Xenobot: “robot viventi” da cellule staminali di rana

28
xenobot

È una nuova classe di ‘artefatti’ : un organismo vivente, programmabile“. Un team di ricercatori, ha costruito quelli che dichiarano essere, i primi robot viventi. Gli “xenobot“, possono muoversi, raccogliere oggetti e persino guarire se stessi a seguito di ferite da taglio.

Il team spera che le macchine biologiche possano un giorno essere utilizzate per ripulire le microplastiche nell’oceano; o persino per introdurre farmaci all’interno del corpo umano.

Questo è quanto riferisce The Guardian.

Per costruire i robot, il team ha usato cellule viventi da embrioni di rana e le ha assemblate in ‘esseri primitivi’ .

Sponsor

Queste sono nuove macchine viventi“, ha affermato Joshua Bongard, esperta di robotica dell’Università del Vermont, in una nota . “Non sono né un robot tradizionale, né una specie conosciuta di animali. È una nuova classe di ‘artefatti’ : un organismo vivente, programmabile”.

Xenobot: un futuro per la cura dell’uomo

I robot, di lunghezza millimetrica, sono stati progettati da un supercomputer che esegue un “algoritmo evolutivo” che ha testato migliaia di progetti 3D per forme di vita rudimentali all’interno di una simulazione.

Gli scienziati hanno quindi creato una manciata di progetti, che sono stati in grado di avanzare o svolgere un compito di base all’interno della simulazione, utilizzando pinzette e strumenti di cauterizzazione.

I piccoli robot, avevano da una settimana a dieci giorni di “potenza“, per ‘gentile concessione’ di cellule muscolari cardiache viventi; che erano in grado di espandersi e contrarsi da sole.

Ed erano piccole creature laboriose. Nei test, delineati in un articolo pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences, alcuni sono stati in grado di spingere minuscole palline in una posizione centrale su piatti d’acqua; mentre altri portavano un oggetto in giro.

I robot biologici hanno un vantaggio rispetto ai loro fratelli di metallo (o plastica) molto più grandi: non lasciano tracce.

Questi xenobot sono completamente biodegradabili“. Ha affermato Bongard nella dichiarazione. “Quando hanno terminato il loro lavoro dopo sette giorni, sono solo cellule morte”.

Questi sono molto piccoli, ma alla fine il piano è di renderli in scala“;  ha detto a The Guardian il co-autore Michael Levin, direttore dell’Allen Discovery Center presso la Tufts University.

Potrebbero essere costruite con altre cellule, compresi i vasi sanguigni o le cellule nervose, per acquisire capacità cognitive, ma ciò non accadrà presto.