Geoingegneria solare: contro riscaldamento globale

218
Geoingegneria solare
La ricerca offre una migliore comprensione degli effetti della geoingegneria solare sull'agricoltura

La geoingegneria solare può essere efficace per alleviare gli impatti del riscaldamento globale sulle colture.

La geoingegneria solare – mettere aerosol nell’atmosfera per riflettere la luce del sole e ridurre il riscaldamento globale – non è una soluzione per il cambiamento climatico. Tuttavia, potrebbe essere uno dei vari strumenti per gestire i rischi climatici. Un gruppo crescente di ricerche ha esplorato la capacità della geoingegneria solare di ridurre i cambiamenti climatici fisici. Ma molto meno si sa su come la geoingegneria solare potrebbe influenzare l’ecosistema e, in particolare, l’agricoltura.

Ora, l’indagine della Harvard John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences (SEAS) trova che la geoingegneria solare può essere sorprendentemente efficace nell’alleviare alcuni dei peggiori impatti del riscaldamento globale sulle colture.

Sponsor

Lo studio – una collaborazione con il Centro di ricerca norvegese e il Centro Bjerknes per lo studio sul clima, l’Università norvegese di scienza e tecnologia, il Centro nazionale per la ricerca atmosferica di Boulder, L’Università nazionale di Seoul e l’Accademia cinese delle scienze – è pubblicato su Nature Food.

“La ricerca sulla geoingegneria solare deve affrontare se è efficace o meno nel ridurre gli impatti del cambiamento climatico sull’uomo”. Afferma David Keith, professore di fisica applicata al SEAS e professore di politica pubblica alla Harvard Kennedy School.

“Il nostro documento aiuta a colmare questa lacuna. Utilizzando il miglior modello di coltura incorporato in un modello climatico per esaminare il potenziale impatto della geoingegneria solare sui rendimenti agricoli”.

Il team ha esaminato tre tipi di geoingegneria solare. Iniezione di aerosol stratosferico. Schiarimento del cielo marino e diradamento dei cirri; e il loro impatto sulla resa globale di mais, canna da zucchero, grano, riso, soia e cotone in un futuro in cui le emissioni continuano ai loro livelli attuali.

Geoingegneria solare: può essere efficace nell’alleviare gli impatti del riscaldamento globale

In tale futuro, il modo più efficace per proteggere le colture dagli effetti peggiori del cambiamento climatico globale è quello di ridurre la temperatura superficiale. I ricercatori hanno scoperto che tutti e tre i potenziali metodi di geoingegneria solare hanno un forte effetto di raffreddamento che gioverebbe ai raccolti.

Le indagini precedenti hanno suggerito che le temperature di raffreddamento portate dall’iniezione di aerosol stratosferico possono anche portare a meno precipitazioni; il che potrebbe comportare una perdita di rendimento per le colture a pioggia. Ma questi studi non hanno esaminato uno dei fattori ecologici più importanti per la traspirazione e la produttività delle colture: l’umidità.

“L’umidità relativa o il deficit di pressione del vapore ha un controllo più forte sull’uso dell’acqua delle piante e sulla produttività delle colture rispetto alle precipitazioni”; sostiene Yuanchao Fan, un ricercatore dell’Harvard Solar Geoengineering Research Program e primo autore del documento.

“Abbiamo scoperto che in un mondo più freddo sotto molteplici scenari, tranne l’assottigliamento dei cirri, ci sarà una maggiore umidità relativa, che allevierà lo stress idrico per le colture a pioggia. Il nostro modello mostra che il cambiamento delle precipitazioni risultante da tutti e tre i metodi di geoingegneria solare avrebbe, in realtà, un effetto molto piccolo sulle colture”.

I ricercatori hanno confrontato come la produttività agricola è influenzata dalla geoingegneria solare e dalla riduzione delle emissioni. I ricercatori hanno scoperto che mentre le riduzioni delle emissioni hanno forti benefici di raffreddamento e di umidità, possono avere un beneficio minore per i raccolti rispetto alla geoingegneria solare perché la riduzione della fertilizzazione di CO2 riduce la produttività della maggior parte delle colture rispetto alla geoingegneria solare che raggiunge la stessa riduzione di temperatura.

I rischi climatici non possono essere risolti con un singolo strumento …

La scoperta evidenzia la necessità di combinare la riduzione delle emissioni con altri strumenti, tra cui l’aumento dell’uso della fertilizzazione azotata e i cambiamenti nell’uso del suolo.

“I rischi climatici non possono essere risolti con un singolo strumento; anche se le emissioni fossero eliminate domani, i più vulnerabili del mondo soffriranno ancora del cambiamento climatico”. Continua Keith. “I responsabili politici devono considerare come i tagli alle emissioni potrebbero essere integrati da specifici adattamenti locali per aiutare gli agricoltori a ridurre gli impatti del clima sull’agricoltura, e da azioni globali come la rimozione del carbonio e la geoingegneria solare”.

Il team ha come coautori Jerry Tjiputra, Helene Muri, Danica Lombardozzi, Chang-Eui Park e Shengjun Wu.

Lo studio è stato sostenuto in parte dal Solar Geoengineering Research Program della Harvard University.

Leggi anche: Fasce di radiazione della terra: elettroni e protoni