Margherita D’Antiochia o Margherita la pazza?

55
Margherita D'Antiochia o Margherita la pazza

Margherita D’Antiochia o Margherita la pazza? Istruita nella fede cristiana. All’età di quattordici anni, mentre accudiva le pecore, la vide il prefetto Olibrio e rimase colpito dalla sua bellezza da volerla per sé come moglie o concubina. Margherità dichiara la sua fede cristiana e per questo incarcerata; è visitata in cella dal demonio che le apparve in forma di drago e la inghiottì: ma Margherita, armata della croce, gli squarciò il ventre e uscì vittoriosa. Dopo aver resistito miracolosamente a vari tormenti, viene decapitata il 20 luglio del 290 a 15 anni.

                                                                                                                                      A cura di Mirko Di Leonardo

Sponsor

Nel secolo V papa Gelasio ritiene apocrifa la sua leggenda, che tuttavia ricompare nel secolo IX nel Martirologio di Rabano Mauro e presente anche nella Leggenda aurea di Jacopo da Varagine.

La santa subisce una rielaborazione popolaresca e diventa, nel folklore popolare fiammingo, personificazione della strega e allegoria dell’avarizia. Nota anche con l’appellativo di «Gret sauermaul» (tradotto «Rita la linguaccia») che litigava con il marito. O di «Gret la nera» che si spacciava per regina al posto della padrona. Insomma da santa a pazza Margherita è rappresentata dai pittori fiamminghi, nel dettaglio da Brueghel, come incarnazione dell’avidità bellicosa. L’opera in questione è Margherita la pazza (Dulle Griet) un dipinto olio su tavola (115×161 cm) del 1562, considerato pezzo forte della Collezione del Museo Mayer van der Bergh di Anversa (Belgio). L’opera ha subito un importante restauro realizzato dal Royal Institute for Cultural Heritage di Bruxelles.

Margherita D’Antiochia, santa o pazza?

L’opera fa parte di una serie, che comprende altri dipinti (Caduta degli Angeli ribelli, il Trionfo della Morte) con i quali condivide i richiami all’immaginario di Hieronymus Bosch. L’intera tavola è fitta di simboli alchimistici: il vascello con la sfera di cristallo che rimanda all’”athanor” dove si compie l’opera alchemica, un uomo che espelle un uovo dal deretano e getta monete ad una folla che le raccatta vociando. Bruegel critica il barattare la verità con la ricchezza. Infatti Margherita la pazza stringe un forziere, vasellame in argento, gioielli. Per mantenere le sue ricchezze è capace di tutto, per questo indossa una corazza e brandisce la spada. Ma nonostante tutto, non è salva. I suoi passi si susseguono fino alla porta dell’inferno che la aspetta con la bocca spalancata.

Il restauro, oltre che ridare la vivacità dei colori, ha fatto emergere dettagli nascosti: un paesaggio sullo sfondo, un orsetto di peluche. Altre correzioni alla storia del quadro è la parola “Dul” tracciata sulla tela, non fu Pieter Brugel a metterla ma fu aggiunta in seguito.

L’opera è protagonista di una mostra realizzata in collaborazione con il Museo Reale di Belle Arti di Anversa. Una preziosa antologia che riunisce dipinti, sculture, manoscritti e oggetti del XV e XVI secolo provenienti dalle collezioni di Fritz Mayer van den Bergh (1858–1901) e Florent van Ertborn (1784–1840), rispettivamente all’origine delle attuali collezioni dei musei Mayer van den Bergh e KMSKA.

Leggi anche: Maria Simone: la sartina che voleva sposarsi