Un disco di cover per Zucchero

REGGIO EMILIA – Un disco di cover per Zucchero. Si chiama “Discover” e non c’è nulla di cui stupirsi. Il cantautore emiliano, infatti, ha sempre inciso nella sua carriera brani di altri artisti. Mancava solo un album che li raccogliesse tutti. Ma Zucchero, per questo nuovo lavoro, ha voluto fare di più, e quindi ha registrato altri rifacimenti nuovi di zecca, a partire dal singolo di lancio “Follow you follow me”. Questo pezzo risale al 1978 ed è contenuto nel primo disco che i Genesis, appena rimasti orfani di Steve Hackett, proposero nella formazione a tre. Zucchero, anche se nessuno se l’aspetterebbe, è un fan della band britannica, e d’altronde vanta anche un’amicizia con Phil Collins e, soprattutto, Peter Gabriel.

Un disco di cover per Zucchero

L’impostazione generale della tracklist è acustica. Il video ufficiale di “Follow you follow me” è diretto da Attilio Cusani e prodotto da Borotalco.tv. In “Discover” Zucchero ha spogliato e rivestito nel suo stile iconiche canzoni del panorama musicale italiano e internazionale, unendo le sue due anime: la miglior tradizione melodica italiana e le più profonde radici afroamericane.

Importanti, anche, le collaborazioni con Bono in “Canta la vita” (versione italiana con il testo a firma di Zucchero della canzone di Bono “Let your love be known”), con Elisa in “Luce (Tramonti a Nord Est)”, canzone del 2001 scritta insieme all’artista, e con Mahmood in “Natural Blues”, versione di Moby del brano “Trouble so hard” di Vera Hall. Intenso ed emozionante è il brano “Ho visto Nina volare”, in cui Zucchero sceglie di duettare virtualmente con Fabrizio De André.

La versione standard di “Discover” è composta da 13 brani, ma esiste anche una versione box del progetto, in vendita in esclusiva sul sito di Universal Music e solo in formato fisico, contenente 1 cd, con i 13 brani della versione standard + 5 tracce bonus, 1 doppio Lp colore bianco e 1 speciale Vinile 10” di colore azzurro contenente le 5 tracce bonus.

Pieter Brueghel, detto "Il Buffo" Previous post Pieter Brueghel, detto “Il Buffo”
Amore: 5 storie vere che hanno cambiato il mondo Next post Amore: 5 storie vere che hanno cambiato il mondo