa i coniugi si sottopongono alla macchina della verità da cui escono trionfanti. Nonostante tutto il caso di Amityville è considerato da buona parte della comunità di esperti del paranormale come autentico. Questo lo rende uno dei casi di possibile infestazione più conosciuti al mondo.

error: Content is protected !!