La sperimentazione di AMOS COVID-19

52
La sperimentazione di AMOS

Al Policlinico Tor Vergata la sperimentazione di AMOS COVID-19, il sistema intelligente per scovare i potenziali infetti.

Roma, 29 aprile 2020. Parte la sperimentazione presso il Dipartimento di Scienze Mediche del Policlinico Tor Vergata dell’AMOS COVID-19. Stiamo parlando di un sistema ad alta tecnologia, messo a punto da Intecs Solutions S.p.A. Un’azienda italiana operante nel settore Aerospazio e Difesa.

Sponsor

Il sistema Amos Covid-19, grazie alla sua speciale tecnologia, è in grado di rilevare in tempo reale, anche a distanza. Infatti, grazie a una termocamera per il rilevamento della febbre, una videocamera e un sensore acustico composto da un array di 16 microfoni, rileva i parametri significativi dei sintomi da infezione COVID 19. Si parla di temperatura corporea, i colpi di tosse e gli starnuti.

La sperimentazione di AMOS: IA e COVID-19

Attraverso l’utilizzo di sensori ad alta tecnologia (acustica, ottica e termica); combinati con l’Intelligenza Artificiale di cui è dotato il sistema Amos Covid-19 è dunque possibile riconosce i sintomi anche su assembramenti di persone. In aggiunta il sistema, è anche in grado di segnalare in tempo reale eventuali casi di possibili infetti COVID-19.

In questo modo il sistema può essere utilizzato in spazi pubblici; come ad esempio ospedali, stazioni ferroviarie. E poi anche aeroporti e aziende private per monitorare tutti i flussi di  persone in movimento.

Un sistema intelligente insomma, capace di dare l’allarme e prevenire la diffusione senza controllo del virus. Dopo l’inserimento di diversi espedienti, quali ad esempio App in grado di tracciare i profili dei possibili infetti o altri possibili dispositivi utili nella lotta contro il coronavirus, non poteva mancare l’intervento dell’AMOS di Tor Vergata, che permetterà una svolta di rilievo nel settore.