Una nuova ricerca esamina il motivo per cui alcuni funghi sono psichedelici.

I composti psichedelici presenti nei “funghi magici” sono sempre più riconosciuti per il loro potenziale nel trattamento di importanti condizioni di salute mentale. Queste includono depressione, ansia, disturbi compulsivi e dipendenza. Tuttavia, si sa molto poco su come questi composti si siano evoluti e quale ruolo svolgano nel mondo naturale.

I funghi psilocibinici sono comunemente noti come funghi magici o allucinogeno. Sono un gruppo di funghi che contengono psilocibina, che si trasforma in psilocina al momento dell’ingestione. La psilocibina è un composto psichedelico naturale, cioè un composto biologicamente inattivo che l’organismo converte in una droga.

Per colmare questa lacuna di conoscenze, gli scienziati dell’Università di Plymouth stanno conducendo uno studio di ricerca unico nel suo genere, utilizzando metodi genetici avanzati ed esperimenti comportamentali per affrontare ipotesi finora non verificate sull’origine dei composti psichedelici nei funghi.

Si tratta di verificare se questi tratti si sono evoluti come forma di difesa contro gli invertebrati che si nutrono di funghi o se i funghi producono composti che manipolano il comportamento degli insetti a proprio vantaggio.

La psilocibina alla base dei funghi psichedelici

La psilocibina, comunemente presente nei cosiddetti “funghi magici”, sarà oggetto di particolare attenzione da parte del progetto. In termini chimici, la psilocibina è molto simile alla serotonina, un neurotrasmettitore coinvolto nell’invio di informazioni tra le cellule nervose degli animali.

Dopo aver campionato funghi psichedelici e non, i ricercatori stanno utilizzando il sequenziamento del DNA di nuova generazione per verificare se esiste una comunità animale diversificata che si nutre di funghi psichedelici.

Stanno inoltre utilizzando test di laboratorio per studiare le interazioni tra funghi e insetti e se i funghi subiscono cambiamenti genetici durante l’attacco e lo sviluppo. Verrà inoltre analizzato l’effetto della psilocibina sulla crescita dei batteri del suolo.

La ricerca prevede anche l’utilizzo di una tecnologia di editing genico all’avanguardia per cercare di creare funghi mutanti che non siano in grado di sintetizzare la psilocibina. Si spera che questo possa aiutare i ricercatori a comprendere meglio il ruolo di un’ampia gamma di composti fungini in futuro. Lo studio è condotto da un team di scienziati esperti in ecologia molecolare, interazioni animali-pianta e biologia fungina della Scuola di Scienze Biologiche e Marine dell’Università.

***

A guidare la ricerca sono la dottoressa Kirsty Matthews Nicholass, borsista post-dottorato, e l’assistente di ricerca Ilona Flis. La supervisione dello studio è affidata al dottor Jon Ellis, docente di Genetica della conservazione. Ha dichiarato: “Negli ultimi anni si è assistito a una rinascita dell’interesse per i composti psichedelici dal punto di vista della salute umana. Tuttavia, non si sa quasi nulla dell’evoluzione di questi composti in natura e il motivo per cui i funghi dovrebbero contenere composti simili ai neurotrasmettitori è irrisolto.

“Le ipotesi che sono state suggerite per la loro evoluzione non sono mai state formalmente testate, ed è questo che rende il nostro progetto così ambizioso e nuovo. In futuro potrebbe anche portare a scoperte entusiasmanti, dato che lo sviluppo di nuovi composti che potrebbero essere utilizzati come fungicidi, pesticidi, prodotti farmaceutici e antibiotici è probabile che derivi dalla ricerca ‘blue-sky’ che indaga sulla difesa dei funghi”.

La dottoressa Kirsty Matthews Nicholass ha dichiarato:

“Solo all’interno di Psilocybe, ci sono quasi 150 specie allucinogene distribuite in tutti i continenti tranne l’Antartide. Tuttavia, le specie fungine in cui si trovano questi composti ‘magici’ non sono sempre strettamente correlate. Ciò solleva interessanti domande sulle pressioni ecologiche che potrebbero agire per mantenere il percorso di biosintesi della psilocibina”.

La ricerca è finanziata dal Leverhulme Trust e si basa sulla lunga esperienza dell’Università in nuovi elementi di genetica della conservazione.

I ricercatori coinvolti in questo progetto hanno già esplorato la diversità genetica tra gli impollinatori del Regno Unito, le preferenze alimentari di lumache e chiocciole e sviluppato un sistema di allerta precoce per le malattie delle piante.

Il dottor Jon Ellis racconta la storia della ricerca sui composti psichedelici in natura:

“I funghi ricevono generalmente meno attenzione rispetto agli animali e alle piante, in parte perché sono meno evidenti, le persone interagiscono meno con loro e possono essere difficili da studiare. Storicamente, ci sono state anche barriere legali che hanno impedito di condurre determinate ricerche. Detto questo, negli anni ’40 e ’50 sono stati condotti studi molto interessanti sull’uso dell’LSD come trattamento psicoterapeutico per l’alcolismo e il disturbo ossessivo-compulsivo. In quel periodo ci si interessò anche ai funghi da una prospettiva antropologica.

Una coppia, i Wasson, si recò in Messico e assistette per la prima volta all’uso rituale dei funghi nelle cerimonie religiose. Gli articoli che pubblicarono portarono l’attenzione del pubblico sui funghi psicoattivi. In questo periodo ci furono anche altri personaggi carismatici, come Timothy Leary, che sostennero un uso più diffuso dell’LSD da parte della popolazione. Negli anni ’60, i composti psichedelici si imposero all’attenzione dell’opinione pubblica e questo portò i governi a introdurre nuove leggi per limitarne l’uso.

“Per un certo periodo, ciò ha limitato anche la ricerca fondamentale che poteva essere condotta. Più recentemente, si è tornati a quella ricerca iniziale e si è scoperto che composti come la psilocibina possono avere benefici psicoterapeutici. Tuttavia, questo non ha affrontato la loro evoluzione in natura, che è ciò che rende la ricerca che stiamo facendo così eccitante”.

“Spero che il nostro progetto possa cambiare la percezione pubblica dei funghi magici. Ma al di là di questo, porsi domande sul mondo biologico è una parte fondamentale della nostra natura umana e questo progetto si inserisce in una lunga storia di ricerca che si interroga sulla biodiversità e sulla sua evoluzione”.

Resilienza come svilupparla Previous post Resilienza come svilupparla e apprenderla
Giulio Rigoni: Questo, è un sogno Next post Giulio Rigoni: Questo, è un sogno