BOLOGNA – Il trionfo di Cremonini è assoluto e innegabile. Il cantautore bolognese, ex leader dei Lunapop, ha registrato un successo straordinario per il suo tour negli stadi, atteso per il 2020 e poi più volte rinviato causa pandemia. Ma quest’estate, finalmente, i concerti hanno avuto la possibilità di tenersi, e il buon Cesare ha fatto centro non deludendo le attese.

Grandi numeri praticamente in tutte le date, con qualche piccolo record qua e là. Il live in programma a Roma, allo stadio Olimpico, lo scorso 28 giugno, ad esempio, ha superato i 56.000 biglietti venduti, raggiungendo così il risultato di San Siro a Milano. Ne ha dato notizia lo stesso artista sui suoi canali social, affermando: “Sarà il più grande show della mia carriera nella Capitale. La mia storia d’amore con Roma parte da lontano. Oggi arriva dritta al cuore. So che sarà molto più di un concerto”.

Il trionfo di Cremonini

Nei primi quattro concerti Cesare aveva totalizzato già oltre 150.000 spettatori, festeggiando con loro i 20 anni di carriera. E a inizio luglio, all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola, è andata in scena l’ultima strepitosa data insieme a più di 70mila persone. In scaletta, oltre ai suoi brani più famosi, anche un emozionante duetto “virtuale” dell’artista con Lucio Dalla. Insomma, quel che si suol dire un successo.

Ma non è finita qui: “Il tour delle meraviglie non si ferma e torna in città per dare spettacolo nei più grandi palasport italiani! Si comincia da Roma (1 e 2 novembre), Bologna (7 e 8 novembre) e Milano (13 e 14 novembre). Il grande show che ha incantato l’Italia negli stadi e nello storico concerto all’Autodromo di Imola è uno spettacolo in continua evoluzione, nato per restare e crescere insieme a me. Insieme a noi. Grazie a tutti!”, ha annunciato Cesare sui social a proposito del tour “Cremonini Indoor”, che si terrà in autunno. I biglietti sono già disponibili su Ticketmaster, Ticketone, Vivaticket e presso i rivenditori autorizzati. Un’altra grande avventura, dunque, può cominciare.

Italiani sempre più digitali, quali le controindicazioni? Previous post Italiani sempre più digitali: controindicazioni
Snapshots di Luisa Valeriani Next post Snapshots di Luisa Valeriani