Cervello e Psicosi: il rischio collegato

68
Cervello e Psicosi
Foto di OpenClipart-Vectors - pixabay / Le sottili differenze nella forma del cervello sono associate allo sviluppo della psicosi

Uno studio internazionale collega l’assottigliamento del cervello alla psicosi

Sottili differenze nella forma del cervello che sono presenti nell’adolescenza, sono associate allo sviluppo della psicosi. Questo è quanto affermano un team internazionale, guidato da neuroscienziati dell’Università di Pittsburgh School of Medicine e dell’Università di Maastricht nei Paesi Bassi.

Nei risultati pubblicati su JAMA Psychiatry, le differenze sono troppo sottili per individuarle in un individuo o utilizzarle a fini diagnostici. Ma i risultati potrebbero contribuire agli sforzi in corso per sviluppare un punteggio di rischio cumulativo per la psicosi che consentirebbe di rilevare e trattare prima, così come le terapie mirate. La scoperta è stata fatta con il più grande raggruppamento di scansioni cerebrali in bambini e giovani adulti determinati dalla valutazione psichiatrica ad alto rischio di sviluppare psicosi.

Cervello e Psicosi: le scansioni cerebrali negli adolescenti rilevano i soggetti a rischio 

Questi risultati sono stati, in un certo senso, sconfortanti“, ha detto Maria Jalbrzikowski, Ph.D., assistente professore di psichiatria a Pitt.

Da un lato, il nostro set di dati include il 600% in più di giovani ad alto rischio che hanno sviluppato psicosi rispetto a qualsiasi studio esistente, permettendoci di vedere risultati statisticamente significativi nella struttura del cervello. Ma la percentuale di variazione tra il fatto che un giovane ad alto rischio sviluppi o meno una psicosi è così piccola che sarebbe impossibile vedere una differenza a livello individuale. C’è bisogno di più lavoro per tradurre i nostri risultati in cure cliniche”.

La psicosi è un termine generico per una costellazione di gravi disturbi mentali che causano nelle persone difficoltà a determinare ciò che è reale e ciò che non lo è. Il più delle volte, gli individui hanno allucinazioni in cui vedono o sentono cose che gli altri non vedono. Possono anche avere forti convinzioni, o deliri, anche quando la maggior parte delle persone non ci crede. La schizofrenia è solo uno dei disturbi associati alla psicosi, e i sintomi psicotici possono verificarsi in altri disturbi psichiatrici, come il disturbo bipolare, la depressione, il disturbo dismorfico del corpo o il disturbo post-traumatico da stress. Nelle persone che ricevono una diagnosi di psicosi, c’è una grande eterogeneità nei risultati nel tempo.

Sponsor

Diagnosi di Psicosi

La diagnosi di solito avviene nella tarda adolescenza e nella prima età adulta. Invece, più spesso i sintomi iniziano a manifestarsi negli anni giovanili; quando i medici possono utilizzare valutazioni psicologiche per determinare il rischio di una persona di sviluppare una psicosi completa.

Jalbrzikowsi e Dennis Hernaus, Ph.D., assistenti alla Scuola di Salute Mentale e Neuroscienze all’Università di Maastricht, sono co-presidenti del gruppo di lavoro Enhancing Neuro Imaging Genetics Through Meta-Analysis (ENIGMA) Clinical High Risk for Psychosis.

Questo team ha messo in comune le scansioni di risonanza magnetica strutturale (MRI) di 3.169 partecipanti volontari con un’età media di 21 anni, reclutati in 31 istituzioni diverse. Circa la metà – 1,792 dei partecipanti – era stato identificato come “ad alto rischio clinico per lo sviluppo di psicosi”. Di questi partecipanti ad alto rischio, 253 hanno sviluppato una psicosi entro due anni. I co-presidenti hanno sottolineato che questo studio non sarebbe stato possibile senza gli sforzi di collaborazione degli oltre 100 ricercatori coinvolti.

Guardando tutte le scansioni insieme, il team ha scoperto che quelli ad alto rischio di psicosi avevano uno spessore corticale inferiore diffuso, una misura dello spessore della materia grigia del cervello. Nei giovani ad alto rischio che hanno poi sviluppato la psicosi, lo spessore della corteccia era più marcato in diverse regioni temporali e frontali.

Giovani ad alto rischio

Tutti passano attraverso un processo di assottigliamento corticale mentre si sviluppano in un adulto. Tuttavia il team ha scoperto che nei partecipanti più giovani tra i 12 e i 16 anni che hanno sviluppato la psicosi, l’assottigliamento era già presente. Questi giovani ad alto rischio che hanno sviluppato la psicosi, progredivano anche a un ritmo più lento rispetto al gruppo di controllo.

“Non sappiamo ancora esattamente cosa questo significhi. Ma l’adolescenza è un periodo critico nella vita di un ragazzino; è un momento di opportunità per correre rischi ed esplorare, ma anche un periodo di vulnerabilità”. Ha spiegato Jalbrzikowski. “Potremmo vedere il risultato di qualcosa che è successo anche prima nello sviluppo del cervello; ma che inizia a influenzare il comportamento solo durante questa fase dello sviluppo”.

Hernaus ha sottolineato che questi risultati evidenziano l’importanza della diagnosi precoce e dell’intervento nelle persone che mostrano fattori di rischio per lo sviluppo della psicosi; che includono l’udire sussurri di voci che non ci sono e anche una storia familiare di psicosi.

Fino ad ora, i ricercatori hanno studiato principalmente come i cervelli delle persone ad alto rischio clinico di psicosi differiscono in un dato momento”; ha affermato Hernaus. “Un importante passo successivo è quello di comprendere meglio i cambiamenti del cervello nel tempo; poiché potrebbero fornire nuovi indizi sui meccanismi sottostanti rilevanti per la psicosi”.

Questa ricerca ha ricevuto il sostegno di numerosi finanziatori elencati nel manoscritto di JAMA Psychiatry. Jalbrzikowski ha ricevuto il sostegno del National Institute of Mental Health grant K01 MH112774.