Kongonaphon il più piccolo dinosauro

Kongonaphon il più piccolo dinosauro mai vissuto

Un nuovo studio ha scoperto un lontano parente di Dinosauri e Pterosauri, che hanno chiamato Kongonaphon. Una miniaturizzazione dei più grandi animali mai vissuti sulla Terra.


Premessa:

I dinosauri e gli pterosauri possono essere noti per le loro notevoli dimensioni.

Ma una specie appena scoperta, vissuta circa 237 milioni di anni fa, suggerisce che si sono originati da antenati estremamente piccoli. Il rettile fossile, chiamato Kongonaphon kely; o “piccolo uccisore d’insetti“, sarebbe stato alto appena 10 centimetri.

La descrizione e l’analisi di questo fossile e dei suoi parenti, è pubblicata oggi sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. Uno studio che può aiutare a spiegare sia le origini del volo negli pterosauri, sia la presenza di “lanugine” (fuzz) sulla pelle. Un elemento comune agli pterosauri e nei dinosauri. Ed ancora altre domande su questi animali carismatici.

Kongonaphon kely, la risposta ai giganti della terra

C’è la percezione generale che i dinosauri siano dei giganti“. Rileva Christian Kammerer, un curatore della ricerca in paleontologia al North Carolina Museum of Natural Sciences; e un ex borsista Gerstner Scholar all’American Museum of Natural History. “Ma questa nuova specie è quanto di più straordinariamente contraddittorio, rispetto a ciò che sappiamo oggi sui dinosauri e pterosauri, poiché l’esemplare è incredibilmente piccolo“.

Dinosauri e pterosauri appartengono entrambi al gruppo Ornithodira (Rettili). Le loro origini, tuttavia, sono poco conosciute, poiché – a scapito di ciò che generalmente si pensa – sono stati trovati pochi esemplari.

I fossili di Kongonaphon sono stati scoperti nel 1998 in Madagascar da un gruppo di ricercatori guidati dal Museo Americano di Storia Naturale Frick Curator di Fossil Mammals John Flynn; (che all’epoca lavorava al Field Museum). In stretta collaborazione con scienziati e studenti dell’Università di Antanananarivo; e co-leader del progetto Andre Wyss, presidente e professore del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università della California-Santa Barbara e socio ricercatore del Museo Americano di Storia Naturale.

“Questo sito fossile nel sud-ovest del Madagascar, in un arco di tempo molto breve, ha prodotto alcuni dei fossili più sorprendenti.  E questo minuscolo esemplare, è stato mescolato tra le centinaia che abbiamo raccolto dal sito nel corso degli anni”. Ha detto Flynn.

“Ci è voluto un po’ di tempo prima di poterci concentrare su queste ossa, ma una volta fatto, è stato chiaro che avevamo qualcosa di unico e che valeva la pena guardare più da vicino. Questo è un ottimo esempio del perché le scoperte sul campo – combinate con la moderna tecnologia per analizzare i fossili recuperati – sono importantissime”.

L’origine in Madagascar

“Questo ritrovamento, sottolinea l’importanza della documentazione fossile del Madagascar per migliorare la conoscenza della storia dei vertebrati in tempi poco conosciuti in altri luoghi”; ha detto il co-leader del progetto Lovasoa Ranivoharimanana, professore e direttore del laboratorio di paleontologia dei vertebrati dell’Università di Antanananarivo in Madagascar.

“Nel corso di due decenni, le nostre squadre di collaborazione Madagascar-USA hanno formato molti studenti malgasci in scienze paleontologiche; e scoperte come questa aiutano le persone in Madagascar e in tutto il mondo ad apprezzare meglio l’eccezionale testimonianza di vita antica conservata nelle rocce del nostro Paese”.

Kongonaphon non è il primo piccolo animale conosciuto vicino alla radice dell’albero genealogico di Ornithodira. Ma in precedenza tali esemplari erano considerati “eccezioni isolate rispetto alla routine“, ha osservato Kammerer.

In generale, il pensiero scientifico è che le dimensioni del corpo siano rimaste simili tra i primi arcosauri; il gruppo di rettili più grande che comprende uccelli, coccodrilli, dinosauri non aviari e pterosauri. E poi tra i primi ornithodirani, prima di raggiungere proporzioni gigantesche nella stirpe dei dinosauri.

“Recenti scoperte come Kongonaphon ci hanno dato una migliore comprensione della prima evoluzione degli ornithodirani. Analizzando i cambiamenti nelle dimensioni del corpo, durante l’evoluzione degli arcosauri, abbiamo trovato prove convincenti che è diminuito drasticamente all’inizio della storia della stirpe dei dinosauri-pterosauri”; ha detto Kammerer.

Questo evento di “miniaturizzazione” indica che i dinosauri e gli pterosauri hanno avuto origine da antenati estremamente piccoli; con importanti implicazioni per la loro paleobiologia. Per esempio, l’usura dei denti di Kongonaphon suggerisce che mangiava insetti.

Quindi, il passaggio che va al nutrimento di insetti, è associato alle piccole dimensioni del corpo; ciò può aver aiutato i primi ornithodirani a sopravvivere. Occupando una nicchia diversa dai loro parenti contemporanei, per lo più carnivori.

Autori e collaboratori di questo studio

Il lavoro suggerisce anche che i rivestimenti di pelle sfocata, che vanno dai semplici filamenti alle piume; conosciuti sia sul lato dei dinosauri sia su quello degli pterosauri dell’albero ornithodirani, possono aver avuto origine per la termoregolazione in questo antenato comune dal corpo piccolo.

Questo perché la ritenzione del calore nei piccoli corpi è difficile, e il Triassico medio-tardivo era un periodo di estremi climatici; si deduce che avesse forti sbalzi di temperatura tra le giornate calde e le notti fredde.

Sterling Nesbitt, professore assistente alla Virginia Tech e socio ricercatore del Museo; ed esperto di anatomia Ornithodira, filogenesi e analisi istologiche dell’età, è anche autore di questo studio.

Un’indagine che è stata sostenuta, in parte, dalla National Geographic Society; ed ancora da una borsa di studio della Gerstner Scholars Fellowship della Gerstner Family Foundation. Insieme alla Richard Gilder Graduate School, dalla Divisione di Paleontologia del Museo Americano di Storia Naturale; e da una borsa di studio Meeker Family Fellowship del Field Museum. Con il supporto aggiuntivo del Ministero dell’Energia e delle Miniere del Madagascar;  del World Wide Fund for Nature (Madagascar), dell’Università di Antanananarivo, e del MICET/ICTE (Madagascar).

Fonte: Museo americano di storia naturale

error: Content is protected !!