Nuove prospettive di trattamento

Nuove prospettive di trattamento per il Glioblastoma

Il farmaco, chiamato lumefantrina, può fornire nuove prospettive di trattamento e migliorare la percentuale di successo dei trattamenti radioterapici e chemioterapici per un tipo grave di tumore al cervello.

Il glioblastoma multiforme (GBM) è una forma di cancro particolarmente aggressiva che è difficile da trattare.

Con le terapie attualmente disponibili, il tasso di sopravvivenza a 5 anni per le persone con GBM è del 5,6%. Attualmente i medici non hanno modo di prevenire il ripetersi della malattia.

Gli esperti stimano che i tumori maligni del cervello e i tumori del sistema nervoso centrale uccidono 241.000 persone ogni anno in tutto il mondo. L’ 81% dei quali sono glioblastomi.

Una nuova ricerca ha scoperto che la lumefantrina, può migliorare l’efficacia del farmaco primario usato per trattare la GBM. Si tratta di un farmaco approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per combattere la malaria.

Il principale ricercatore  dello studio, il Prof. Paul Fisher, presidente del Dipartimento di genetica umana e molecolare della Virginia Commonwealth University, spiega che il suo team stava studiando se i farmaci approvati potessero aiutare a indebolire la resistenza di GBM alla chemioterapia.

“I nostri studi hanno scoperto una nuova potenziale applicazione del farmaco antimalarico come possibile terapia per [GBM] resistente allo standard di cura, che comporta radiazioni e temozolomide.”

I risultati compaiono nella rivista Proceedings of National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America .

Nuove prospettive di trattamento Superare la resistenza di GBM

L’attuale standard di cura per il trattamento della GBM è la radiazione combinata con la chemioterapia, in particolare la temozolomide. Insieme, possono estendere marginalmente l’aspettativa di vita delle persone con GBM, ma la malattia è spesso resistente al trattamento.

Gli autori dello studio hanno scoperto che l’aggiunta di lumefantrina al trattamento in vitro delle cellule di glioblastoma con radiazioni e temozolomide ha ucciso le cellule tumorali; e ne ha soppresso la nuova crescita.

Inoltre, l’approccio combinato ha avuto questo effetto sulle cellule di glioblastoma che altrimenti sarebbero state resistenti al trattamento; così come a quelle che sarebbero state sensibili a esso.

Esperimenti in vivo hanno ulteriormente confermato l’effetto. I ricercatori hanno trapiantato GBM umano nel cervello dei topi; ancora una volta, la combinazione di radiazioni, temozolomide e lumefantrina si è dimostrata efficace nell’uccidere cellule di glioblastoma sensibili e resistenti e nel sopprimere l’ulteriore crescita.

Proteina da shock termico B1 e Fli-1

La lumefantrina sembra inibire un elemento genetico appena identificato, Fli-1. Questo, dicono i ricercatori, è coinvolto nello sviluppo e nella progressione del cancro e può promuovere la resistenza del glioblastoma alle radiazioni e alla temozolomide.

Approcci genetici e molecolari hanno rivelato che Fli-1 regola l’espressione della proteina B1 da shock termico (HSPB1).

Questa proteina è comune nei tumori del glioblastoma e può contribuire allo sviluppo del GBM; incluso quello resistente al trattamento. Perché può regolare il rimodellamento della matrice extracellulare e la transizione epiteliale-mesenchimale, secondo gli autori dello studio.

È stata la ricerca di un inibitore del Fli-1 che alla fine ha portato i ricercatori alla lumefantrina.

La lumefantrina è tossica per le cellule, ma selettivamente così, ed è per questo che è un buon candidato come terapia del cancro. Gli autori affermano che il farmaco prontamente disponibile può essere facilmente riproposto per l’uso nel trattamento del glioblastoma.

Nuove prospettive di trattamento: dove può condurre questa ricerca

I ricercatori sono incoraggiati dai loro risultati.

“Questi studi preclinici forniscono una solida logica per l’inibizione di Fli-1 / HSPB1 con lumefantrina come potenziale nuovo approccio per la gestione del glioblastoma”, afferma il prof. Fisher.

“L’identificazione di farmaci come la lumefantrina da agenti terapeutici approvati dalla FDA e da fonti non comuni offre l’opportunità di ampliare l’ampiezza e la versatilità degli attuali regimi terapeutici per i pazienti [GBM].”Prof. Paul Fisher

Potrebbe anche rivelarsi che GBM è solo l’inizio della lumefantrina, suggerisce il Prof. Fisher, che aggiunge:

“I risultati attuali potrebbero avere implicazioni più ampie rispetto al semplice trattamento del glioblastoma”.

Poiché Fli-1 appare anche a livelli elevati in altri tumori, tra cui melanoma, carcinoma ovarico e carcinoma mammario, la lumefantrina potrebbe potenzialmente svolgere un ruolo nel loro trattamento. Tuttavia, saranno necessarie ulteriori ricerche sul potenziale di lotta contro il cancro della lumefantrina.

Ti èotrebbe interessare anche l’articolo Il dolore dell’anima.

error: Content is protected !!