Età e Solitudine: le differenze nella società

127
Età e Solitudine

L’età e la solitudine sono elementi correlati tra loro che, secondo una nuova ricerca, interagiscono maggiormente in una società individualista.

Un nuovo studio, infatti, ha suggerito che la solitudine diminuisce proprio con l’età. Inoltre, sembra essere meno diffuso nelle società collettiviste. In aggiunta è meno comune nelle donne che negli uomini.

Sponsor

La ricerca suggerisce che i giovani hanno maggiori probabilità rispetto agli anziani di sentirsi soli, e che le persone nei paesi che sono collettivisti, hanno meno probabilità di sentirsi soli.

Ciò che si evince sulla rivista Personality and Individual Differences, attinge da un significativo set di dati globale recentemente pubblicato, che la British Broadcasting Corporation (BBC) ha raccolto per il suo “esperimento sulla solitudine”.

Età e Solitudine: l’influenza delle relazioni sociali

Negli ultimi anni, la solitudine è diventata un punto focale della ricerca; intanto il corpo di prove che va a dimostrare i suoi effetti sia sugli individui sia sulla società continua a crescere.

La solitudine influisce negativamente sul benessere delle persone e sull’economia e aumenta la probabilità che una persona abbia bisogno di cure mediche.

Gli autori del presente studio affermano che la solitudine può essere intesa come “la discrepanza tra relazioni sociali reali e desiderate“.

Secondo questa definizione, due persone che hanno lo stesso numero di relazioni sociali possono sperimentare la solitudine in modo diverso se una desidera più relazioni sociali rispetto all’altra.

Al contrario, due persone che desiderano lo stesso numero di relazioni sociali possono sperimentare diversi livelli di solitudine se una di loro ha più relazioni sociali.

Mentre i ricercatori sanno che molti altri fattori possono influenzare la solitudine, pochi studi sono stati sufficientemente ampi o diversi per avere un quadro preciso di ciò che potrebbero essere e di come potrebbero interagire.

Per affrontare questo, gli autori del presente studio hanno attinto a un nuovo e ampio set di dati per esplorare i modi in cui cultura, età e genere influenzano la solitudine.

Età e Solitudine – Più di 46.000 partecipanti

Lo studio ha attinto al set di dati dell’esperimento sulla solitudine della BBC. Questo set di dati contiene informazioni di quasi 55.000 persone di età compresa tra 16 e 99 anni provenienti da 237 paesi; isole e territori, rendendolo uno dei più grandi e diversificati del suo genere.

Gli autori del presente studio si sono concentrati su un sottoinsieme di questi dati; comprese le persone che avevano indicato la loro età e specificato che erano un uomo o una donna.

Non erano disponibili dati sufficienti per includere coloro che sceglievano “altro” come genere. In totale, hanno utilizzato i dati di 46.054 persone.

Per determinare il livello d’individualismo o collettivismo dei partecipanti, gli autori hanno attinto a uno studio precedente; che ha assegnato individualismo o collettivismo relativo a 101 paesi.

I partecipanti al presente studio includevano solo coloro che hanno indicato di provenire da uno di questi 101 paesi.

I ricercatori hanno posto ai partecipanti varie domande per determinare la loro solitudine:

  • Senti la mancanza di compagnia?
  • Ti senti escluso?
  • Credi di sentirti isolato dagli altri?
  • Ti senti in sintonia con le persone intorno a te?

I partecipanti hanno risposto su una scala da uno a cinque, indicando con quale frequenza hanno provato questi sentimenti. Uno indicato mai e cinque indicato sempre.

Età, genere e cultura influenzano la solitudine

Gli autori hanno scoperto che la solitudine tendeva ad aumentare in base all’individualismo delle persone; e a ridursi con l’età. La solitudine era più diffusa tra gli uomini rispetto alle donne.

Nel loro insieme, l’interazione tra età, genere e background culturale ha predetto la solitudine.

Gli autori hanno notato che il loro studio non è stato in grado di spiegare perché ciò potrebbe accadere.

Ad esempio, mentre i processi di sviluppo potrebbero spiegare una riduzione della solitudine, man mano che le persone invecchiano, anche i cambiamenti storici nello stigma che circonda parlando di solitudine potrebbero spiegarlo.

Secondo la prof.ssa Manuela Barreto dell’Università di Exeter, Regno Unito, e prima autrice dello studio:

Contrariamente a ciò che le persone possono aspettarsi, la solitudine non è una situazione unica per le persone anziane. In effetti, i giovani segnalano maggiori sentimenti di solitudine “.

Poiché la solitudine deriva dal senso che le connessioni sociali non sono buone come desiderato, ciò potrebbe essere dovuto alle diverse aspettative che i giovani e gli anziani nutrono. Il modello di età che abbiamo scoperto sembra valere in molti paesi e culture. “

Lo studio

Mentre gli autori hanno scoperto che l’individualismo aveva maggiori probabilità di provocare la solitudine, molti dei dati dello studio provenivano da paesi che le persone considerano più individualisti. Tuttavia, gli autori sospettano che l’individualismo possa migliorare la solitudine, in particolare se altri fattori sono in gioco.

I ricercatori rilevano anche che altri fattori potrebbero influenzare la scoperta che gli uomini sono probabilmente più soli delle donne. Ad esempio, può darsi che gli uomini si siano sentiti particolarmente incoraggiati a discutere della loro solitudine per questo studio, perché gli stereotipi di genere li impongono come riluttanti a discutere delle proprie emozioni.

I conduttori radiofonici e altri ascoltatori hanno attivamente invitato uomini a partecipare a questo studio. L’équipe suggerisce che l’utilizzo di un sondaggio online ha fornito loro le condizioni di cui avevano bisogno per discutere delle proprie emozioni.

Età e Solitudine – Conclusioni

La prof.ssa Pamela Qualter, dell’Università di Manchester, Regno Unito, e coautrice dello studio, osserva: “Per quanto riguarda il genere, le prove esistenti sono contrastanti. C’è la consapevolezza che ammettere di sentirsi “soli” può essere particolarmente stigmatizzante per gli uomini “.

Tuttavia, quando questa parola non viene utilizzata nelle misure, gli uomini a volte segnalano più solitudine rispetto alle donne. Questo è davvero ciò che abbiamo trovato. “

Come notano gli autori, i loro risultati non erano rappresentativi e gli effetti delle variabili che avevano identificato erano relativamente piccoli. Tuttavia, le dimensioni e la diversità dello studio hanno portato gli autori a credere che “quegli effetti sono reali e che la solitudine è un’esperienza abbastanza universale in tutte le categorie demografiche“.

Per il Prof. Barreto, il loro studio ha implicazioni per i giovani che vivono attraverso la pandemia SARS-CoV-2. Dice:

Anche se è vero che i giovani sono più in grado di utilizzare la tecnologia per accedere alle relazioni sociali, è anche noto che quando questo viene fatto in sostituzione – piuttosto che un’estensione – di tali relazioni, non mitiga la solitudine. ”