La caffeina colpisce i geni che mediano sui rischi cardiovascolari

La caffeina colpisce i geni che mediano sui rischi cardiovascolari

È dimostrato che la caffeina riduce il rischio di malattie cardiovascolari. Tuttavia, il meccanismo con cui questo avviene è ancora sconosciuto. In un nuovo studio, i ricercatori della McMaster University e altrove hanno studiato l’effetto della caffeina. sull’espressione di due regolatori del colesterolo a bassa densità circolante (LDL), o colesterolo “cattivo”.

La caffeina contro il rischio di malattie cardiometaboliche

Solo due o tre tazze medie di caffè al giorno contengono abbastanza caffeina per innescare un effetto a cascata, che riduce i livelli di colesterolo LDL”; ha commentato il professor Richard Austin della McMaster University, autore senior dello studio.

“Alti livelli di colesterolo LDL nel sangue sono associati a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari”.

“Il consumo regolare di caffeina è legato alla riduzione dei livelli ematici della proteina PCSK9; ciò aumenta la capacità del fegato di rimuovere il colesterolo LDL in eccesso dal flusso sanguigno”.

“I consumatori di caffè e tè hanno un’altra importante ragione di salute per rallegrarsi – ovviamente senza lo zucchero”, ha aggiunto.

“Questi risultati forniscono ora il meccanismo di base con cui la caffeina e i suoi derivati possono mitigare i livelli di PCSK9 nel sangue; e quindi ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”.

Le proteine focus

La caffeina e i suoi derivati possono anche bloccare l’attivazione di una proteina chiamata SREBP2, che a sua volta riduce i livelli di PCSK9 nel sangue.

Dato che SREBP2 è implicata in una serie di malattie cardiometaboliche, come il diabete e le malattie del fegato grasso, mitigare la sua funzione ha implicazioni di vasta portata”, ha detto il professor Austin.

“Recenti studi a livello di popolazione hanno dimostrato che i bevitori di caffè e tè hanno un rischio ridotto di morte per malattie cardiovascolari, ma una spiegazione biochimica di questo fenomeno ha precedentemente eluso i ricercatori”, ha aggiunto.

“Questi risultati hanno implicazioni ad ampio raggio, poiché collegano questo composto biologicamente attivo, ampiamente consumato, al metabolismo del colesterolo a livello molecolare”, ha detto il professor Guillaume Paré della McMaster University, coautore dello studio.

I risultati sono pubblicati sulla rivista Nature Communications

” La scoperta è stata del tutto inaspettata e dimostra che gli alimenti e le bevande ordinarie hanno molti più effetti complessi di quanto pensiamo”.

Gli autori hanno anche sviluppato nuovi derivati della caffeina che abbassano potentemente i livelli di PCSK9 nel sangue; portando potenzialmente a nuovi trattamenti per il colesterolo LDL.

“Siamo entusiasti di perseguire questa nuova classe di farmaci – o nutraceutici – per il potenziale trattamento e la prevenzione delle malattie cardiovascolari”, ha detto il dottor Jakob Magolan, anche lui della McMaster University.

“È emozionante vedere un altro potenziale beneficio clinico della caffeina”, ha concluso il professor Mark Tarnopolsky della McMaster University.

Altro sull’uso del caffè.

Pulsar fuori controllo: Mutamenti inaspettati Previous post Pulsar fuori controllo: Mutamenti inaspettati
Marco Réa - Specchi di carta Next post Marco Réa – Specchi di carta
Close