Acqua Terra e sole qual è il loro legame?

E' possibile che l'acqua sulla Terra si sia formata da asteroidi di tipo C? Una nuova ricerca spiega come tutto ha avuto origine da particelle solari formate in gran parte da ioni di idrogeno

298
Acqua Terra e sole qual è il loro legame?

Acqua Terra e sole: un team di ricerca scopre che parte dell’acqua della Terra proviene dal sole.

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature Astronomy, il vento solare, composto da particelle solari formate in gran parte da ioni di idrogeno, ha creato l’acqua sulla superficie dei grani di polvere trasportati dagli asteroidi che si sono scontrati con la Terra primitiva.

Sponsor

“La Terra era molto ricca d’acqua rispetto ad altri pianeti rocciosi del sistema solare. Con oceani che coprivano più del 70% della sua superficie; e gli scienziati si sono a lungo interrogati sull’esatta origine del fenomeno”. Dichiara alla stessa il professor Phil Bland; direttore dello Space Science and Technology Centre della Curtin University.

Acqua Terra e sole: è il vento solare ad aver generato l’acqua terrestre

Una teoria esistente è che l’acqua sia stata trasportata sulla Terra nelle fasi finali della sua formazione su asteroidi di tipo C; tuttavia i test precedenti delle “impronte digitali” isotopiche di questi asteroidi hanno scoperto che, in media, non corrispondevano all’acqua trovata sulla Terra. Il che significa che c’era almeno un’altra fonte sconosciuta.

La nostra ricerca suggerisce che il vento solare ha creato acqua sulla superficie di minuscoli grani di polvere e che quest’acqua isotopicamente più leggera ha probabilmente fornito il resto dell’acqua della Terra“.

Usando la tomografia a sonda atomica, il professor Bland e colleghi hanno analizzato un granello di olivina dall’asteroide di tipo S Itokawa, i cui campioni sono stati raccolti dalla sonda Hayabusa della JAXA e riportati sulla Terra nel 2010.

“Il nostro sistema di tomografia a sonda atomica di classe mondiale ci ha permesso di dare un’occhiata incredibilmente dettagliata all’interno dei primi 50 nm circa della superficie dei grani di polvere di Itokawa, che abbiamo scoperto contenere abbastanza acqua che, su scala, sarebbe pari a circa 20 litri per ogni m3 di roccia“. Aggiunge il professor Bland.

***

“È il tipo di misurazione che semplicemente non sarebbe stata possibile senza questa notevole tecnologia”. Commenta la professoressa Michelle Thompson, una ricercatrice del Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Atmosfera e Planetarie della Purdue University.

Ci dà una visione straordinaria di come minuscole particelle di polvere che galleggiano nello spazio potrebbero aiutarci a far quadrare i conti sulla composizione isotopica dell’acqua della Terra, e darci nuovi indizi per aiutare a risolvere il mistero delle sue origini“.

Disco protoplanetario, una lacuna di 4,5 mln di anni

La nostra ricerca non solo dà agli scienziati una visione notevole dell’ origine passata dell’acqua della Terra, ma potrebbe anche aiutare le future missioni spaziali”. Spiega il dottor Luke Daly. Ricercatore della Scuola di Scienze Geografiche e della Terra presso l’Università di Glasgow.

Come gli astronauti otterrebbero acqua sufficiente, senza portare rifornimenti, è una delle barriere della futura esplorazione spaziale“.

La nostra ricerca mostra che lo stesso processo di erosione spaziale che ha creato l’acqua su Itokawa si è probabilmente verificato su altri pianeti senza aria, il che significa che gli astronauti potrebbero essere in grado di elaborare forniture di acqua fresca direttamente dalla polvere sulla superficie di un pianeta, come la Luna“.