Ictus e recupero dall’afasia grazie al computer

209
Ictus e recupero dall'afasia grazie al computer
Le simulazioni al computer del cervello possono prevedere il recupero del linguaggio nei sopravvissuti all'ictus

Ictus e recupero dall’afasia: gli esperti di riabilitazione del linguaggio, tramite simulazioni al computer del cervello, possono prevedere il recupero del linguaggio nelle persone sopravvissute all’apoplessia.

Alla Boston University, un team di ricercatori sta lavorando per capire meglio come il linguaggio e la parola vengono elaborati nel cervello, e come riabilitare al meglio le persone che hanno perso la loro capacità di comunicare a causa di danni al cervello causati da un ictus, un trauma o un altro tipo di lesione cerebrale. Questo tipo di perdita del linguaggio è chiamato afasia; cioè un disturbo neurologico a lungo termine causato da un danno alla parte del cervello responsabile della produzione e dell’elaborazione del linguaggio. Che ha, di conseguenza, un impatto su oltre un milione di persone solo negli Stati Uniti.

È un problema enorme”, dice Swathi Kiran, direttore del laboratorio di ricerca sull’afasia della BU e del College of Health & Rehabilitation Sciences: Sargent College associate dean per la ricerca e James and Cecilia Tse Ying Professor in Neurorehabilitation. “È qualcosa che il nostro laboratorio sta lavorando per affrontare a più livelli”.

Sponsor
***

Negli ultimi dieci anni, Kiran e il suo team hanno studiato il cervello per vedere come cambia quando le abilità linguistiche delle persone migliorano con la terapia della parola. Più recentemente, hanno sviluppato nuovi metodi per prevedere la capacità di una persona di migliorare anche prima di iniziare la terapia.

In un nuovo documento pubblicato su Scientific Reports, Kiran e collaboratori della BU e dell’Università del Texas a Austin riferiscono di poter prevedere il recupero del linguaggio nei pazienti ispanici che parlano fluentemente sia inglese che spagnolo – un gruppo di pazienti afasici particolarmente a rischio di perdita del linguaggio a lungo termine – usando sofisticati modelli informatici per il cervello. Dicono che la scoperta potrebbe essere una svolta per il campo della terapia del linguaggio e per i sopravvissuti all’ictus colpiti dall’afasia.

Ictus e riabilitazione

Questo [documento] usa la modellazione computazionale per prevedere i risultati della riabilitazione in una popolazione di disturbi neurologici che sono davvero insufficienti”, sostiene Kiran.

“Negli Stati Uniti, i sopravvissuti ispanici all’ictus hanno quasi due volte meno probabilità di essere assicurati rispetto a tutti gli altri gruppi etnici”. Afferma Kiran, “E quindi hanno maggiori difficoltà ad accedere alla riabilitazione linguistica. Oltre a questo, spesso la terapia del linguaggio è disponibile solo in una lingua, anche se i pazienti possono parlare più lingue a casa; rendendo difficile per i medici dare la priorità a quale lingua un paziente dovrebbe ricevere la terapia”.

Questo lavoro è iniziato con la domanda: “Se qualcuno ha avuto un ictus in questo paese e [il paziente] parla due lingue, in quale lingua dovrebbe ricevere la terapia? “Hanno più probabilità di migliorare se ricevono la terapia in inglese? O in spagnolo?”

Questa tecnologia, prima nel suo genere, risponde a questa esigenza, utilizzando sofisticati modelli di reti neurali che simulano il cervello di una persona bilingue con problemi di linguaggio; e poi la risposta del suo cervello alla terapia in inglese e spagnolo. Il modello può quindi identificare la lingua ottimale a cui mirare durante il trattamento, e prevedere il risultato dopo la terapia; col fine di stabilire quanto bene una persona recupererà le sue abilità linguistiche. Hanno scoperto che i modelli hanno previsto accuratamente gli effetti del trattamento nella lingua trattata; il che significa che questi strumenti computazionali potrebbero guidare gli operatori sanitari a prescrivere il miglior piano di riabilitazione possibile.

Il recupero del linguaggio

C’è più consapevolezza della pandemia che di persone provenienti da popolazioni diverse – che siano differenze di razza, etnia, disabilità diverse, status socioeconomico – non ricevono lo stesso livello di [assistenza sanitaria]”; dichiara Kiran. “Il problema che stiamo cercando di risolvere qui è, per i nostri pazienti, la disparità di salute al suo peggio; essi provengono da una popolazione che, come mostrano i dati, non ha un grande accesso alle cure, e hanno problemi di comunicazione [a causa dell’afasia]”.

Come parte di questo lavoro, il team sta esaminando come il recupero in una lingua influisce sul recupero dell’altra; imparare la parola “cane” in inglese, porterà un paziente a ricordare la parola “perro“, e cioè cane in spagnolo?

“Se sei bilingue puoi andare avanti e indietro tra le lingue, e quello che stiamo cercando di fare [nel nostro laboratorio] è usarlo come parte della terapia”. Continua Kiran.

I test clinici che utilizzano questa tecnologia sono già in corso, presto forniranno un quadro ancora più chiaro di come i modelli possono potenzialmente essere implementati in ospedale e nelle impostazioni cliniche.

“Stiamo cercando di sviluppare programmi di terapia efficaci, ma cerchiamo anche di affrontare il paziente nel suo complesso”, conclude Kiran. “Ecco perché ci preoccupiamo profondamente di queste disparità di salute e del benessere generale del paziente”.

Leggi anche: Microglia: impedire la riproduzione frena l’Alzheimer