Cardamomo spezia che può uccidere le cellule di cancro al seno
0 4 minuti 3 mesi

La cardamonina – un composto naturale che si trova nella spezia cardamomo e in altre piante – potrebbe avere un potenziale terapeutico per il cancro al seno triplo-negativo. A dichiararlo è un nuovo studio su cellule tumorali umane. I risultati mostrano anche che il composto si rivolge a un gene che aiuta le cellule tumorali a eludere il sistema immunitario.

Circa il 10-15% dei tumori al seno sono triplo-negativi; ciò significa che non hanno recettori per estrogeni o progesterone e non producono quantità in eccesso di una proteina chiamata HER2. Questi tumori sono difficili da trattare perché non rispondono alle terapie a base di ormoni usate per altri tipi di cancro al seno. Essi tendono anche ad essere più aggressivi e hanno un tasso di mortalità più elevato rispetto agli altri tumori del seno.

È stato impegnativo sviluppare una terapia mirata per il cancro al seno triplo-negativo che sia sicura ed efficace allo stesso tempo”, ha detto Patricia Mendonca, PhD, assistente professoressa e analista di ricerca alla Florida A&M University di Tallahassee. “A causa di questo, c’è un bisogno critico di indagare le piante medicinali come un nuovo modo per combattere questo cancro”.

Mendonca presenterà la nuova ricerca al meeting annuale dell’American Society for Investigative Pathology; ciò avverrà durante la riunione di Experimental Biology (EB) 2022, che si terrà fino al 5 aprile a Philadelphia.

Una nuova indagine rileva che la spezia di Cardamomo può uccidere le cellule di cancro al seno triplo-negativo

Il fatto che la cardamonina sia stata usata per secoli come spezia e, più recentemente, come integratore, dimostra che la sua assunzione è sicura e può portare benefici alla salute”, ha spiegato Mendonca. “La nostra ricerca mostra che la cardamonina ha un potenziale per migliorare la terapia del cancro senza tanti effetti collaterali come altri agenti chemioterapici”.

Per la nuova indagine, i ricercatori hanno studiato come la cardamonina ha influenzato l’espressione del gene del ligando della morte cellulare programmata 1 (PD-L1), che si trova nelle cellule tumorali. PD-L1 è sovraespresso durante la progressione del cancro al seno e gioca un ruolo critico nell’aiutare le cellule del cancro al seno ad eludere il sistema immunitario del corpo.

***

I ricercatori hanno usato due linee cellulari di cancro al seno triplo-negativo geneticamente diverse; una derivata da donne di origine afroamericana e l’altra da donne di origine europea (caucasiche). Hanno scoperto che il trattamento con la cardamonina ha causato una diminuzione dose-dipendente della vitalità cellulare in entrambe le linee cellulari. Ha anche ridotto l’espressione di PD-L1 nella linea cellulare caucasica ma non in quella afroamericana; indicando che le cellule di razze diverse possono rispondere in modo diverso alla cardamonina a causa delle variazioni genetiche tra le razze.

Questo è il primo studio che descrive l’effetto inibitorio della cardamonina sull’espressione di PD-L1, che è rilevante per il trattamento del cancro al seno triplo-negativo”, ha aggiunto Mendonca. “Questi risultati aggiungono supporto ad altre ricerche che hanno mostrato differenze nel microambiente tumorale tra africani e non africani americani”.

I ricercatori avvertono che questa ricerca è ancora in corso. Hanno in programma di eseguire più studi sia nelle cellule che negli animali per confermare l’efficacia di questo composto prima che sia testato nelle persone. Vogliono anche esplorare altri meccanismi che possono essere coinvolti nelle proprietà anticancro della cardamonina.

Medicina, approfondisci.