Mente e Cervello: perché vediamo volti ovunque?

236
Mente e Cervello
Il nostro bisogno di riconoscere rapidamente un amico o un nemico ha prodotto un intrigante effetto collaterale evolutivo Photo@Buddy_Nath by pixabay

Mente e cervello nel “gioco” dei ruoli. Che si tratti di vedere una sagoma umana nelle sfumature sulla superficie lunare o in oggetti di natura diversa, sembra che il nostro cervello sia cablato per vedere volti umani dove non ce ne sono! Banale? non proprio.

Spesso non diamo peso a quanto stiamo osservando; mentre, di contro la scienza che indaga su questo fenomeno, ancora non è riuscita a capire esattamente, cosa fa il cervello quando elabora i segnali visivi e li interpreta come rappresentazioni di volti.

Sponsor

Che si tratti di giocattoli, bottiglie di plastica; oppure tronchi d’albero, aspirapolvere. Qualcuno ha persino visto un “Gesù immaginario” nel formaggio su un toast , la mente è straordinariamente attiva nell’evidenziare caratteristiche umane su più superfici.

I neuroscienziati dell’Università di Sydney affermano che il modo in cui il nostro cervello identifica e analizza i veri volti umani è condotto dagli stessi processi cognitivi che identificano i volti illusori.

Da una prospettiva evolutiva, sembra che il piacere di non perdere mai di vista un volto, superi di gran lunga gli effetti degli errori in cui gli oggetti inanimati sono visti come tali”. Commenta il professor David Alais, autore principale dello studio della Scuola di Psicologia.

C’è un grande vantaggio nel rilevare rapidamente i volti”; ha precisato, “ma il sistema gioca in maniera ‘veloce e sciolta’ applicando un modello “grezzo” di due occhi sopra un naso e una bocca. Un sacco di cose possono soddisfare quel modello; quindi innescare una risposta di riconoscimento del volto”.

Questa risposta di riconoscimento facciale avviene alla velocità della luce nel cervello: in poche centinaia di millisecondi.

Mente e Cervello: cosa fa il cervello quando elabora segnali visivi e li interpreta come rappresentazioni del volto umano?

Sappiamo che questi oggetti non sono veramente dei volti, eppure la percezione di un volto persiste”; ha affermato il professor Alais. “Ci ritroviamo con qualcosa di strano: un’esperienza parallela che è sia un volto convincente sia un oggetto. Due cose insieme. La prima impressione di un volto non lascia il posto alla seconda percezione di un oggetto”.

Questo errore è noto come “pareidolia facciale”. È un evento così comune che accettiamo la nozione di individuare i volti negli oggetti come “normale” – ma gli esseri umani non sperimentano questo processo cognitivo con la stessa intensità per altri fenomeni”.

Il cervello ha sviluppato meccanismi neurali specializzati per rilevare rapidamente i volti e sfrutta la comune struttura facciale come scorciatoia per una rapida individuazione

I volti di pareidolia non vengono scartati come falsi rilevamenti, ma vengono sottoposti all’analisi dell’espressione facciale allo stesso modo dei volti reali”;ha aggiunto il professor Alais. “Non solo immaginiamo i volti, ma li analizziamo e diamo loro attributi emotivi”.

I ricercatori dicono che questa analisi dell’espressione di oggetti inanimati è perché come esseri profondamente sociali, semplicemente rilevare un volto non è sufficiente.

Abbiamo bisogno di leggere l’identità del volto e discernere la sua espressione. Sono un amico o un nemico? Sono felici, tristi, arrabbiati, addolorati?”. Ha detto il professor Alais.

Ciò che lo studio ha esaminato è se una volta che un volto pareidolia viene rilevato, viene successivamente analizzato per l’espressione facciale, o scartato dall’elaborazione del volto come un falso rilevamento.

La ricerca mostra che una volta che un volto falso è trattenuto dal cervello, viene analizzato per la sua espressione facciale allo stesso modo di un volto reale

Abbiamo dimostrato questo presentando sequenze di volti e facendo valutare ai partecipanti l’espressione di ogni volto su una scala che va da arrabbiato a felice”, ha detto il professor Alais. “Ciò che è stato intrigante è che un pregiudizio noto nel giudicare i volti umani persisteva nell’analisi dei volti immaginari inanimati.

Uno studio precedente intrapreso dal professor Alais ha dimostrato che in una situazione simile a quella di tentativi di giudicare un volto dopo l’altro, si osserva una distorsione per cui la valutazione del volto attuale è influenzata dalla nostra valutazione del volto precedente.

Gli scienziati hanno testato questo mischiando volti reali con volti di pareidolia – e il risultato è stato lo stesso

“Questa condizione di ‘cross-over’ è importante perché mostra che lo stesso processo di espressione facciale sottostante è coinvolto indipendentemente dal tipo di immagine”, ha detto il professor Alais.

Questo significa che vedere facce nelle nuvole è più che una fantasia del bambino“, ha precisato. “Quando gli oggetti sembrano irresistibilmente simili a un volto, è più di un’interpretazione: stanno davvero guidando la rete di rilevamento dei volti del tuo cervello. E quel cipiglio, o quel sorriso, è il sistema di espressione facciale del tuo cervello al lavoro”. Per il cervello, falsi o reali, i volti vengono elaborati tutti allo stesso modo”.

Mente e Cervello: i risultati sono pubblicati oggi nei Proceedings of the Royal Society B.