Antonio Baschenis

Antonio Baschenis ed il tredicesimo apostolo

Può succedere che un pittore chiamato ad affrescare un Cenacolo, disponga attorno al tavolo tredici apostoli più Cristo? Questo avviene nella Ultima Cena, realizzata da Antonio Baschenis nella chiesa di Santo Stefano a Carisolo, in provincia di Trento. In realtà gli apostoli sono dodici e quella sera a tavola siedono in tredici, dunque i conti non tornano. Perché allora, soprattutto in alcuni affreschi medievali, è raffigurato il tredicesimo apostolo?

Un apostolo di troppo per Antonio Baschenis

La prima testimonianza dell’esistenza della chiesa di S. Stefano risale al 1244 e le decorazioni pittoriche iniziano probabilmente nel 1461. A questa data appartiene l’affresco di Antonio Baschenis che rappresenta una splendida tavola, ricca di bicchieri e brocche, come di pani e pesci. Possiamo perderci tra i particolari, come ad esempio la presenza di gamberi rossi, che indicano il dolore, il sangue versato da Gesù. Ogni apostolo ha la sua epigrafe con il nome, tuttavia quando finiamo di contarli troviamo un intruso. È Mattia e si trova esattamente alla nostra sinistra, proprio verso l’estremità del tavolo, un vero e proprio falso storico. Perché Mattia si aggiunge al collegio apostolico solo dopo il tradimento e il suicidio di Giuda. Un dettaglio che non avrebbero gradito i padri del Concilio di Trento per cui l’arte non deve immaginare ma raccontare ciò che riferisce la Bibbia.

L’emblema dell’invulnerabilità della Chiesa

Infatti questi sono gli anni in cui si combatte lo scisma luterano e bisogna considerare che la provincia trentina è molto esposta all’eresia nordica. Ed è intuibile che nell’affresco, i committenti vogliono sottolineare che eventuali attacchi da parte di traditori non avrebbero messo in pericolo la stabilità della Chiesa. Quindi la presenza del tredicesimo apostolo trova spiegazione in una necessità di propaganda politico-religiosa. Nella scena la scomparsa di Giuda non è ancora avvenuta, eppure ecco che il pittore anticipa l’avvento di Mattia. È lui il simbolo della tempestività della Chiesa stessa che arriva a colmare i vuoti che si creano in essa. Ma chi è il tredicesimo apostolo? Appartiene alla cerchia allargata dei settanta discepoli, coloro che seguono il Signore, pur non appartenendo al gruppo dei fondatori. Nondimeno Mattia, il cui nome, in ebraico, significa Dono di Dio, segue silenziosamente Cristo dal Battesimo fino all’Ascensione.

L’importanza delle immagini

Quindi la sua figura è essenziale perché alla luce di quanto scritto è lui a restituirci il senso di tutta la rappresentazione. Poiché proprio lui irrompe sulla scena e arriva a sostituire Giuda, al fine di far dimenticare il suo tradimento. Ma è anche una lezione sul perdono per tutti i fedeli che arrivano ad ammirare questo capolavoro. Nel Concilio di Trento infatti erano state dedicate riunioni interne alla discussione sull’importanza di educare il popolo mediante le immagini. Quindi questo affresco regala una istantanea di quello che è stato il nuovo corso di una storia scritta dagli uomini nel segno della fede. Quella convinzione incrollabile che ha cavalcato i secoli per tramandare la sua eterna passione attraverso l’arte.

error: Content is protected !!