Indagine Everli: italiani “maniaci del controllo”

Delegare sì o delegare no? Everli indaga sulla spesa degli italiani: i consumatori del Bel Paese non hanno dubbi: per quasi un terzo di loro, risparmiare le energie e il tempo che solitamente investono al supermercato li farebbe sentire più sollevati

168
Indagine Everli

Indagine Everli: italiani “maniaci del controllo” quando si tratta di spesa. Sebbene il 62% sia disposto a delegarla ad altri, quasi 1 su 3 (29%) sarebbe poi in ansia sapendola gestita da altri

Sponsor
  • A oltre un quarto dei consumatori tricolore (27%) non piace fare la spesa; stare in coda alla cassa (44%) e recarsi al punto vendita (22%) sono gli aspetti più “odiati”;
  • L’energia potenzialmente risparmiata al supermercato, si tradurrebbe in momenti di qualità per se stessi (48%), stare con la propria famiglia (28%) e andare al ristorante (16%).

Milano, 28 settembre 2021 – Se fare la spesa per sé e i propri cari è un’attività fondamentale e sinonimo di cura e amore, è altrettanto vero che, complice la frenesia quotidiana, incastrare tale impegno in agenda può diventare spesso faticoso. Lo confermano i dati di una nuova ricerca realizzata da Everli – il marketplace della spesa online – secondo cui a oltre un quarto (27%) degli utenti tricolore non piace affatto fare questo tipo di shopping.

Altrettanto faticoso, tuttavia, sembra riuscire a delegare questa attività, indipendentemente che piaccia o meno: pare, infatti, che quasi un terzo (29%) degli italiani si sentirebbe in ansia sapendo che qualcun altro si sta occupando della spesa al loro posto. Ma quali sono gli aspetti che gli utenti del Bel Paese trovano più ostici e come pensano che poter avere qualcuno di fidato con cui condividere questo “onere” possa migliorargli la vita? Queste e altre curiosità emergono dall’indagine realizzata da Everli sul rapporto degli italiani con la spesa.

Indagine Everli: A oltre un quarto degli italiani (27%) non piace fare la spesa

Fare la spesa è un’incombenza che tocca a tutti e occupa molto tempo prezioso all’interno della settimana dei consumatori dello Stivale; basti pensare che 1 persona su 10 (10%) trascorre al supermercato oltre tre ore della propria settimana. Mentre il 43% dalle due alle tre ore. Pare dunque comprensibile che i rispondenti si dividano in due opposti schieramenti: i detrattori della spesa (27%) – sono quasi prevalentemente donne e soprattutto appartenenti alla fascia d’età tra i 25 e i 39 anni – e i fan delle corsie del supermarket (16%).

Indipendentemente dalla propensione o meno a questa attività, ci sono alcuni elementi che fanno fatica ad esser “digeriti”. Ma quali sono? La cosa più insopportabile secondo gli utenti italiani sembra fare la coda alla cassa per pagare i propri acquisti (44%); e tra gli impazienti quasi un terzo sono uomini (30%). Inoltre, quasi 1 italiano su 5 (18%) valuta “pesante” il solo fatto di doversi recare fisicamente nel luogo dove fare le proprie compere. E, benché in percentuale più contenuta, anche destreggiarsi tra le corsie, non è considerato rilassante (5%).

Delegare sì o delegare no?

Una delle possibilità per tentare di trovare un equilibrio nella gestione della propria agenda settimanale, liberando tempo a una incombenza da poter dedicare ad altro, potrebbe essere provare a delegare lo shopping domestico. Si dichiara favorevole ben oltre la metà degli italiani (62%); divisi tra chi “affiderebbe” la propria spesa ad altri ogni qualvolta possibile (19%) e chi invece si alleggerirebbe della gravosa commissione solo qualche volta (43%).

Nonostante questo, quando si tratta di spesa, sembra che nei consumatori del Bel Paese scattino stress e “mania di controllo”; infatti, quasi un terzo degli intervistati (29%) confessa che si sentirebbe in ansia sapendo la lista della spesa in mani altrui. Ma cosa potrebbe mai accadere? Oltre un terzo degli italiani (37%) teme – anzi dice di sapere già a monte – che la persona prescelta non avrebbe la stessa cura nella scelta dei prodotti, soprattutto quelli freschi.

Un aspetto fondamentale anche nell’esperienza di acquisto offerta da Everli che, grazie alla preparazione e alla cura al dettaglio degli Shopper, riesce a garantire la massima attenzione nella scelta del singolo prodotto a carrello, dalla qualità, alla data di scadenza, fino alla possibilità di interagire col cliente per proporre delle sostituzioni in tempo reale.

***

In base alle evidenze emerse dalla ricerca condotta da Everli, i consumatori del Bel Paese non hanno dubbi. Per quasi un terzo di loro, risparmiare le energie e il tempo che solitamente investono al supermercato li farebbe sentire più sollevati (29%); e quindi in grado di svolgere attività più piacevoli e gratificanti per sé e le persone del cuore.

Interessante notare che quasi la metà dei rispondenti (48%) opterebbe per dedicarsi a se stesso; divisi a parimerito tra quanti si prenderebbero maggiormente cura della propria persona (24%). E ancora chi svolgerebbe attività fisica (24%). Solo in seconda battuta, più di un quarto (28%), sceglierebbe di organizzare più attività con la propria famiglia; infine, il 16% troverebbe molto gratificante uscire a mangiare o a bere un drink in compagnia.

Indagine Everli: 

“Da sempre l’obiettivo di Everli è quello di offrire ai clienti la massima serenità; e farli sentire sollevati da un’incombenza domestica attraverso un’esperienza di acquisto per la loro spesa sicura e di qualità. Al centro di questa esperienza ci sono gli utenti – che possono scegliere i prodotti preferiti dai propri supermercati di fiducia e decidere quando riceverli – e gli Shopper di Everli, dei veri e propri consulenti della spesa per chi si affida al nostro servizio; prendono in carico l’ordine, si recano al supermercato prescelto, interagiscono con il cliente per proporre le sostituzioni di eventuali prodotti mancanti nel punto vendita e per carpirne le specifiche preferenze, facendo a tutti gli effetti la spesa proprio con la loro stessa cura e attenzione” – dichiara Alice Coverlizza, Chief Business Officer Italy di Everli .

“Per noi è fondamentale ascoltare le esigenze dei consumatori per trovare funzionalità e iniziative sempre nuove per continuare a migliorare il nostro servizio; una soluzione che integra tecnologia e tocco umano, e a cui le persone possono affidarsi per eliminare almeno una parte della complessità della vita di tutti i giorni”.