Sviluppo

Sviluppo o pericolo per l’umanità? si parla di IA

Intelligenza Artificiale: motore di sviluppo o pericolo imminente per l’umanità?

Un viaggio che parte da Turing e dai suoi esperimenti e arriva a delineare il futuro dell’Intelligenza artificiale e dell’umanità. Gli sviluppi dell’intelligenza artificiale delineano cambiamenti rapidi e diffusi; delle interazioni tra le persone ed i sistemi dotati di capacità di ragionamento. Si aprono nuove possibilità della IA, anche in sinergia con sistemi robotici; in qualità di assistenti degli esseri umani nello svolgimento di vari compiti come il lavoro, la ricerca di informazioni in Rete ed in generale la soluzione di problemi.

Sviluppo

Di conseguenza è necessario affrontare nuove problematiche di etica applicata che rendono opportune riflessioni intorno a dignità, identità e sicurezza della persona umana, in merito all’accesso equo alle risorse tecnologiche, alla responsabilità individuale o collettiva e alla libertà di ricerca.

Sviluppo o pericolo per l’umanità? si parla di Intelligenza Artificiale

Il volume di Giancarlo Elia Valori, top manager e grande protagonista delle relazioni internazionali, Presidente di International World Group, consente anche al lettore non esperto della materia, di apprezzare i temi sia etici che tecnologici che ruotano intorno all’utilizzo dell’Intelligenza artificiale.

Un brano dalla prefazione di Oliviero Diliberto:
Il libro che avete tra le mani indaga l’intelligenza artificiale con lo spirito giusto mettendo cioè da parte ogni vecchia certezza tolemaica affrontando “senza rete” una materia così inedita e complessa, per molti aspetti sconvolgente. E’ un libro che studia questi fenomeni in modo coraggioso ed altruista. Valori parte dalla storia del fenomeno, da quel genio assoluto di Alan Turing, che ne è stato il pioniere indiscusso, e giunge sino a delineare il futuro“.

EVENTO DI PRESENTAZIONE DEL LIBRO

Il libro del prof. Giancarlo Elia Valori è stato poi presentato martedì 30 novembre 2021 presso l’Università “La Sapienza”.

Con l’autore c’erano anche Oliviero Diliberto, Preside della Facoltà di Giurisprudenza, David de Rothschild, Enrico Cucchiani. Poi Sergio Della Pergola, Andrea Di Porto, Pasquale Forte, Paolo Savona. Precedono i saluti di Antonella Polimeni, Magnifica Rettrice dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

Cultura.

Il mito di Venezia Previous post Il mito di Venezia. Da Hayez alla Biennale
Francesca Michielin nella soundtrack di "Marilyn ha gli occhi neri" Next post Francesca Michielin nella soundtrack di “Marilyn ha gli occhi neri”