Virginia Woolf vita

Dal prossimo 19 ottobre a Palazzo Altemps a Roma, la mostraVirginia Woolf e Bloomsbury Inventing life” dedicata alla vita della scrittrice ma anche a ciò che fu la sua voglia di libertà e di affermazione. Bloomsbury è il quartiere dove nel lontano 1904 Virginia ed altri orfani traslocano al 46 di Gordon Square. Ogni giovedì sera la casa diventava un luogo di ritrovo, di bellezza e di fantasia rivolta ad un futuro migliore. Un “mondo” nuovo dove le idee, la bellezza e tanto altro prendevano vita concentrandosi sul senso della parola. Ma chi era Virginia Woolf?

Nata nel 1882 in una famiglia inglese privilegiata, la scrittrice Virginia Woolf è stata cresciuta da genitori liberi. Iniziò a scrivere fin da ragazza e pubblicò il suo primo romanzo, The Voyage Out, nel 1915. Scrisse classici del modernismo, tra cui Mrs. Dalloway, To the Lighthouse e Orlando, oltre a opere femministe pionieristiche, A Room of One’s Own e Three Guineas. Nella vita privata soffrì di profondi attacchi di depressione. Si suicidò nel 1941, all’età di 59 anni.

Virginia Woolf, primi anni di vita

Nata il 25 gennaio 1882, Adeline Virginia Stephen crebbe in una famiglia straordinaria. Suo padre, Sir Leslie Stephen, era uno storico e scrittore, nonché una delle figure più importanti dell’epoca d’oro dell’alpinismo. La madre della Woolf, Julia Prinsep Stephen (nata Jackson), era nata in India e in seguito fece da modella per diversi pittori preraffaelliti. Fu anche infermiera e scrisse un libro su questa professione. Entrambi i suoi genitori erano stati sposati e vedovi prima di sposarsi. La Woolf aveva tre fratelli naturali – Thoby, Vanessa e Adrian – e quattro fratellastri – Laura Makepeace Stephen e George, Gerald e Stella Duckworth. Gli otto figli vivevano sotto lo stesso tetto al 22 di Hyde Park Gate, a Kensington.

Due dei fratelli della Woolf erano stati educati a Cambridge. Tuttavia, le ragazze venivano educate a casa e utilizzavano gli splendidi confini della lussureggiante biblioteca vittoriana della famiglia. Inoltre, i genitori della Woolf erano estremamente ben collegati, sia socialmente che artisticamente. Suo padre era amico di William Thackeray, padre della sua prima moglie morta inaspettatamente, e di George Henry Lewes, oltre che di molti altri noti pensatori. La zia della madre era la famosa fotografa del XIX secolo Julia Margaret Cameron.

Foto d’infanzia con la madre e il padre nella casa di famiglia a Kensington
5

Dalla nascita fino al 1895, la Woolf trascorse le sue estati a St. Ives, una cittadina balneare all’estremità sud-occidentale dell’Inghilterra. La casa estiva degli Stephens, Talland House, tuttora in piedi, si affaccia sulla scenografica baia di Porthminster e ha una vista sul faro di Godrevy, che ispirò i suoi scritti. Nelle sue memorie successive, la Woolf ricordò St. Ives con grande affetto. Infatti, incorporò le scene di quelle prime estati nel suo romanzo modernista, To the Lighthouse (1927) – Gita al faro.

Da ragazza, Virginia era curiosa, spensierata e giocosa. Fondò un giornale di famiglia, l’Hyde Park Gate News, per documentare gli aneddoti umoristici della sua famiglia. Tuttavia, i primi traumi oscurarono la sua infanzia, tra cui gli abusi sessuali subiti dai fratellastri George e Gerald Duckworth, di cui scrisse nei saggi A Sketch of the Past e 22 Hyde Park Gate. Nel 1895, all’età di 13 anni, dovette anche affrontare l’improvvisa morte della madre per febbre reumatica, che portò al suo primo crollo mentale, e la perdita della sorellastra Stella, che era diventata il capofamiglia, due anni dopo.

