“Sfatata la ” teoria audace” secondo cui il T Rex era composto da 3 specie – “Il Tyrannosaurus rex rimane l’unico vero re dei dinosauri”.

I paleontologi non trovano prove sufficienti per riclassificare l’iconico Tyrannosaurus rex. Un’audace affermazione fatta all’inizio di quest’anno, secondo cui i fossili identificati come appartenenti al dinosauro Tyrannosaurus rex rappresenterebbero in realtà tre specie distinte, è ora sfatata da una nuova ricerca. La confutazione rileva che la proposta precedente non ha prove sufficienti per dividere le specie iconiche. Lo studio, pubblicato in data 25 luglio 2022 sulla rivista Evolutionary Biology, è stato condotto da paleontologi dell’American Museum of Natural History (AMNH) e del Carthage College.

Il Tyrannosaurus rex rimane l’unico vero re dei dinosauri”, ha dichiarato il coautore dello studio Steve Brusatte, paleontologo dell’Università di Edimburgo che ha svolto il suo dottorato di ricerca presso il Museo.

“Recentemente una teoria audace è stata annunciata con grande clamore: quello che chiamiamo T Rex era in realtà una specie multipla. È vero che i fossili in nostro possesso presentano una certa variabilità nelle dimensioni e nella forma, ma, come dimostriamo nel nostro nuovo studio, tale variazione è minima e non può essere utilizzata per separare nettamente i fossili in gruppi facilmente definibili. Sulla base di tutte le prove fossili di cui disponiamo attualmente, il T Rex è l’unico predatore apicale gigante della fine dell’Era dei Dinosauri in Nord America”.

Nel marzo 2022, gli autori del controverso studio hanno sostenuto che il T. rex dovrebbe essere riclassificato in tre specie: il T. rex standard, il più ingombrante “T. imperator” e il e il ridotto “T. regina”. Lo studio, pubblicato sulla rivista Evolutionary Biology, si basa sull’analisi delle ossa delle zampe e dei denti di 38 esemplari di T. rex.

T REX: un’analisi controversa

Nel nuovo lavoro, gli scienziati hanno rivisitato i dati presentati nello studio precedente e hanno aggiunto i dati di 112 specie di dinosauri viventi – uccelli – e di quattro dinosauri teropodi non aviari. Secondo le loro scoperte, l’argomento delle specie multiple si basava su un campione comparativo limitato, su misure non comparabili e su tecniche statistiche improprie.

“Il loro studio sosteneva che la variazione degli esemplari di T. rex era così elevata che probabilmente provenivano da più specie strettamente imparentate di dinosauro gigante carnivoro”, ha commentato James Napoli, coautore dello studio di revisione e dottorando presso la Richard Gilder Graduate School del Museo. “Ma questa affermazione si basa su un campione comparativo molto piccolo. Confrontando i dati di centinaia di uccelli viventi, abbiamo scoperto che il T. rex è meno variabile della maggior parte dei dinosauri teropodi viventi”. Questa linea di prova per la proposta di specie multiple non regge”.

“Individuare la variazione negli animali estinti da tempo è una sfida importante per i paleontologi”, ha dichiarato il coautore Thomas Carrdel Carthage College. “Il nostro studio dimostra che analisi statistiche rigorose, basate sulle nostre conoscenze degli animali viventi, sono il modo migliore per chiarire i confini delle specie estinte. In pratica, il modello a tre specie è così poco definito che molti esemplari eccellenti non possono essere identificati. Questo è un chiaro segnale di allarme di un’ipotesi che non si adatta al mondo reale”.

T Rex

***

La variazione delle dimensioni del secondo dente della mascella inferiore, oltre alla robustezza del femore, indicava la presenza di più specie secondo l’articolo originale. Tuttavia, gli autori del nuovo studio non sono riusciti a replicare i risultati dei denti. Hanno ottenuto risultati diversi dalle loro misurazioni degli stessi esemplari. Inoltre, gli scienziati del nuovo studio hanno contestato il modo in cui sono stati determinati statisticamente i “punti di rottura”. per ciascuna specie utilizzando questi tratti.

Poiché l’analisi statistica dello studio originale definiva il numero di gruppi prima dell’esecuzione del test,. secondo gli autori del nuovo studio non è utile per verificare l’ipotesi. Nell’ultimo lavoro, è utilizzata una tecnica statistica diversa per determinare quanti cluster esistono all’interno dei dati senza alcuna ipotesi avanzata, scoprendo che è meglio considerarli come un unico gruppo – in altre parole, una specie – T. rex.

I confini delle specie viventi sono molto difficili da definire: per esempio, gli zoologi non sono d’accordo sul numero di specie viventi di giraffa” – ha aggiunto il coautore Thomas Holtz, dell’Università del Maryland e del Museo Nazionale di Storia Naturale – “Diventa molto più difficile quando le specie coinvolte sono antiche e conosciute solo da un numero piuttosto ridotto di esemplari”.

“Prima di accettare l’ipotesi che due serie di esemplari siano in realtà specie separate, è necessario respingere altre fonti di variazione – cambiamenti con la crescita, con la regione, con il sesso e con le buone vecchie differenze individuali. A nostro avviso, questa ipotesi non è ancora la migliore spiegazione”.

“Il T. rex è una specie iconica e incredibilmente importante sia per la ricerca paleontologica che per la comunicazione al pubblico della scienza, quindi è importante che si arrivi a un risultato corretto”, ha concluso il coautore David Hone,della Queen Mary University di Londra. “C’è ancora una buona possibilità che ci sia più di una specie di tirannosauro là fuori, ma abbiamo bisogno di prove solide per prendere questo tipo di decisione”.


Conosci il Tardigrado?

5 fantastici benefici per la salute Previous post 5 fantastici benefici per la salute
Edward Hopper Next post Edward Hopper il pittore del silenzio