Vitamina C: l’importanza per le cellule immunitarie

La vitamina C è un ingrediente chiave per la funzione delle cellule immunitarie. La speranza è che la ricerca in futuro possa pianificare le basi per il trattamento delle malattie autoimmuni e del trapianto di organi

163
Vitamina C

La vitamina C è un ingrediente chiave per la funzione delle cellule immunitarie, come dimostra il seguente studio.

Le cellule T regolatorie (Tregs) aiutano a controllare l’infiammazione e l’autoimmunità nel corpo. Queste cellule sono così importanti che gli scienziati stanno lavorando per generare Tregs indotti stabili (iTregs) in vitro per l’uso di trattamenti per le malattie autoimmuni e il rigetto degli organi trapiantati.

Sponsor

Purtroppo, si è dimostrato difficile trovare gli ingredienti molecolari giusti per indurre iTregs stabile. Ora, un team di ricercatori statunitensi, ha scoperto che la vitamina C e le proteine della famiglia TET possono lavorare insieme per dare ai Tregs il loro potere salvavita.

Il dottor Xiaojing Yue, un ricercatore della Divisione di segnalazione ed espressione genica presso l’Istituto La Jolla per l’immunologia, alla rivista EMBO Reports dichiara:

La vitamina C può essere usata per stabilizzare le iTregs generate in vitro. Speriamo che questi tipi di Tregs indotti possano essere usati in futuro per il trattamento delle malattie autoimmuni e del trapianto di organi“.

Lo studio attuale si basa sulla precedente scoperta che la vitamina C può migliorare l’attività enzimatica delle proteine TET; e di conseguenza, spingere la generazione di iTregs stabili in condizioni di laboratorio.

La scoperta è incoraggiante. Ciononostante il dottor Yue e colleghi non vogliono lavorare verso nuove terapie autoimmuni senza prima analizzare i modelli di espressione genica; e quindi su altre caratteristiche epigenetiche chiave delle Tregs indotte.

Abbiamo voluto studiare l’intero sistema a livello dell’intero genoma utilizzando la tecnologia di sequenziamento di prossima generazione per capire meglio le caratteristiche molecolari di queste cellule“; ha spiegato il dottor Yue.

Un tipo importante di modifica epigenetica coinvolge il DNA stesso attraverso l’aggiunta o la rimozione di molecole chiamate gruppi metilici dalle citosine, una delle quattro basi del DNA.

Vitamina C: un ingrediente chiave per la funzione delle cellule immunitarie

I gruppi metilici possono essere ulteriormente ossidati dagli enzimi TET. Tutte queste interazioni possono alla fine cambiare il modo in cui le cellule leggono il codice del DNA.

Un altro tipo di cambiamento epigenetico coinvolge l’alterazione dell’accessibilità del DNA: se il DNA è vagamente o strettamente arrotolato.

Quando le bobine di DNA si srotolano, le regioni di regolazione diventano esposte e influenzano quindi l’espressione genica.

Nella loro analisi, i ricercatori hanno trovato che le proteine TET sono assolutamente necessarie per mantenere l’espressione genica e le caratteristiche epigenetiche che rendono Tregs esattamente come sono.

Noci: riducono il rischio di malattie cardiovascolari

E l’aggiunta di vitamina C ha portato a iTregs con un’espressione genica e caratteristiche epigenetiche simili a quelle delle normali Tregs “wild type” presenti nel corpo.

Gli scienziati hanno anche trovato una connessione intrigante tra l’attività enzimatica TET, la vitamina C e la segnalazione IL-2/STAT5 (interleuchina-2 e STAT5).

Nei modelli murini che sono carenti di componenti della segnalazione IL-2/STAT5, come IL-2, recettori IL-2 o STAT5, le Tregs non possono svilupparsi correttamente o possono avere una funzione alterata“; ha detto il dottor Yue.

Stabilizzare l’attività TET

Gli autori hanno dimostrato che da un lato, la carenza di TET nelle cellule Treg porta a una segnalazione IL-2/STAT5 alterata.

D’altra parte, la vitamina C conferisce alle iTreg una migliore segnalazione IL-2/STAT5; aumentando poi il livello di espressione del recettore IL-2 e la forma funzionale di STAT5, e il legame di STAT5 a regioni essenziali nel genoma. Rendendo a queste cellule di sopravvivere meglio in ambienti difficili con bassa integrazione di IL-2.

“Stiamo cercando altre piccole molecole per stabilizzare l’attività di TET e generare Tregs indotti che sono ancora più stabili”, afferma il dottor Yue. “Questi Tregs indotti potrebbero alla fine essere usati per trattare i pazienti”.

Tale ricerca ci dà un nuovo modo di pensare al trattamento delle malattie autoimmuni”; ha aggiunto in ultima analisi la co-autrice Daniela Samaniego-Castruita, una studentessa laureata presso l’Istituto La Jolla per l’immunologia e l’Università della California, San Diego.


Leggi anche: 7 magnifici cibi per tornare in forma