Una possibile via contro la leucemia dall’avocado

73
Una possibile via contro la leucemia
Un nuovo studio sostiene che un componente contenuto nell'avocado potrebbe offrire una via per un migliore trattamento della leucemia

Un composto contenuto nell’avocado potrebbe in definitiva offrire una possibile via contro la leucemia per un migliore trattamento. Questo è quanto afferma un nuovo studio dell’Università di Guelph.

Il composto prende di mira un enzima che gli scienziati hanno identificato per la prima volta come critico per la crescita delle cellule tumorali. Questo è quanto ha detto il Dr. Paul Spagnuolo, Dipartimento di Scienza dell’Alimentazione.

Sponsor

Pubblicato recentemente nella rivista Blood, lo studio si è concentrato sulla leucemia mieloide acuta (AML), che è la forma più devastante della malattia. La maggior parte dei casi si verifica in persone di età superiore ai 65 anni, e meno del 10 per cento dei pazienti sopravvive dopo cinque anni dalla diagnosi.

“Le cellule leucemiche hanno maggiori quantità di un enzima chiamato VLCAD coinvolto nel loro metabolismo”. Rileva Spagnuolo.

La cellula si affida a questo percorso per sopravvivere”, ha affermato, spiegando che il composto è un probabile candidato per la terapia farmacologica. “Questa è la prima volta che VLCAD è stato identificato come un bersaglio in qualsiasi tipo di cancro”.

Una possibile via contro la leucemia dal frutto dell’avocado

Il suo team ha esaminato i composti nutraceutici tra numerosi principi, alla ricerca di qualsiasi sostanza che potrebbe inibire l’enzima.

Ecco, il migliore era derivato dall’avocado”, ha commentato Spagnuolo.

In precedenza, il suo laboratorio ha esaminato l’avocatina B, una molecola grassa che si trova solo nell’avocado, per un potenziale uso nella prevenzione del diabete e nella gestione dell’obesità. Ora è ansioso di vederla utilizzata nei pazienti affetti da leucemia.

Il VLCAD può essere un buon marcatore per identificare i pazienti adatti a questo tipo di terapia. Può anche essere un marcatore per misurare l’attività del farmaco“, ha detto Spagnuolo. “Questo pone le basi per un eventuale uso di tale molecola in studi clinici umani”.

Attualmente, circa la metà dei pazienti sopra i 65 anni con diagnosi di AML entrano in cure palliative. Altri si sottopongono alla chemioterapia, ma i trattamenti farmacologici sono tossici e possono finire per uccidere i pazienti.

“C’è stata una spinta a trovare farmaci meno tossici che possono essere utilizzati”.

Riferendosi al precedente lavoro con l’avocatina B per il diabete, Spagnuolo ha aggiunto:

“Abbiamo completato uno studio su pazienti con questa componente, come integratore orale e siamo stati in grado di dimostrare che quantità apprezzabili sono abbastanza ben tollerate”.