I pesci sono abili calcolatori
0 6 minuti 3 mesi

Uno studio spettacolare evidenzia come i pesci sono abili calcolatori

Ciclidi e trigoni possono eseguire semplici addizioni e sottrazioni nella gamma di numeri da uno a cinque. Questo è stato dimostrato in un recente studio dell’Università di Bonn, che è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports. Non si sa per cosa gli animali abbiano bisogno delle loro abilità matematiche.

Supponiamo che ci siano delle monete sul tavolo di fronte a voi. Se la quantità è piccola, è possibile dire immediatamente quante sono di preciso. Non c’è nemmeno bisogno di contarle: basta una sola occhiata. I ciclidi e le razze sono sorprendentemente simili a noi in questo senso: possono rilevare piccole quantità con precisione – e presumibilmente senza contare. Per esempio, possono essere addestrati a distinguere in modo affidabile quantità di tre da quantità di quattro.

Questo fatto è noto da tempo. Tuttavia, il gruppo di ricerca guidato dalla Prof. Dr. Vera Schluessel dell’Istituto di Zoologia dell’Università di Bonn ha ora dimostrato che entrambe le specie possono anche calcolare. “Abbiamo addestrato gli animali ad eseguire semplici addizioni e sottrazioni”, spiega Schluessel. “Nel farlo, dovevano aumentare o diminuire un valore iniziale di uno”.

I pesci sono abili calcolatori: Blu significa “aggiungere uno”, giallo significa “sottrarre uno”

Ma come si fa a chiedere a un ciclide il risultato di “2+1” o “5-1”? I ricercatori hanno usato un metodo che altri gruppi di ricerca avevano già utilizzato con successo per testare le capacità matematiche delle api: Hanno mostrato ai pesci una collezione di forme geometriche – per esempio, quattro quadrati. Se questi oggetti erano colorati di blu, ciò significava “aggiungi uno” per la seguente discriminazione. Il giallo, invece, significava “sottrarre uno”.

Dopo aver mostrato lo stimolo originale (per esempio quattro quadrati), agli animali venivano mostrate due nuove immagini – una con cinque e una con tre quadrati. Se nuotavano verso l’immagine corretta (cioè verso i cinque quadrati nel compito aritmetico “blu”), venivano premiati con del cibo. Se davano la risposta sbagliata, andavano via a mani vuote. Col tempo, hanno imparato ad associare il colore blu con un aumento di uno della quantità mostrata all’inizio, e il numero giallo con una diminuzione.

Ma i pesci possono applicare questa conoscenza a nuovi compiti? Avevano effettivamente interiorizzato la regola matematica dietro i colori? “Per verificarlo, abbiamo deliberatamente omesso alcuni calcoli durante l’allenamento”, spiega Schluessel. “Vale a dire, 3+1 e 3-1. Dopo la fase di apprendimento, gli animali hanno visto questi due compiti per la prima volta. Ma anche in questi test, hanno scelto molto spesso la risposta corretta”.

Questo era vero anche quando dovevano decidere tra la scelta di quattro o cinque oggetti dopo essere stato mostrato un 3 blu – cioè due risultati che erano entrambi maggiori del valore iniziale. In questo caso, i pesci hanno scelto quattro piuttosto che cinque, indicando che non avevano imparato la regola “scegli la quantità più grande (o più piccola) presentata” ma la regola “aggiungi o sottrai sempre uno”.

Il calcolo in assenza di corteccia cerebrale

Questo risultato ha sorpreso gli stessi ricercatori – soprattutto perché i compiti erano in realtà ancora più difficili di quanto appena descritto. Ai pesci non venivano mostrati oggetti della stessa forma (ad esempio quattro quadrati), ma una combinazione di forme diverse. Un “quattro”, per esempio, poteva essere rappresentato da un cerchio piccolo e uno più grande, un quadrato e un triangolo, mentre in un altro calcolo poteva essere rappresentato da tre triangoli di dimensioni diverse e un quadrato.

“Così gli animali dovevano riconoscere il numero di oggetti rappresentati e allo stesso tempo dedurre la regola di calcolo dal loro colore”, spiega la Schluessel. “Dovevano mantenere entrambi nella memoria di lavoro quando l’immagine originale veniva scambiata con le due immagini del risultato. E dopo dovevano decidere il risultato corretto. Nel complesso, è un’impresa che richiede capacità di pensiero complesse”.

***

Per alcuni può essere sorprendente perché i pesci non hanno una neocorteccia – la parte del cervello conosciuta anche come “corteccia cerebrale” che è responsabile di compiti cognitivi complessi nei mammiferi. Inoltre, nessuna delle due specie di pesci è nota per richiedere abilità numeriche particolarmente buone in natura. Altre specie potrebbero prestare attenzione al numero di strisce dei loro partner sessuali o alla quantità di uova nelle loro covate. “Tuttavia, questo non è noto da razze e ciclidi”, sottolinea la professoressa di zoologia dell’Università di Bonn.

Per lei il risultato degli esperimenti è anche la conferma che gli esseri umani tendono a sottovalutare le altre specie, specialmente quelle che non appartengono alla nostra famiglia o ai mammiferi in generale. Inoltre, i pesci non sono particolarmente carini e non hanno pelliccia o piumaggio da coccolare. “Di conseguenza, sono abbastanza in basso nel nostro interesse – e di scarsa considerazione quando muoiono a causa delle brutali pratiche nel settore della pesca mercantile”, commenta Vera Schluessel.


Le ultime di SCIENZA.