Parkinson: rischio minore con farmaco prostata

Un recente studio, condotto dall'Università dell'Iowa, evidenzia un collegamento tra il morbo di Parkinson e la Terazosina

Parkinson: rischio minore con farmaco prostata

Morbo di Parkinson: Il rischio potenzialmente ridotto grazie a un farmaco per la prostata

In base ad una stima recente, sono circa 10 milioni di persone in tutto il mondo a soffrirne. Per la malattia del Parkinson (PD), destinata a crescere con l’invecchiamento della popolazione, non c’è cura. Tuttavia, esistono dei farmaci in commercio, che possono aiutare a controllarne i sintomi, che spesso, hanno davvero risvolti drammatici.

In un recente studio, portato avanti dalla Università dell’Iowa (UI), è osservato come, un farmaco molto particolare – utilizzato per curare la prostata ingrossata – è associato a un rischio ridotto di sviluppare la malattia di Parkinson. L’UI si è avvalsa della collaborazione di altri scienziati della Danimarca e Cina. Entrambi hanno confermato la veridicità di questa nuova scoperta.

I loro risultati sono pubblicati in JAMA Neurology, in un documento intitolato, “Associazione di Glycolysis-Enhancing α-1 Blockers con rischio di sviluppare la malattia di Parkinson“.

Un trattamento che previene o ritarda lo sviluppo del PD è un bisogno critico insoddisfatto. Terazosina e farmaci strettamente correlati sono stati recentemente scoperti per migliorare la glicolisi e ridurre la progressione del PD in modelli animali e database clinici umani“. Scrivono gli autori.

I ricercatori hanno analizzato 300.000 uomini anziani da due grandi set di dati indipendenti di pazienti – il database Truven Health Analytics MarketScan negli Stati Uniti e i registri sanitari nazionali in Danimarca – per indagare se l’assunzione di terazosina è associata allo sviluppo della malattia di Parkinson.

I risultati si basano sulla precedente ricerca preclinica del team, che ha dimostrato che la terazosina aumenta i livelli di energia cellulare e può prevenire o rallentare la progressione della malattia di Parkinson in modelli animali.

Parkinson: l’uso di terazosina e Tamsulosina

Utilizzando i database degli USA e della Danimarca, il team ha identificato 150.000 uomini che hanno iniziato da poco a prendere la terazosina o farmaci simili. Poi li ha abbinati, in base all’età e alla storia clinica, a 150.000 uomini che hanno iniziato da poco a prendere la tamsulosina; un altro farmaco comunemente usato per trattare l’ingrossamento della prostata, ma che non ha effetti sulla produzione di energia cellulare

Abbiamo poi monitorato i dati sanitari di questi uomini per determinare quanti in ogni gruppo hanno sviluppato la malattia di Parkinson“; ha spiegato Jacob Simmering, PhD, professore assistente di medicina interna dell’UI e autore corrispondente dello studio. “Gli uomini che prendevano la terazosina avevano il 12-37% in meno di probabilità di sviluppare la malattia di Parkinson durante il follow-up rispetto agli uomini che prendevano la tamsulosina”.

I ricercatori hanno anche osservato che una maggiore durata d’uso dei farmaci energetici per la prostata era associata a maggiori effetti protettivi.

Nonostante le relative differenze nella popolazione e nella struttura del sistema sanitario, abbiamo trovato un effetto protettivo simile in entrambi i paesi“, ha aggiunto Simmering.

La replica della scoperta in una coorte internazionale è una prova potente che suggerisce un effetto causale. Se questi risultati sono confermati attraverso ulteriori indagini, in particolare uno studio clinico randomizzato, la terazosina può fornire una neuroprotezione; e potenzialmente prevenire – e non solo gestire – la malattia di Parkinson“.

I ricercatori hanno scritto che le indagini future sono necessarie per identificare se un sottogruppo specifico di pazienti ha maggiori probabilità di beneficiare del trattamento. Questi risultati possono aiutare a dare speranza e possono un giorno portare a un trattamento migliore per questa devastante malattia neurodegenerativa.

error: Content is protected !!