Diana

Diana principessa del Galles

Diana principessa del Galles

Diana Frances Spencer 1 luglio 1961, Sandringham, Regno Unito – 31 agosto 1997, Salpêtrière, Parigi, Francia


La principessa Diana è una figura iconica della fine del XX secolo. Durante la sua vita è la persona più fotografata, appare sulla copertina della rivista People più di chiunque altro. Incarna da sempre la bellezza e il glamour femminili. Allo stesso tempo, è ammirata per il suo innovativo lavoro di beneficenza; in particolare il suo lavoro con pazienti affetti da AIDS e il sostegno alla campagna per vietare le mine antiuomo. Sposata con il Principe Carlo nel 1981, ha ricevuto il titolo di “Sua Altezza Reale la Principessa Diana del Galles”. È rispettivamente la Madre del Principe William e il Principe Harry 2 ° e 3 ° in fila al trono. Diana è nata da una famiglia aristocratica che si collega alla famiglia reale.

Suo padre, Edward Spencer, visconte Althorp Edward Spencer è un diretto discendente di Carlo II. Di origine americana sua madre, viscontessa di Frances Althorp, lontanamente imparentata con la regina madre. Quando Diana ha 7 anni i suoi genitori divorziano, cresce nella casa di famiglia di Park House, prima di trasferirsi ad Althorp nel 1975. Diana non brilla come studentessa, mentre va bene nella musica e nel balletto. Quando incontra il suo futuro marito, Diana lavora come assistente part-time in una scuola materna a Londra.

Il matrimonio

Nel 1981, Al momento del matrimonio il Principe Carlo ha 33 anni, Diana 20. La cerimonia ha luogo il 29 luglio 1981 nella Cattedrale di Saint Paul a Londra. Scelta che offriva più posti a sedere rispetto all’Abbazia di Westminster, tradizionalmente usata per i matrimoni reali. Il grande pubblico si è quasi subito innamorato per l’innocenza e la bellezza della principessa Diana, e il matrimonio viene seguito da oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo. Durante il loro matrimonio hanno due figli, il principe William e il principe Harry.

Diana
Fonte Immagine www.telegraph.co.uk/news

Il sogno spezzato

A metà degli anni ’80, iniziano ad apparire tensioni nel matrimonio e sotto molta pubblicità il matrimonio si scioglie portando a un divorzio nel 1992. Durante questo periodo si dice che Diana ha sofferto di vari problemi di salute come la bulimia e la depressione. Come principessa del Galles, Diana prende parte a vari impegni ufficiali, come l’apertura di ospedali. Ciò le ha fornito uno sbocco naturale per essere coinvolta in vari tipi di opere di beneficenza. La sua naturale simpatia e unicità nei confronti dei pazienti era molto ammirata.
Nel 1987, la Principessa Diana è una delle prime celebrità famose ad essere fotografata con una vittima dell’AIDS. Questo è importante per cambiare l’atteggiamento nei confronti della malattia. All’epoca, molti pensano che la malattia viene contratta al solo tatto.

Un altro dei suoi enti di beneficenza di alto profilo, è il suo coinvolgimento nella campagna per vietare le mine antiuomo. Nel gennaio 1997, visita i campi minati in Angola per ispezionare lo sminamento delle mine antiuomo. Dopo la sua morte, il trattato di Ottawa fu firmato per vietare l’uso di mine antiuomo. Molti concordano sul fatto che il suo sostegno e il ruolo nella campagna hanno svolto un ruolo importante nell’influenzare questa decisione.

Poco prima della sua morte, il 18 giugno la Principessa Diana incontra Madre Teresa. Entrambe si ammiravano l’un l’altro. Madre Teresa diceva sempre “Diana è mia figlia”. Con estrema umiltà Diana disse: “Sono una Madre Teresa molto piccola”. Nonostante le insistenti intrusioni della stampa nella sua vita privata, Diana rimane molto popolare perché le persone possono identificarsi con lei. Il suo approccio pratico al lavoro di beneficenza, da l’immagine di un nuovo tipo di famiglia Reale, che non è più così distante.

Diana muore il 31 agosto 1997, in un incidente d’auto con Dodi Al-Fayed

Leggi anche LA LUCE DEL SOSPETTO: IL CASO DI EMANUELA ORLANDI

 

error: Content is protected !!