Roopkund

NEL 1942, UNA GUARDIA FORESTALE SCOPRE UN NUMERO RILEVANTE DI OSSA PRESSO UN LAGO HIMALAYANO. OGGI, IL MISTERO S'INFITTISCE

Roopkund: le 800 ossa del lago glaciale

Centinaia di scheletri riempiono il lago himalayano di Roopkund. Come ci sono arrivati?

In cima all’Himalaya indiano, a quattro-cinque giorni di cammino dal villaggio più vicino, si trova un piccolo lago glaciale chiamato Roopkund. Il posto è bellissimo, una goccia d’acqua dalle tonalità brillanti in mezzo a ghiaia ruvida e detriti, ma difficilmente fuori dall’ordinario per l’aspro paesaggio – tranne che per le centinaia di ossa umane sparse dentro e intorno al lago.

Lago di Roopkund

Queste ossa, appartenenti a circa 300-800 persone, sono state un mistero da quando una guardia forestale le ha segnalate al mondo intero nel 1942. Ultimamente, però, il mistero si è solo infittito. Nel 2019, una nuova analisi genetica dettagliata del DNA delle ossa, riportate sulla rivista Nature Communications, ha scoperto che almeno 14 delle persone morte al lago, probabilmente non erano dell’Asia meridionale. Invece, i loro geni corrispondono a quelli di persone contemporanee del Mediterraneo orientale.

Inoltre, queste ossa erano molto più recenti della maggior parte delle altre al lago, che risalgono all’800 circa; le persone con apparente eredità mediterranea sembrano invece essere morte intorno al 1800. Quindi, cosa mai stava facendo un gruppo proveniente dal Mediterraneo sopra i 16.500 piedi (5.029 metri) in un angolo remoto dell’Himalaya? E come sono morti?

Roopkund: una catena mortale

La storia di Roopkund illustra la necessità di molteplici linee di prova quando si indaga sul passato. Le ossa da sole sono mistificanti: Appartengono a uomini e donne, per lo più giovani adulti, che sembrano essere morti in diversi attacchi, forse nel corso di decine o centinaia di anni.

Le storie raccontate dagli abitanti dei villaggi vicini offrono una maggiore illuminazione. Il lago si trova su un sentiero di pellegrinaggio per Nanda Devi, una montagna considerata la rappresentazione della dea indù Parvati. Secondo la leggenda locale, un lontano re una volta fece arrabbiare Nanda Devi, facendole scatenare la siccità sul suo regno. Per placare la dea, il re partì per un pellegrinaggio portando con se il suo seguito oltre Roopkund, in quello che oggi è lo stato di Uttarakhand. Ma il re sciocco portò danzatrici e altri lussi, intensificando la rabbia di Nanda Devi. Lei evocò una terribile tempesta di grandine e uccise l’intero gruppo, secondo il folclore.

Questo racconto potrebbe non essere lontano dalla verità. Alcune delle vittime di Roopkund hanno fratture del cranio che sembrano il risultato di un trauma da corpo contundente, come ha scoperto la ricerca. Ma qual è la migliore ipotesi, su cosa sia successo alla maggior parte dei morti?

Forse sono stati bloccati sul crinale sopra il lago, a causa di terribili tempeste; alcune delle quali possono aver incluso una grandine mortale. La maggior parte delle vittime è probabilmente morta per l’esposizione e l’ipotermia. Si ipotizza che siano finiti dentro e intorno al lago perché i loro corpi sono rotolati a valle – o i loro resti sono scivolati giù per la collina nei frequenti mini-avallamenti comuni sul pendio.

Roopkund, Trishul, Himalayas

Mistero ancora in corso

Non c’è concordanza – dicono gli esperti – su ciò che un gruppo di persone di apparente eredità mediterranea stava facendo in un angolo così remoto dell’Himalaya intorno al 1800; non ci sono registrazioni storiche di una spedizione a lungo raggio nella regione.

Cui si unisce, inoltre, la discordanza rilevata dai ricercatori sui limiti dell’analisi del DNA antico, confrontato con il DNA degli scheletri del lago e con il DNA delle popolazioni moderne. Ma le persone si sono spostate molto nel corso degli oltre 200 anni, rendendo un po’ difficile dire esattamente da dove venivano i morti del lago. Quindi, potrebbero non essere venuti direttamente dal Mediterraneo orientale; potrebbero essere venuti da più vicino a Roopkund ma aver condiviso antenati comuni con le persone che hanno finito per popolare il Mediterraneo orientale.

Ci sono prove non-DNA che le persone del gruppo misterioso non erano come gli altri che morirono ai laghi, però. L’analisi del 2019 ha anche scoperto che questo gruppo aveva una dieta diversa, con meno miglio, rispetto alle persone la cui genetica suggeriva un’origine sud asiatica.

Una teoria è che i misteriosi morti a Roopkund potrebbero provenire da una popolazione isolata di asiatici centrali che discendevano da Alessandro Magno e dai suoi eserciti. I Kalash, un gruppo etnico in Pakistan, devono alcuni dei loro antenati a questi conquistatori; il genetista dell’Università di Harvard David Reich e i suoi colleghi lo hanno scritto nel loro documento del 2019. Ma i morti misteriosi non hanno una genetica come i Kalash, che mescolano marcatori genetici del Mediterraneo orientale con marcatori dell’Asia meridionale; e non mostrano nessuno dei segni di inbreeding (incrocio fra individui strettamente imparentati o consanguinei), che sarebbero evidenti se non si mescolassero con la più ampia popolazione dell’Asia meridionale intorno a loro.

La ricerca avanza e le ipotesi vogliono chiarire il perchè

Combinando diverse linee di prova, i dati suggeriscono invece che ciò che abbiamo campionato è un gruppo di uomini e donne non imparentati che sono nati nel Mediterraneo orientale durante il periodo del controllo politico ottomano”, hanno scritto i ricercatori.Come suggerito dal loro consumo su una dieta prevalentemente contadina, piuttosto che marittima, potrebbero aver vissuto nell’entroterra, per poi viaggiare e morire sull’Himalaya. Se stessero partecipando a un pellegrinaggio, o se fossero attratti dal lago Roopkund per altre ragioni, è un mistero”.

Parte del motivo per cui questo mistero persiste, è che Roopkund non è stato effettivamente studiato bene. Il lago si trova su un percorso di trekking relativamente popolare, e gli escursionisti nel corso dei decenni hanno spostato le ossa, le hanno impilate e persino rubate. A causa del tempo tempestoso e dell’alta quota, non sono stati fatti studi sistematici dei resti e della loro posizione”.

Quanto dichiarato è al centro di un nuovo articolo su The New Yorker di Douglas Preston; nonché di un successivo webinar di discussione condotto dall’antropologo Agustín Fuentes della Preston e dell’Università di Princeton; e ospitato dalla School for Advanced Research del New Mexico.

Per il suo articolo sul New Yorker, Preston ha intervistato Veena Mushrif-Tripathy, una bioarcheologa del Deccan College in India che spera di indagare scientificamente su Roopkund.

È probabile che ci siano corpi nel lago che non sono stati ancora recuperati”. Ha detto Mushrif-Tripathy a Preston. Se i ricercatori possono avviare una tale spedizione, potrebbero essere in grado di chiarire la vita di alcuni di coloro che sono morti nel lago.

Invito alla lettura, Stonehenge: tra mito e leggenda

error: Content is protected !!