5

Mentre affrontava le sue perdite personali, Woolf continuò a studiare tedesco, greco e latino presso il Ladies’ Department del King’s College di Londra. I quattro anni di studio la introdussero in un gruppo di femministe radicali alla guida delle riforme educative. Nel 1904, il padre morì di cancro allo stomaco, contribuendo a un’altra battuta d’arresto emotiva che portò la Woolf a essere ricoverata in un istituto per un breve periodo. Tra espressione letteraria e desolazione personale, Virginia Woolf continuerà a oscillare per il resto della sua vita. Nel 1905 iniziò a scrivere professionalmente come collaboratrice del Times Literary Supplement. Un anno dopo, Thoby, il fratello ventiseienne della Woolf, muore di febbre tifoidea dopo un viaggio di famiglia in Grecia.

Dopo la morte del padre, la sorella Vanessa e il fratello Adrian vendettero la casa di famiglia a Hyde Park Gate e acquistarono una casa nella zona di Bloomsbury a Londra. In questo periodo Virginia conobbe diversi membri del Bloomsbury Group, una cerchia di intellettuali e artisti tra cui il critico d’arte Clive Bell, che sposò la sorella di Virginia, Vanessa, il romanziere E.M. Forster, il pittore Duncan Grant, il biografo Lytton Strachey, l’economista John Maynard Keynes e il saggista Leonard Woolf.

Virginia Woolf vita
1923 Lytton Strachey e Virginia Woolf 

Il gruppo divenne famoso nel 1910 per il Dreadnought Hoax, uno scherzo in cui i membri del gruppo si travestirono da una delegazione di reali etiopi, tra cui Virginia travestita da uomo barbuto, e riuscirono a convincere la Royal Navy inglese a mostrargli la loro nave da guerra, la HMS Dreadnought. Dopo questo atto trasgressivo, Leonard Woolf e Virginia si avvicinarono e alla fine si sposarono il 10 agosto 1912. I due condivisero un amore appassionato per il resto della loro vita.

Lavoro letterario

Alcuni anni prima di sposare Leonard, Virginia aveva iniziato a lavorare al suo primo romanzo. Il titolo originale era Melymbrosia. Dopo nove anni e innumerevoli stesure, il libro uscì nel 1915 con il titolo The Voyage Out. Woolf utilizzò il libro per sperimentare diversi strumenti letterari, tra cui prospettive narrative avvincenti e insolite, stati onirici e prosa per associazioni libere. Due anni dopo, i Woolf acquistarono una macchina da stampa usata e fondarono la Hogarth Press, la loro casa editrice gestita dalla loro abitazione, Hogarth House. Virginia e Leonard pubblicarono alcuni dei loro scritti, oltre alle opere di Sigmund Freud, Katharine Mansfield e T.S. Eliot.

Virginia Woolf vita
Virginia e Leonard Woolf la vita in uno scatto del 1939 di Gisèle Freund

Un anno dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, nel 1919 i Woolf acquistarono Monk’s House, un cottage nel villaggio di Rodmell, e nello stesso anno Virginia pubblicò Night and Day, un romanzo ambientato nell’Inghilterra edoardiana. Il suo terzo romanzo La stanza di Jacob fu pubblicato da Hogarth nel 1922. Basato sulla figura del fratello Thoby, fu considerato un significativo allontanamento dai suoi precedenti romanzi con i suoi elementi modernisti. In quell’anno conosce la scrittrice, poetessa e giardiniera Vita Sackville-West, moglie del diplomatico inglese Harold Nicolson. Virginia e Vita iniziarono un’amicizia che si trasformò in una relazione romantica. Anche se la loro storia finì, restarono amiche fino alla morte di Virginia Woolf.

