Popolazioni del deserto

Popolazioni del deserto sito Acheuleano nel Thar

Antiche popolazioni del deserto, risalenti a 177 mila anni fa, scoperte nel deserto del Thar

La notizia, passata sotto i riflettori da qualche tempo, evidenzia una nuova ricerca condotta dal Max Planck Institute for the Science of Human History ha riesaminato un sito chiave dell’Acheuleano ai margini della zona monsonica nel deserto del Thar, nel Rajasthan, rivelando la presenza di popolazioni Acheuleane fino a circa 177.000 anni fa, poco prima delle prime espansioni di Homo sapiens in Asia.

I tempi e il percorso delle prime espansioni della nostra specie attraverso l’Asia sono stati al centro di un lungo dibattito,. ma un numero crescente di prove indica che l’Homo sapiens ha interagito con numerose popolazioni appartenenti ai nostri parenti evolutivi più prossimi. Identificare dove queste diverse popolazioni si sono incontrate è fondamentale per rivelare il paesaggio umano. e culturale incontrato dai primi membri della nostra specie per espandersi oltre l’Africa. Anche se i fossili di antiche popolazioni umane sono estremamente rari in Asia meridionale,. i cambiamenti nei kit di strumenti di pietra che hanno fatto,. usato e lasciato possono aiutare a risolvere quando e dove questi incontri possono essere avvenuti.

Le giovani popolazioni del deserto nell’India occidentale 

La più lunga tradizione di fabbricazione di utensili nella preistoria, conosciuta appunto come l’Acheuleano,. appare più di 1,5 milioni di anni fa in Africa; e 1,2 milioni di anni fa in India, consiste principalmente in asce di pietra e mannaie.

In un articolo pubblicato su Scientific Reports,. un team internazionale di ricercatori guidati dal Max Planck Institute for the Science of Human History riferisce l’occupazione relativamente recente del sito di Singi Talav (Rajasthan, India) da parte di popolazioni Acheuleane fino a 177.000 anni fa.

Una volta si pensava che il sito fosse tra i più antichi siti acheuleani in India,. ma ora sembrerebbe piuttosto uno dei più giovani. Infatti, queste date mostrano la persistenza delle popolazioni acheuleane nel deserto del Thar dopo la loro scomparsa in Africa orientale intorno a 214.000 anni fa. e in Arabia 190.000 anni fa. Questo risultato supporta la persistenza tardiva delle popolazioni acheuleane in India, dove ricerche precedenti hanno mostrato la loro presenza fino a 130.000 anni fa.

Il sito di Singi Talav, situato sulla riva di un lago vicino alla moderna città di Didwana ai margini del deserto del Thar, è scavato per la prima volta nei primi anni ’80, rivelando molteplici assemblaggi di strumenti in pietra. Gli utensili più grandi si concentrano sulla produzione di asce e mannaie in pietra, tipiche dell’Acheuleano.

***

Tuttavia, le tecniche necessarie per datare accuratamente questi assemblaggi non erano disponibili al momento della loro scoperta. Da allora, è stata esaminata una serie di siti che vincolano la cronologia delle occupazioni acheuleane in India, ma il contesto ecologico dei siti rimane poco conosciuto.

L’ambiente lacustre ha condizioni di conservazione ideali per un sito archeologico, permettendoci di tornare 30 anni dopo il primo scavo e di identificare nuovamente i principali periodi di occupazione“, dichiara il dottor Jimbob Blinkhorn del Max Planck Institute for the Science of Human History; autore principale dello studio. “Abbiamo applicato una serie di metodi moderni per riesaminare questo sito critico, compresi nuovi approcci per datare direttamente gli orizzonti di occupazione e per rivelare la vegetazione nel paesaggio che le popolazioni Acheuleane abitavano”.

I ricercatori hanno usato metodi di luminescenza per datare direttamente gli orizzonti dei sedimenti occupati dalle antiche popolazioni umane. Questi metodi si basano sulla capacità dei minerali come il quarzo e il feldspato di immagazzinare e rilasciare energia indotta dalla radioattività naturale, .permettendo agli scienziati di determinare l’ultima volta che i sedimenti sono stati esposti alla luce.

Il nostro è il primo studio a datare direttamente gli orizzonti di occupazione a Singi Talav, permettendoci di capire sia quando gli uomini antichi vivevano qui e creavano i gruppi di strumenti di pietra, sia come queste occupazioni si confrontano con altri siti della regione”; aggiunge la dottoressa Julie Durcan dell’Università di Oxford.

Ai limiti del monsone

Il deserto del Thar si trova ai margini occidentali del moderno sistema di monsoni estivi indiani,. e la sua abitabilità per le antiche popolazioni umane ha probabilmente fluttuato in modo significativo. I ricercatori hanno esaminato i microfossili delle piante, noti come fitoliti, così come le caratteristiche della geochimica del suolo per rivelare l’ecologia del sito al momento in cui gli utensili Acheulean sono stati prodotti.

Questa è la prima volta che l’ecologia di un sito Acheuleano in India è stata studiata con questi metodi, rivelando il carattere più ampio del paesaggio che queste popolazioni abitavano“. Fa notare il Prof Hema Achyuthan della Anna University, Chennai, che ha anche partecipato agli scavi originali nel sito. “I risultati dei due metodi che abbiamo applicato si completano a vicenda per rivelare un paesaggio ricco di tipi di erbe che fioriscono durante i periodi con monsoni estivi potenziati”.

Con questi dati, lo studio illumina le condizioni ambientali che hanno permesso alle popolazioni Acheuleane di prosperare ai margini del monsone nel deserto del Thar fino ad almeno 177.000 anni fa.

Ciò supporta le testimonianze raccolte in tutta la regione che indicano che l’India ha ospitato le più giovani popolazioni che utilizzavano utensili Acheulean in tutto il mondo“, conclude Blinkhorn. “Criticamente, la persistenza tardiva dell’Acheuleano a Singi Talav e altrove in India precede direttamente le prove della comparsa della nostra specie, Homo sapiens, mentre si espandeva attraverso l’Asia”.

Il deserto del Thar ha probabilmente rappresentato una frontiera ecologica chiave per le popolazioni in espansione di Homo sapiens. che si muovevano verso est quando hanno incontrato per la prima volta il sistema monsonico indiano. I risultati di questo studio suggeriscono che questa potrebbe essere stata anche una frontiera demografica e comportamentale. – una zona potenziale in cui Homo sapiens ha incontrato un’altra popolazione umana strettamente correlata.

TOKAMAK Previous post TOKAMAK: Antonio Rezza e Flavia Mastrella
Giardino di transizione Next post Giardino di transizione – EX VOTO. Artisti per Rosalia