Vega: può “ospitare” un pianeta?

58
Vega
Credit@Pexels.com - Immagine della stella Vega

Astronomia. Un pianeta incandescente potrebbe essere in orbita attorno alla stella Vega.
Considerata una delle stelle più luminose del cielo notturno, potrebbe avere un pianeta gigante, con temperature di superficie media di 5.390 gradi Fahrenheit.

Gli astronomi hanno scoperto nuovi indizi su un pianeta gigante e incandescente che orbita intorno a Vega, una delle stelle più luminose del cielo notturno.

Sponsor

La ricerca, pubblicata questo mese su The Astrophysical Journal, è stata condotta dallo studente Boulder Spencer Hurt, dell’Università del Colorado; uno specializzando del Dipartimento di Scienze Astrofisiche e Planetarie.

Si concentra su una stella leggendaria e relativamente giovane: Vega! che fa parte della costellazione della Lira e ha una massa doppia rispetto a quella del nostro sole. Il corpo celeste, si trova a soli 25 anni luce (o circa 150 trilioni di miglia) dalla Terra – piuttosto vicino, astronomicamente parlando.

Gli scienziati, infatti, possono vedere Vega con i telescopi anche quando c’è la luce “il che lo rende un candidato ideale per la ricerca“; ha detto il coautore dello studio Samuel Quinn.

È abbastanza luminosa da poterla osservare al crepuscolo, quando le altre stelle vengono spazzate via dalla luce del sole”. Continua Quinn, un astronomo di Harvard e dello Smithsonian Center for Astrophysics (CfA).

Vega: è possibile che ci sia un pianeta che orbita intorno alla stella?

Nonostante la fama della stella, i ricercatori non hanno ancora trovato un singolo pianeta in orbita intorno a Vega. Tuttavia, la situazione potrebbe essere sul punto di cambiare. Attingendo a un decennio di osservazioni dalla terra, Hurt, Quinn e i loro colleghi hanno portato alla luce un curioso segnale che potrebbe essere il primo mondo conosciuto della stella.

Se le scoperte del team dovessero dimostrarsi attendibili, il pianeta alieno orbiterebbe così vicino a Vega che i suoi anni durerebbero meno di due giorni e mezzo terrestri. (Mercurio, al contrario, impiega 88 giorni per girare intorno al sole). Questo potenziale pianeta potrebbe anche classificarsi come il “secondo mondo” più caldo conosciuto dalla scienza – con temperature superficiali medie di 5.390 gradi Fahrenheit “brucianti”.

Hurt ha detto che la ricerca del gruppo aiuta anche a restringere dove altri “mondi esotici” potrebbero nascondersi nel giro d’azione di Vega.

Questo è un sistema enorme, molto più grande del nostro sistema solare“, ha detto Hurt. “Potrebbero esserci altri pianeti in tutto il sistema. Si tratta solo di capire se siamo in grado di rilevarli”.

Un pianeta giovane e veloce

Gli scienziati hanno scoperto più di 4.000 esopianeti, o pianeti oltre il sistema solare terrestre, fino ad oggi. Pochi di questi, tuttavia, girano intorno a stelle che sono così luminose o così vicine alla Terra come Vega. Ciò significa che, se ci sono pianeti intorno alla stella, gli scienziati potrebbero darne un’osservazione davvero dettagliata.

Sarebbe davvero eccitante trovare un pianeta intorno a Vega perché offre possibilità di caratterizzazione futura in modi che i pianeti intorno a stelle più deboli non avrebbero“;Afferma Quinn.

C’è solo una pecca: Vega è ciò che gli scienziati chiamano una stella di tipo A, il nome per gli elementi celesti che tendono ad essere più grandi, più giovani e che ruotano molto più velocemente del nostro sole. Vega, per esempio, ruota intorno al suo asse una volta ogni 16 ore – molto più velocemente del sole con un periodo di rotazione che si aggira intorno ai 27 giorni terrestri.

Un ritmo così veloce – dice Quinnpuò rendere difficile per gli scienziati raccogliere dati precisi sul movimento della stella e, per estensione, qualsiasi pianeta in orbita intorno ad essa”.

Per affrontare quel gioco chiamato dagli scienziati “nascondino celeste“, Quinn e colleghi hanno analizzato circa 10 anni di dati su Vega raccolti dal Fred Lawrence Whipple Observatory in Arizona. In particolare, il team era alla ricerca di un segnale rivelatore di un pianeta alieno – un leggero scossone nella velocità della stella.

Se hai un pianeta intorno a una stella, può tirare la stella, facendola oscillare avanti e indietro”; rileva Quinn.

Un pianeta “bollente”

La ricerca potrebbe aver dato i suoi frutti“; dichiara Hurt, che ha iniziato lo studio come ricercatore estivo lavorando per Quinn al CfA. Il team ha scoperto un segnale che indica come Vega potrebbe ospitare quello che gli astronomi chiamano un “Nettuno caldo” o forse un “Giove caldo“.

Sarebbe almeno delle dimensioni di Nettuno, potenzialmente grande come Giove e sarebbe più vicino a Vega di quanto Mercurio sia al sole”. Prosegue Hurt.

Così vicino a Vega” ha aggiunto “il mondo candidato potrebbe ‘gonfiarsi come un pallone’, e anche il ferro si fonderebbe in gas nella sua atmosfera”.

I ricercatori hanno ancora molto lavoro da fare prima di poter dire definitivamente di aver scoperto questo pianeta. Hurt ha notato che il modo più semplice per cercarlo potrebbe essere quello di scansionare il sistema stellare direttamente per cercare la luce emessa dal pianeta caldo e luminoso.

Per ora, lo studente è entusiasta di vedere il suo duro lavoro che si riflette nelle costellazioni: “Ogni volta che vado fuori e guardo il cielo notturno e vedo Vega, dico ‘Ehi, conosco quella stella’”.

Altri coautori del nuovo progetto sono David Latham, Gilbert Esquerdo, Michael Calkins, Perry Berlind, Christian Latham e George Zhou del CfA; Andrew Vandeburg dell’Università del Wisconsin-Madison e Ruth Angus dell’American Museum of Natural History.