5

Nel 1925, la Woolf ricevette critiche entusiastiche per La signora Dalloway, il suo quarto romanzo. La storia ipnotica intrecciava monologhi interiori e sollevava questioni di femminismo, malattia mentale e omosessualità nell’Inghilterra del primo dopoguerra. Mrs. Dalloway è stato adattato in un film del 1997, interpretato da Vanessa Redgrave, e ha ispirato The Hours, un romanzo del 1998 di Michael Cunningham e un adattamento cinematografico del 2002. Il suo romanzo del 1928, To the Lighthouse, è stato un altro successo di critica e considerato rivoluzionario per la sua narrazione del flusso di coscienza. Il classico modernista esamina le relazioni umane attraverso le vite della famiglia Ramsay in vacanza sull’isola di Skye, in Scozia.

Woolf trovò una musa letteraria in Sackville-West, che la ispirò per il romanzo Orlando del 1928, che segue un nobile inglese che diventa misteriosamente donna all’età di 30 anni e vive in Inghilterra per oltre tre secoli. Il romanzo fu una svolta per la Woolf, che ricevette gli elogi della critica per l’opera innovativa e un nuovo livello di popolarità.

Virginia Woolf vita
Virginia Woolf vita
***

Nel 1929, Woolf pubblicò Una stanza tutta per sé, un saggio femminista basato sulle lezioni tenute nei college femminili, in cui esamina il ruolo delle donne nella letteratura. Nell’opera espone l’idea che “una donna deve avere soldi e una stanza tutta per sé se vuole scrivere narrativa”. La Woolf si spinse oltre i confini della narrativa nella sua opera successiva, Le onde (1931), che descrisse come “un poema-gioco” scritto con le voci di sei diversi personaggi. Nel 1937 Woolf pubblicò The Years, l’ultimo romanzo pubblicato durante la sua vita, sulla storia di una famiglia nel corso di una generazione. L’anno successivo pubblicò Three Guineas, un saggio che riprendeva i temi femministi di A Room of One’s Own e affrontava il fascismo e la guerra.

Nel corso della sua carriera, la Woolf parlò regolarmente nei college e nelle università, scrisse lettere drammatiche, saggi commoventi e auto-pubblicò una lunga serie di racconti. Verso i quarant’anni si era affermata come intellettuale, scrittrice innovativa e influente e femminista pionieristica. La sua capacità di bilanciare scene oniriche e trame profondamente tese le valse un incredibile rispetto da parte di colleghi e pubblico. Nonostante il successo esteriore, continuò a soffrire regolarmente di depressione debilitante e di drammatici sbalzi d’umore.

Suicidio e addio

Il marito della Woolf, Leonard, sempre al suo fianco, era ben consapevole di tutti i segnali che indicavano la discesa della moglie nella depressione. Mentre lavorava a quello che sarebbe stato il suo ultimo manoscritto, Between the Acts (pubblicato postumo nel 1941), si accorse che la donna stava sprofondando in una disperazione sempre più profonda. In quel periodo divampava la Seconda Guerra Mondiale e la coppia decise che se l’Inghilterra fosse stata invasa dalla Germania, si sarebbero suicidati insieme, nel timore che Leonard, che era ebreo, fosse particolarmente in pericolo. Nel 1940, la casa londinese della coppia fu distrutta durante il Blitz, il bombardamento della città da parte dei tedeschi.

Incapace di far fronte alla sua disperazione, il 28 marzo 1941 Woolf indossò il suo cappotto, riempì le tasche di pietre e si gettò nel fiume Ouse. Mentre si immergeva nell’acqua, il torrente la portò via con sé. Le autorità trovarono il suo corpo tre settimane dopo. Leonard Woolf la fece cremare e i suoi resti furono dispersi nella loro casa, Monk’s House.

Sebbene la sua popolarità sia diminuita dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’opera di Woolf è tornata a risuonare con una nuova generazione di lettori durante il movimento femminista degli anni Settanta. La Woolf rimane una delle autrici più influenti del XXI secolo.

7 luoghi spettrali Previous post 7 luoghi spettrali: fenomeni paranormali
Casina di Raffaello: attiva fino al 9 settembre Next post Casina di Raffaello: attiva fino a settembre