Fauna selvatica

La Fauna selvatica riconquista l’Abruzzo

Possiamo pensare di lasciare il segno sulla Terra quanto vogliamo, ma è solo temporaneo, perché con il tempo Madre Natura recupera i suoi territori perduti. Infatti la fauna selvatica del Parco Nazionale d’Abruzzo offre un eccezionale esempio delle conseguenze di desertificazione ai tempi del Covid-19.

Dall’isolamento umano la fauna selvatica rinasce

La pandemia di coronavirus ha portato il caos nelle vite e nelle economie di tutto il mondo. Tuttavia gli sforzi per frenare la diffusione pandemica potrebbe significare che il pianeta stesso si muove un po’ meno. Mentre rimaniamo a casa, il traffico sulle strade è ridotto all’osso ed è facile intuire che qualcosa è profondamente cambiato. I sentieri del Parco Nazionale dell’Abruzzo, Lazio e Molise, in generale affollati da escursionisti sono adesso popolati trionfalmente dalla fauna selvatica e della natura. Con l’arrivo della primavera ogni cosa si ridesta, gli orsi ed il loro cuccioli escono dalle tane. Addirittura i cervi, di solito molto schivi, passeggiano fieri per le strade di Villetta Barrea e Civitella Alfedena, sulle strade di solito animate dal caos. Purtroppo non è possibile godere dal vivo di questo fiorire della natura per la assenza di webcam che riprendono in diretta i nostri parchi.

fauna selvatica

Emozioni fotografiche

Ciononostante ci sono molte pagine facebook e siti web dove trovare foto e video degli animali che prendono il sopravvento nelle aree naturali. Ad esempio sul sito della cooperativa Ecotur di Pescasseroli, specializzata nel bearwatching, ci sono splendide immagini di plantigradi e di lupi. Se siete appassionati di trekking ed escursioni ci sono le incantevoli immagini della vita quitidiana dei lupi nel recinto faunistico nel Parco nazionale d’Abruzzo. Sulla piattaforma facebook sono molti i fotografi abruzzesi che propongono meravigliosi video dedicati alla fauna del Parco. Ad esempio nella pagina Wild Focus si può ammirare una infinità di bellezze dal camoscio al lupo, e dal cervo al cinghiale. Sul sito della Riserva Naturale del Monte Genzana, tra il Parco d’Abruzzo e Sulmona, si trovano immagini di falchi pellegrini che fanno cerchi nell’aria. La natura dipinge per noi queste immagini di bellezza, perciò vale la pena lottare per lei anche in futuro.

Link utili:

www.ecotur.org

www.riservagenzana.it

error: Content is protected !!