Gli antidepressivi aiutano? la risposta potrebbe non piacervi
0 4 minuti 1 mese

La domanda che in tanti si pongono è se gli antidepressivi aiutano davvero a stare bene. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE , l’uso a lungo termine di questa classe di farmaci, non ha migliorato la salute fisica o mentale nei pazienti con depressione .

Gli antidepressivi, non hanno reso una qualità della vita migliore alle persone depresse che ne fanno uso

Sono i risultati e, relative dichiarazioni, di un nuovo studio pubblicato in data 20 aprile 2022 sulla rivista ad accesso aperto PLOS ONE da Omar Almohammed, e colleghi, della King Saud University, Arabia Saudita.

È ampiamente riconosciuto che la malattia depressiva ha un impatto importante sulla qualità della vita correlata alla salute (HRQoL – Health-RelatedQuality of Life*) dei pazienti. Mentre gli studi hanno dimostrato l’utilità dei farmaci antidepressivi nel trattamento del disturbo depressivo, l’effetto di questi farmaci sul benessere generale dei pazienti e sull’HRQoL rimane discutibile.

Nella nuova indagine, i ricercatori hanno utilizzato i dati del Medical Expenditures Panel Survey (MEPS) degli USA dal 2005-2015; un grande studio della durata di un anno che traccia i servizi sanitari che gli americani utilizzano.

Ogni persona con una diagnosi di disturbo depressivo è identificata nei file MEPS. Nel corso dello studio, 17,47 milioni di pazienti adulti hanno ricevuto una diagnosi di depressione in media ogni anno, con due anni di controllo, e il 57,6% di questi sono stati trattati con farmaci antidepressivi.

Lo studio da vicino

L’uso dei farmaci è associato a un certo miglioramento della componente mentale dell’SF-12, l’indagine sulla qualità della vita legata alla salute. Tuttavia, quando questo cambiamento positivo è stato confrontato con il cambiamento nel gruppo di persone a cui era stato diagnosticato un disturbo depressivo ma che non prendevano antidepressivi,. non c’era alcuna associazione statisticamente significativa degli antidepressivi con la componente fisica (p=0,9595). o mentale (p=0,6405) del SF-12. In altre parole, il cambiamento nella qualità della vita, visto tra coloro che assumono antidepressivi in due anni, .non era significativamente diverso da quello visto tra coloro che non prendono i farmaci.

Lo studio non è stato in grado di analizzare separatamente qualsiasi sottotipo o gravità variabile di depressione. Gli autori dicono che gli studi futuri, dovrebbero indagare l’uso di interventi non farmacologici per combattere la depressione, usati in combinazione con gli antidepressivi.

***

Gli autori aggiungono: “Anche se abbiamo ancora bisogno che i nostri pazienti con depressione continuino a usare i loro farmaci antidepressivi, sono necessari studi a lungo termine che valutino l’impatto effettivo degli interventi farmacologici e non farmacologici sulla qualità della vita di questi pazienti. Detto questo,. il ruolo degli interventi cognitivi e comportamentali sulla gestione a lungo termine della depressione deve essere ulteriormente valutato. in uno sforzo per migliorare l’obiettivo finale della cura per questi pazienti; migliorare la loro qualità di vita complessiva”.


*Salute – Qualità della vita.