Le sculture di Nairy Baghramian per Furla

153
Le sculture di Nairy Baghramian per Furla
The artist over a monumental “Bianco Altissimo Cervaiole” block (Statuary white) Henraux Headquarters, Querceta di Seravezza, Italy Courtesy Fondazione Henraux. Photo: Nicola Gnesi

FONDAZIONE HENRAUX – le sculture in marmo di Nairy Baghramian per Furla Series

Sponsor

FURLA SERIES

NAIRY BAGHRAMIAN. Misfits – a cura di Bruna Roccasalva

Promossa da Fondazione Furla e GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milano

GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milano

26 maggio – 26 settembre 2021

Storicamente il marmo si connota come materiale pesante, perfetto per la scultura, grazie alla sua promessa di durevolezza, ed è sovraccarico di connotati rappresentativi. L’incontro alla cava di Querceta con uno straordinario cavatore di lunga data è stato fonte di ispirazione. Ricordava quasi tutti gli artisti giunti in quella zona per lavorare con il marmo, da Hepworth a Moore, da Noguchi ad Arp fino a Louise Bourgeois. Mi ha spiegato come riesce a ‘leggere’ le venature del blocco e a percepire la fragilità del marmo”.

Nairy Baghramian

Le sculture di Nairy Baghramian per Furla Series

L’incontro di Nairy Baghramian con le cave di Henraux sul Monte Altissimo è stato per lei motivo di ispirazione. L’artista ha potuto conoscere direttamente i nostri cavatori e vedere da vicino il complesso quanto affascinante mondo dell’estrazione e lavorazione del marmo, il materiale che è perfetto per la scultura, per le sue valenze intrinseche di durevolezza, preziosità e plasticità.

Nairy Baghramian presenta cinque sculture monumentali appositamente realizzate per la mostra Misfits che trovano forma nelle diverse venature lapidee: lo Statuario  Altissimo, il Versilys Altissimo, il Rosa Norvegia, il Rosa California e il Costa Smeralda. I primi due marmi sono stati estratti dalle cave di Henraux mentre gli altri, di altissima qualità, sono stati appositamente importati. Le sculture sono state sbozzate a filo da avanzatissimi sistemi robotici e finite a mano da abili maestranze nei laboratori dell’azienda a Querceta di Seravezza (LU).

***

Il progetto per la realizzazione delle opere di Nairy Baghramian è nato dalla collaborazione di Fondazione Furla e GAM, Milano con Fondazione Henraux; e dalla propensione di quest’ultima a supportare ricerche e progetti attorno alle potenzialità del marmo, attraverso pratiche artistiche innovative.

La mission di Fondazione Henraux, nata nell’aprile 2011 per volontà e iniziativa del suo Presidente Paolo Carli, è promuovere la tradizione e la lavorazione del marmo nei diversi ambiti delle arti visive. Le iniziative della Fondazione sono rivolte all’innovazione e alla sperimentazione artistica e tecnologica; oltre alla valorizzazione di un patrimonio storico e culturale bi-centenario (1821-2021) che l’azienda ha acquisito in una lenta stratificazione di impegno e lavoro. E dal radicamento nel tessuto sociale della Versilia.

Puntiamo a un deciso rilancio della scultura e della lavorazione artistica del marmo – dichiara il Presidente Paolo Carli – anche attraverso la Fondazione impegnata nella valorizzazione del nostro patrimonio storico, artistico e produttivo”.

In aggiunta, ricordiamo, che nel 2018 Edoardo Bonaspetti ha assunto la direzione artistica della Fondazione.

The artist over a monumental “Bianco Altissimo Cervaiole” block (Statuary white)
Henraux Headquarters, Querceta di Seravezza, Italy
Courtesy Fondazione Henraux. Photo: Nicola Gnesi

Rosi Fontana Press & Public Relations