Insufficienza cardiaca sintomi

Insufficienza cardiaca sintomi: cosa sapere

Comprendere l’insufficienza cardiaca avanzata i suoi sintomi e gli effetti

L’insufficienza cardiaca avanzata si verifica se lo scompenso cardiaco continua a peggiorare nonostante l’assunzione di farmaci e l’adozione di altre misure (come la modifica della dieta) per gestire la condizione. Quando il cuore non pompa abbastanza sangue nel corpo per consentire agli organi di funzionare al meglio, si verifica un’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, questo indica che il cuore non è in grado di lavorare al meglio. Spesso si avverte mancanza di respiro, gonfiore e poi difficoltà a svolgere le attività quotidiane. Se il problema progredisce e diventa un’insufficienza cardiaca avanzata, è importante rivolgersi agli specialisti giusti, in modo da poter godere di una migliore qualità di vita.

Quali sono i sintomi dell’insufficienza cardiaca?

Diverse associazioni mediche accreditate hanno definito l’insufficienza cardiaca e i sintomi dello scompenso cardiaco avanzato. Poiché le definizioni disponibili sono molteplici, è difficile individuare un’unica serie di sintomi che indichino che si è in presenza di un’insufficienza cardiaca avanzata.

Tuttavia, alcuni dei sintomi comunemente elencati da organizzazioni come la Heart Failure Society of America, l’American Heart Association (AHA) e l’American College of Cardiology (ACC) includono:

  • mancanza di respiro con l’attività
  • danni agli organi principali, come i reni, il cervello o gli occhi, causati da una cattiva circolazione
  • ritenzione di liquidi (gonfiore) che non migliora con i farmaci diuretici
  • frazione di eiezione ridotta inferiore al 40%
  • frequenti episodi di pressione bassa
  • più di due ricoveri in ospedale all’anno per sintomi legati all’insufficienza cardiaca.

(In aggiunta, lo specialista può ordinare un esame del sangue per verificare la presenza di sostanze che indicano che il cuore sta cedendo. Questi esami possono aiutare il medico a determinare la gravità dei sintomi).

Stadi dello scompenso cardiaco avanzato

Spesso i medici considerano i sintomi di un paziente e “classificano” l’insufficienza cardiaca. L’uso degli stadi aiuta i medici a comunicare agli altri operatori sanitari la gravità della patologia e anche  i trattamenti necessari.

Esistono due principali sistemi di classificazione dell’insufficienza cardiaca:

l’ACC/AHA
l’Associazione cardiaca di New York (NYHA)
Esempi di stadi sono:

Stadi ACC/AHA

A: il paziente è ad alto rischio di sviluppare un’insufficienza cardiaca, ma non presenta disturbi cardiaci funzionali o strutturali.
B: disturbo cardiaco strutturale senza sintomi
C: sintomi passati o attuali di insufficienza cardiaca associati a un disturbo strutturale
D: malattia cardiaca avanzata che richiede assistenza ospedaliera, trapianto o cure palliative.

*** I pazienti con insufficienza cardiaca avanzata rientrano nella categoria D.

Stadi NYHA

I: nessuna limitazione alla normale attività fisica
II: sintomi lievi con attività normale
III: sintomi marcati durante le attività quotidiane, asintomatici solo a riposo
IV: limitazioni gravi, sintomi anche a riposo

*** I soggetti con insufficienza cardiaca avanzata presentano sintomi di classe III o IV.

Possibili trattamenti

In presenza di sintomi di insufficienza cardiaca avanzata, il medico può consigliare di eseguire degli esami per:

  • determinare l’efficacia del pompaggio del cuore
  • misurare le pressioni nel cuore

Un modo per farlo è il cosiddetto cateterismo cardiaco destro, in cui il medico infila uno speciale catetere attraverso un’arteria del polso o della gamba per misurare le pressioni del cuore. Lo specialista probabilmente prescriverà poi una serie di farmaci per trattare l’insufficienza cardiaca. Questi farmaci agiscono per ridurre lo sforzo del cuore nel pompare il sangue. Alcuni di questi medicinali comprendono i beta-bloccanti e i bloccanti chimici chiamati bloccanti del sistema RAAS e gli inibitori SGLT2.

Se l’insufficienza cardiaca è molto avanzata e il corpo muove poco sangue, il medico può consigliare un dispositivo di supporto circolatorio meccanico temporaneo. Potrebbe anche essere necessario somministrare farmaci speciali per via endovenosa per aiutare il muscolo cardiaco a pompare meglio.

Diversi tipi di dispositivi possono aiutare il cuore. Il sistema scelto dipende in genere dalle pressioni del cuore e dallo stato di salute generale. La tabella seguente illustra alcuni dispositivi di supporto circolatorio meccanico.

***
Nome del dispositivo Cosa fa Chi non può utilizzare il dispositivo (controindicazioni)
Pompa a palloncino intra-aortica (IABP) un dispositivo che prevede l’inserimento di un catetere nell’inguine e la presenza di una pompa esterna che aiuta a far uscire più sangue dal cuore
  • grave arteriopatia periferica (PAD)
  • storia di aneurisma dell’aorta addominale (AAA)
  • insufficienza aortica significativa (IA)
Impella un dispositivo che prevede l’inserimento di un catetere nell’inguine e l’avanzamento al cuore dove aiuta a spostare il sangue dal ventricolo del cuore al corpo
  • coagulo sanguigno noto (trombo) nel ventricolo sinistro
  • IA significativo
  • valvola aortica meccanica
  • PAD grave
Tandemheart un dispositivo che aumenta la produzione di sangue del cuore bypassando il ventricolo sinistro (parte del cuore che pompa il sangue al corpo)
  • difetto del setto ventricolare (VSD)
  • IA significativo
  • coagulo di sangue atriale sinistro (trombo)
Ossigenazione veno-arteriosa della membrana extracorporea (VA-ECMO) Questo dispositivo è una forma speciale di supporto cardiaco che gestisce il lavoro del cuore e dei polmoni.
  • PAD grave
  • IA significativa
  • dissezione aortica
Aspettative di vita

In Italia sono circa 1.500.000 le persone che soffrono di scompenso cardiaco e si stima che la sua prevalenza raddoppi a ogni 10 anni (dopo i 65 anni arriva al 10% circa) [Dati OMS]. Negli Stati Uniti sono circa 6,2 milioni. In tutta Europa sono circa il 2,5% della popolazione. Tuttavia, è difficile stimare quante persone soffrano di insufficienza cardiaca avanzata perché esistono diverse definizioni della condizione.

Nel 2015, solo negli Stati Uniti, circa 75.000 persone sono morte a causa di uno scompenso cardiaco avanzato. Tra coloro che non utilizzano terapie come un LVAD o un regime farmacologico completo, si ritiene che il 35% dei pazienti/Trusted Source con insufficienza cardiaca grave morirà entro un anno.

Conclusione

L’insufficienza cardiaca avanzata è una patologia che ha un decorso imprevedibile. Ciononostante, i risultati e i trattamenti stanno migliorando regolarmente per aiutare chi ne è affetto, a vivere una vita più lunga e soddisfacente. È importante assicurarsi soprattutto di comprendere la propria condizione e porre al proprio medico domande sulle possibili terapie.

Estate Romana 2022 Previous post Estate Romana 2022 appuntamenti imperdibili!
Patti Smith incanta Piacenza Next post Patti Smith incanta Piacenza