Raggi Gamma: l’emissione è nelle galassie

Fino ad ora, non si sapeva cosa avesse creato i raggi gamma che appaiono in macchie di cielo apparentemente "vuoto". Oggi, la ricerca Astronomica, fa un grande passo in avanti

249
Raggi Gamma:
photo @flickr.com

Da diversi anni, i ricercatori stanno cercando di scoprire le origini dell’emissione di raggi gamma nel “cielo vuoto” (o vuoto gigante). Fino ad oggi, infatti, nessun risultato significativo aveva condotto lo studio a chiarire perché tale emissione si verificasse o cosa l’avesse prodotta.

È una pietra miliare significativa scoprire finalmente le origini di questa emissione di raggi gamma; risolve così un mistero dell’Universo che gli astronomi stanno cercando di decifrare dagli anni ’60”.

Sponsor

Così dichiara il dottor Matt Roth; astronomo della Research School of Astronomy and Astrophysics dell’Australian National University.

Ci sono due fonti evidenti che producono grandi quantità di RG visti nell’Universo“.

Uno quando il gas cade nei buchi neri supermassicci che si trovano al centro di tutte le galassie – chiamato nucleo galattico attivo (AGN); e l’altro associato alla formazione di stelle nei dischi delle galassie“.

Nello studio, il Dr. Roth e colleghi hanno modellato l’emissione di raggi gamma dalle galassie nell’Universo e hanno confrontato i loro risultati con le previsioni di altre fonti.

Raggi Gamma: spiegata l’emissione nel vuoto gigante

Hanno scoperto che sono le galassie di formazione stellare a produrre la maggior parte di questa radiazione gamma diffusa e non il processo AGN.

Siamo stati in grado di individuare ciò che ha creato questi misteriosi raggi dopo aver ottenuto una migliore comprensione di come i raggi cosmici – particelle che viaggiano a velocità molto vicine alla velocità della luce – si muovono attraverso il gas tra le stelle“, continua.

Il team, ha analizzato informazioni su molte galassie come i loro tassi di formazione delle stelle; le masse totali, le dimensioni fisiche e le distanze dalla Terra.

I dati del telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA e del telescopio spaziale a raggi gamma Fermi della NASA sono stati una risorsa chiave utilizzata per scoprire le origini sconosciute delle emissioni.

Universo: trovata la parte mancante della materia

Il nostro modello può anche essere usato per fare previsioni sull’emissione radio – la radiazione elettromagnetica che ha una frequenza simile all’autoradio – dalle galassie in formazione stellare, il che potrebbe aiutare i ricercatori a capire meglio la struttura interna delle galassie“, ha spiegato il dottor Roth.

Attualmente stiamo cercando di produrre mappe del cielo a raggi gamma che possono essere utilizzate per informare le prossime osservazioni a raggi gamma dei telescopi di prossima generazione. Questo include il Cherenkov Telescope Array”.

Questa nuova tecnologia ci permetterà, si spera, di osservare molte più galassie in formazione stellare nei raggi gamma rispetto a quelle che possiamo rilevare con gli attuali telescopi a raggi gamma“.

I risultati del team sono stati pubblicati sulla rivista Nature.