Micronova: individuata nuovo tipo di nova
0 3 minuti 1 mese

Le Micronova sono eventi estremamente potenti. Tuttavia sono di dimensioni ridotte su scala astronomica. Sono molto meno energetiche delle esplosioni stellari conosciute come Nova. Entrambi i tipi di esplosioni si verificano su nane bianche.

Una nana bianca in un sistema binario può sottrarre materiale, soprattutto idrogeno, alla sua stella gemella se sono abbastanza vicine.

Quando questo gas cade sulla superficie molto calda della stella nana bianca, innesca la fusione degli atomi di idrogeno in elio in modo esplosivo. Nelle novae, queste esplosioni termonucleari avvengono sull’intera superficie stellare.

Le Micronova sono esplosioni simili che sono più piccole in scala e più veloci, durando solo alcune ore

Si verificano su alcune nane bianche con forti campi magnetici, che incanalano il materiale verso i poli magnetici della stella.

L’astronomo della Durham University Simone Scaringi e colleghi si sono imbattuti per la prima volta in insolite esplosioni di micronova quando hanno notato un luminoso lampo di luce che durava per un breve periodo mentre analizzavano i dati del Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA.

In totale, hanno osservato delle micronovae in tre sistemi binari: TV Columbae, EI Ursae Majoris e ASASSN-19bh.

Due micronovae provenivano da nane bianche già note, TV Columbae e EI Ursae Majoris, ma la terza, ASASSN-19bh, aveva bisogno di ulteriori osservazioni con lo strumento X-Shooter sul Very Large Telescope (VLT) dell’ESO per confermare il suo stato di nana bianca.

Gli autori

“Abbiamo scoperto e identificato per la prima volta quella che chiamiamo una micronova”, ha dichiarato il dottor Scaringi. “Il fenomeno sfida la nostra comprensione di come avvengono le esplosioni termonucleari nelle stelle. Pensavamo di conoscerle, ma questa scoperta propone un modo totalmente nuovo di realizzarle”.

“Guardando attraverso i dati astronomici raccolti da TESS, abbiamo scoperto qualcosa di insolito: un lampo luminoso di luce ottica che dura per alcune ore. Cercando ulteriormente, abbiamo trovato diversi segnali simili”; aggiunge la dottoressa Nathalie Degenaar, astronoma dell’Università di Amsterdam.

***

“Per la prima volta, abbiamo visto che la fusione dell’idrogeno può avvenire anche in modo localizzato”. Sottolinea il dottor Paul Groot, un astronomo della Radboud University.

“Il combustibile di idrogeno può essere contenuto alla base dei poli magnetici di alcune nane bianche, in modo che la fusione avvenga solo a questi poli magnetici. Questo porta allo scoppio di bombe a microfusione, che hanno circa un milionesimo della forza di un’esplosione di nova, da cui il nome micronova”.

Il documento relativo alla scoperta, è stato pubblicato sulla rivista Nature.

Un documento di approfondimento, in cui gli autori propongono un modello che mostra come il confinamento magnetico di materiale su una nana bianca in accrescimento potrebbe innescare esplosioni termonucleari localizzate, è stato pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society Letters.