Un manifesto per la ricostruzione della ristorazione

Un manifesto per la ricostruzione della ristorazione

ROMA – Un manifesto per la ricostruzione della ristorazione. Lo propone l’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto (AdG), che torna a rivolgersi al Governo per la ripartenza del settore. Proprio così. L’appello al premier Mario Draghi e al ministro dell’Economia e delle finanze Daniele Franco è di raccogliere tutte le proposte volte alla concreta ricostruzione della ricostruzione italiana. L’associazione sottolinea:

“I provvedimenti necessari sono molteplici e necessitano di una gestione coordinata e strutturata fra di loro e riguardando tutte le voci di bilancio con cui le aziende del comparto, al pari di tutte le realtà imprenditoriali italiane, devono fare i conti”.

Ma non è tutto. Segnaliamo infatti che nelle scorse settimane già le imprese della ristorazione si erano rivolte all’esecutivo nazionale tramite Cna, Confartigianato e Casartigiani. Insomma, qualcosa sembra muoversi.

Un manifesto per la ricostruzione della ristorazione

Il cambio di passo chiesto – spiega una nota – “deve riguardare la politica del lavoro, accelerando i tempi di erogazione della cassa integrazione, reintroducendo i voucher e prevedendo una decontribuzione fino a fine anno per le risorse già in essere e fino al 2023 per quelle nuove senza porre limiti anagrafici”. Non solo. Si sollecita anche una riforma fiscale che cancelli la tassa per il suolo pubblico per tutto il 2021 e permetta una dilazione di pagamento delle tasse arretrate in almeno due anni”.

Un’ulteriore opportunità di crescita viene circoscritta alla possibilità di ottenere finanziamenti bancari più agevolati. E non è finita. Si chiede inoltre di tutelare tutti i ristoratori locatari di un immobile e di prevedere un’ulteriore tutela economica per tutti coloro che non hanno uno spazio esterno.

“Il nostro settore – afferma il presidente AdG Cristina Bowerman – potrà effettivamente ripartire solo se sarà messo nelle condizioni di investire su sé stesso. Per questo chiediamo al Governo lo stanziamento di risorse a fondo perduto. Che non siano destinate alla sola copertura dei debiti contratti in questo tragico anno pandemico ma rappresentino uno strumento concreto per investire sulle nostre aziende”.

Perché lascerò il 118: medici dimenticati da tutti Previous post Perché lascerò il 118: medici dimenticati da tutti
4 recensioni negative Next post Recensioni negative: ecco cosa accade all’azienda