La demenza si può prevenire con l'istruzione
0 4 minuti 6 mesi

Istruzione ed esperienze professionali si verificano durante le prime fasi della vita e rispettivamente nell’ età adulta, e gli sforzi di prevenzione della demenza potrebbero quindi essere messi in atto in diverse fasi nel corso della vita. A rivelarlo un nuovo studio condotto dall’Albert Einstein College of Medicine. I risultati sono stati pubblicati nel Journal of Alzheimer’s Disease.

La demenza colpisce attualmente più di 50 milioni di persone in tutto il mondo e anche se l’età è il fattore di rischio più forte per svilupparla, la demenza non è una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento.

Le stime suggeriscono che dal 40% al 50% dei casi, la demenza può essere prevenibile attraverso l’intervento di fattori di rischio modificabili.

Il rischio di demenza si assottiglia con l’aiuto del fattore occupazione-istruzione 

L’istruzione e la complessità occupazionale sono le principali fonti di impegno mentale sia durante i primi anni di vita, sia – rispettivamente – in età adulta; ma i risultati delle ricerche precedenti non sono stati conclusivi per quanto riguarda gli effetti protettivi di questi fattori contro la demenza in tarda età.

Jinshil Hyun, ricercatore presso l’Albert Einstein College of Medicine e membro del Cohort Studies of Memory in an International Consortium (COSMIC), e colleghi hanno voluto esaminare i contributi unici dell’istruzione e della complessità professionale rispetto alla demenza incidente, e valutare gli effetti mediatori della complessità professionale sull’associazione con l’istruzione in diverse coorti.

Leggi anche: Ictus e Demenza

I ricercatori, inoltre, hanno analizzato i dati di 10.195 partecipanti (età media di partenza: 74,1 anni, range: 58-103 anni), che rappresentano nove set di dati internazionali da sei paesi su quattro continenti.

I loro risultati hanno indicato che sia l’istruzione che la complessità occupazionale erano indipendentemente associati a un aumento del tempo di sopravvivenza senza demenza; con il 28% dell’effetto dell’istruzione mediato dalla complessità occupazionale.

***

C’erano prove di effetti soglia per l’istruzione. Con un conseguente aumento del tempo di sopravvivenza senza patologia. Tutto associato al “completamento della scuola superiore” o “con istruzione sopra la scuola superiore” rispetto al “completamento della scuola media o inferiore“.

“I risultati sono stati abbastanza coerenti tra i diversi paesi studiati, anche se più per la complessità occupazionale che per l’istruzione”; ha commentato il dottor Hyun.

È interessante notare che sembrava che il ‘completamento della scuola superiore’ fosse sufficiente a prevenire lo sviluppo della demenza, il che suggeriva un effetto limite”.

“Non c’era alcuna differenza significativa nei tassi di demenza tra ‘completamento della scuola superiore’ e quello al di sopra della scuola superiore”.

***

“Circa un quarto dell’associazione tra istruzione e demenza era dovuto alla complessità occupazionale. Coerente con i livelli più alti di istruzione che spesso portano a occupazioni più complesse”.

“Questa ricerca sottolinea l’importanza dell’attività mentale complessa per tutta la vita per ridurre il rischio di demenza”; conclude il professor Perminder Sachdev, che è anche co-direttore del Centre for Healthy Brain Ageing (CHeBA) presso la University of New South Wales.