Donne artiste bypassate alle aste!

Donne artiste bypassate alle aste!

Si dice che un’immagine vale più di mille parole. Tuttavia, molte donne artiste – e le storie che le loro opere raccontano – comprendono meno del 4% del totale dell’arte venduta all’asta e non riescono ad attrarre prezzi di vendita elevati rispetto agli artisti maschi.

Uno studio internazionale – il primo al mondo – condotto da ricercatori della Monash University, della Maastricht University (Paesi Bassi) e di Artnet Worldwide, con sede a New York, ha scoperto che uno sbalorditivo 96,1% (2.572.346) di tutte le opere d’arte vendute alle aste in tutto il mondo, tra il 2000 e il 2017, sono attribuite ad artisti maschi.

Tuttavia, le opere di artiste donne sono in media il 4,4% più costose dopo aver controllato le caratteristiche dell’opera d’arte e della transazione. Questo fattore, contribuisce a creare maggiori barriere per le donne, di entrare nel mercato dell’arte, almeno secondo quanto affermano i ricercatori.

Donne artiste: solo una nella top 50

Nonostante il prezzo medio più alto per le loro opere, le donne artiste sono quasi esclusivamente assenti dai primi posti del valore totale dell’arte venduta all’asta. Quarantadue uomini occupano il primo posto (0,03%) del mercato, dove si concentra il 40% del valore delle vendite. Solo un’artista donna, Joan Mitchell, entra nella top 50.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati nel Journal of Cultural Economics.

La dottoressa Marina Gertsberg, docente di Banca e Finanza alla Monash Business School; e co-autrice dello studio, ha detto che anche con una quota quasi uguale di donne e uomini che perseguono lauree in belle arti, le donne trovano più difficile trasformare questo interesse in opere d’arte vendibili.

Le donne potrebbero sentirsi scoraggiate dalle loro prospettive di mercato al livello più alto, o potrebbero sperimentare la discriminazione da parte di commercianti e acquirenti che attribuiscono un potenziale maggiore agli uomini al livello più alto. Aumentare la visibilità delle artiste e dare loro la possibilità di competere all’inizio della loro carriera è quindi molto importante per migliorare la rappresentazione femminile”. Sostiene la dott.ssa Gertsberg.

Attualmente c’è qualche movimento in questa direzione. I musei e le gallerie stanno aumentando la quota di artiste donne in mostra. Questo aiuta gli acquirenti a conoscere l’arte femminile e ad avere più fiducia in essa“.

Mostre per sole donne non permettono confronti

Allo stesso tempo, la dottoressa Gertsberg dice che è importante non suddividere gli artisti femminili e quelli maschili.

Per esempio, le mostre “solo per donne” non permettono al pubblico di confrontare le opere d’arte di maschi e femmine e spingono l’arte femminile in una categoria di nicchia. Le donne dovrebbero avere la possibilità di competere fianco a fianco con gli uomini“; rileva.

Il fatto che i prezzi d’asta siano più alti per le opere d’arte delle donne che per quelle degli uomini, dopo aver tenuto conto dello stile delle opere e di altre caratteristiche che influenzano i prezzi, dimostra che le donne possono competere sul mercato quando viene data loro la possibilità.

Questa indagine ha considerato i prezzi pagati all’asta per opere d’arte create da artisti maschi e femmine in base al sesso identificato alla nascita; e come questi prezzi si sono evoluti nel tempo.

Il loro set di dati comprendeva quasi l’intera popolazione di transazioni d’asta d’arte globale dal 2000 al 2017, coprendo più di 1800 case d’asta.

Nella fascia alta del mercato dell’arte – per vendite superiori a 1 milione di dollari – le opere d’arte di artisti maschi vendono al 18,4% in più di quelle di artisti donne. I primi 40 artisti, composti esclusivamente da uomini, rappresentano il 40% della quota di mercato totale. Le opere d’arte di artisti donne rappresentano solo il 3-5% delle principali collezioni permanenti negli Stati Uniti e in Europa.

Diverse traiettorie di carriera

Mentre ci sono circa 110.938 artisti uomini con opere esposte e all’asta nelle principali gallerie, ci sono solo 5612 artiste donne presenti. La proporzione di artiste donne è più alta per l’arte contemporanea (9,3%) e meno per le opere d’arte del periodo dei “vecchi maestri” (2,9%).

La dottoressa Gertsberg ha detto che le traiettorie di carriera degli artisti donne e uomini, probabilmente divergono molto presto; e al fine di formulare una politica, è importante identificare quando le artiste donne incontrano barriere che le costringono ad abbandonare la professione.

Il fatto che osserviamo prezzi mediani più alti per le artiste donne indica che gli acquirenti percepiscono la qualità delle opere d’arte delle artiste donne come complessivamente migliore rispetto alle opere degli artisti uomini. Non ci aspetteremmo questa differenza di qualità se uomini e donne affrontassero le stesse difficoltà per entrare nel mercato“, ha detto il dottor Gertsberg.

Potrebbe sembrare controintuitivo, ma vorremmo vedere il prezzo medio delle opere d’arte prodotte dalle donne scendere al livello degli uomini. Questo implicherebbe che la qualità degli artisti maschi e femmine è simile e suggerirebbe che il campo di gioco è veramente uguale.

Invito alla lettura: Amelia Earhart: la prima aviatrice donna scomparsa nel nulla nel 1937.

error: Content is protected !!