Il veleno delle api uccide le cellule tumorali

Negli studi di laboratorio, il componente attivo del veleno delle api ha rapidamente ucciso due tipi di cellule tumorali del seno particolarmente difficili da trattare. La tossina ha lasciato intatte le cellule sane.

Il veleno delle api uccide le cellule tumorali

Il veleno delle api uccide le cellule aggressive del cancro al seno.

Per migliaia di anni, gli esseri umani hanno usato come medicinali il miele, la propoli e il veleno dell’ape mellifera Apis mellifera (o apitossina).

Più recentemente, gli scienziati hanno scoperto che il veleno dell’ape e, il suo componente attivo, la melittina, sono tossici per una vasta gamma di tumori; tra cui melanoma, polmoni, ovaie e tumori del pancreas. Tutto dimostrato in test di laboratorio.

La melittina, è la molecola che crea la sensazione dolorosa della puntura di un’ape. Gli scienziati, tuttavia, non comprendono ancora appieno come uccide le cellule tumorali.

Per la prima volta, i ricercatori hanno studiato l’effetto della melittina e del veleno delle api su una serie di tumori del seno; tra cui due dei tipi più aggressivi e difficili da trattare.

Il veleno delle api uccide le cellule aggressive del cancro al seno: l’importanza della melittina

Il cancro al seno è il tumore più comune nelle donne. I due tipi aggressivi, noti come tumore al seno triplo negativo e tumore al seno arricchito con HER2, sono associati ai risultati più poveri. Essi tendono a sviluppare una resistenza ai trattamenti esistenti.

Gli scienziati dell’Harry Perkins Institute of Medical Research di Perth, Australia, e dell’Università dell’Australia Occidentale, anch’essa di Perth, hanno scoperto che la melittina e il veleno delle api (apitossina) uccidono rapidamente questi tipi di cancro; con effetti trascurabili sulle cellule normali.

“Il veleno era estremamente potente”, dice la dottoressa Ciara Duffy, che ha condotto la ricerca. “Abbiamo scoperto che la melittina può distruggere completamente le membrane delle cellule tumorali in 60 minuti”.

La combinazione melittina – apitossina – cellule tumorali

Lo studio ha anche dimostrato che il veleno dei calabroni, che non contiene melittina, non uccide le cellule tumorali – anche ad alte concentrazioni.

Gli scienziati riportano il loro lavoro sulla rivista npj Precision Oncology.

La melittina può uccidere le cellule in meno di 1 ora praticando dei fori nella loro membrana esterna. Tuttavia, entro 20 minuti dalla somministrazione, interrompe anche il passaggio dei messaggi chimici di cui le cellule hanno bisogno per crescere e dividersi.

“Abbiamo osservato come il veleno di api e la melittina influenzano le vie di segnalazione del cancro, i messaggi chimici che sono fondamentali per la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali, e abbiamo scoperto che molto rapidamente queste vie di segnalazione sono state chiuse”; dice il Dr. Duffy.

Gli scienziati hanno scoperto che la fusione fa questo impedendo l’attivazione dei recettori per i fattori di crescita nella membrana cellulare. Uno dei motivi per cui le cellule tumorali arricchite con HER2 e alcuni tumori al seno triplo-negativi crescono in modo incontrollato è che hanno un gran numero di questi recettori.

Impedendo a questi segnali di crescita di passare, la fusione blocca la proliferazione delle cellule.

Il Prof. Peter Klinken, che non è stato coinvolto nella ricerca, è lo scienziato capo dell’Australia occidentale. Accoglie con favore i risultati, dicendo:

“Questa è un’osservazione incredibilmente eccitante che la fusione, una componente importante del veleno delle api, può sopprimere la crescita delle cellule mortali del cancro al seno; in particolare il cancro al seno triplo negativo”.

Articolo consigliato: Nuove prospettive di trattamento per il Glioblastoma

error: Content is protected !!