Udito persone anziane ritrovato grazie a nuove cellule
0 4 minuti 2 settimane

Udito persone anziane: superato un grosso ostacolo per ripristinare l’udito.

La perdita dell’udito dovuta all’invecchiamento, al rumore e poi ancora ad alcuni farmaci per la terapia del cancro o agli antibiotici è stata irreversibile perché gli scienziati non sono stati in grado di riprogrammare le cellule esistenti per svilupparsi in cellule sensoriali dell’orecchio esterno e interno – essenziali per l’udito – una volta morte.

Ma gli scienziati della Northwestern Medicine hanno scoperto un singolo gene principale che programma le cellule ciliate dell’orecchio in quelle esterne o interne, superando un grosso ostacolo che aveva impedito lo sviluppo di queste cellule per ripristinare l’udito. Lo studio è pubblicato su Nature del 4 maggio.

Udito persone anziane: gene primario potrebbe ripristinare l’udito

“La nostra scoperta ci dà il primo chiaro interruttore cellulare per creare un modello rispetto all’altro”, ha detto l’autore principale dello studio Jaime Garcia-Anoveros, professore di anestesia, neurologia e neuroscienze alla Northwestern University Feinberg School of Medicine. “Fornirà uno strumento precedentemente non disponibile per fare una cellula ciliare interna o esterna. Abbiamo superato un ostacolo importante”.

Circa l’8,5 % degli adulti di età compresa tra i 55 e i 64 anni negli Stati Uniti hanno una perdita di udito invalidante. Questo aumenta a quasi il 25% di quelli di età compresa tra 65 e 74 anni e il 50% di quelli che hanno 75 anni e più, riferisce il Centers for Disease Control.

Attualmente, gli scienziati possono produrre una cellula ciliata artificiale, ma non si differenzia in una cellula interna o esterna, che forniscono diverse funzioni essenziali per produrre l’udito. La scoperta è un passo importante verso lo sviluppo di queste cellule specifiche.

Il gene TBX2

La morte delle cellule ciliate esterne della coclea è la causa più frequente della sordità e della perdita dell’udito. Le cellule si sviluppano nell’embrione e non si riproducono. Gli elementi ciliati esterni si espandono e si contraggono in risposta alla pressione delle onde sonore e amplificano il suono per gli elementi ciliati interni. Le cellule interne trasmettono quelle vibrazioni ai neuroni per creare i suoni che sentiamo.

È come un balletto“, dice Garcia-Anoveros con stupore quando descrive il movimento combinato delle cellule interne ed esterne. “Gli esterni si accovacciano e saltano e sollevano gli interni più all’interno dell’orecchio”.

“L’orecchio è un organo bellissimo. Non c’è nessun altro organo in un mammifero dove le cellule sono posizionate così precisamente. (Voglio dire, con precisione micrometrica). Altrimenti, l’udito non si verifica”.

“Il gene principale che gli scienziati del Northwestern hanno scoperto e che programma le cellule ciliate dell’orecchio è il TBX2. Quando il gene è espresso, la cellula diventa una cellula ciliata interna. Quando il gene è bloccato, la cellula diventa una cellula ciliata esterna. La capacità di produrre una di queste cellule richiederà un cocktail di geni” ha detto Garcia-Anoveros. “I geni ATOH1 e GF1 sono necessari per fare una cellula ciliata cocleare da una cellula non ciliata. Poi il TBX2 verrebbe acceso o spento per produrre la cellula interna o esterna necessaria”.

“L’obiettivo sarebbe quello di riprogrammare le cellule di supporto, che sono reticolate tra le cellule ciliate e forniscono loro un supporto strutturale, in cellule ciliate esterne o interne”.

“Possiamo ora capire come produrre specificamente cellule ciliate interne o esterne e identificare perché le ultime sono più inclini a morire e a causare la sordità”. Conclude Garcia-Anoveros, sottolineando che questa ricerca è ancora in fase sperimentale.

Tutte le news di Medicina.

udito persone anziane