30 milioni di anni fa estinzione senza precedenti

Un'estinzione di massa precedentemente sconosciuta rivela un nuovo record fossile senza precedenti

236
30 milioni di anni fa estinzione senza precedenti

Paleontologia. Circa il 63% delle specie di mammiferi provenienti dall’Africa e dall’Arabia si estinsero circa 30 milioni di anni fa (epoca Oligocene), dopo che il clima della Terra passò da paludoso a gelido. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Communications Biology.

In un nuovo studio, il Dr. Dorien de Vries dell’Università di Salford e colleghi hanno esaminato i fossili di cinque gruppi di mammiferi:

Sponsor
  • Un gruppo di carnivori estinti chiamati ienodonti;
  • due gruppi di roditori: gli Anomaluridi, (scoiattoli dalla coda a squame) e gli Istricognati (un gruppo che include istrici e ratti talpa nudi);
  • e poi due gruppi di primati: gli strepsirrini (lemuri e lori) e gli antropoidi (scimmie e scimmie).

Raccogliendo dati su centinaia di fossili provenienti da diversi siti in Africa, sono stati in grado di costruire alberi evolutivi per questi gruppi, individuando quando i nuovi lignaggi si sono ramificati e cronometrando la prima e l’ultima apparizione conosciuta di ogni specie.

***

I loro risultati mostrano che tutti e cinque i gruppi di mammiferi hanno subito enormi perdite intorno al confine Eocene-Oligocene.

È stato un vero e proprio pulsante di reset. Dopo alcuni milioni di anni, questi gruppi cominciano a spuntare di nuovo nel record fossile, ma con un nuovo aspetto”, ha dichiarato il dottor de Vries.

“Le specie fossili che ricompaiono più tardi nell’Oligocene, dopo il grande evento di estinzione, non sono le stesse che erano state trovate prima”.

È molto chiaro che c’è stato un enorme evento di estinzione, e poi un periodo di recupero”; ha aggiunto il dottor Steven Heritage, un ricercatore della Stony Brook University e del Duke Lemur Center Museum of Natural History.

La prova è nei denti di questi animali. I denti molari possono dire molto su ciò che un mammifero mangia, che a sua volta dice molto sul loro ambiente.

30 milioni di anni fa un’estinzione di massa sconosciuta si verificò in Africa e Arabia

I roditori e i primati ricomparsi dopo alcuni milioni di anni avevano denti diversi. Queste erano nuove specie, che mangiavano cose diverse e avevano anche habitat diversi.

Vediamo un’enorme perdita nella diversità dei denti, e poi un periodo di recupero con nuove forme dentali e nuovi adattamenti”. Spiega il dottor de Vries.

“L’estinzione è interessante in questo senso. Elimina le cose, ma apre anche nuove opportunità ecologiche per i lignaggi che sopravvivono in questo nuovo mondo”; commenta il dottor Matt Borths, curatore del Duke Lemur Center Museum of Natural History.

***

Questo declino della diversità seguito da un recupero conferma che il confine Eocene-Oligocene ha agito come un collo di bottiglia evolutivo: la maggior parte dei lignaggi si è estinta, ma alcuni sono sopravvissuti. Nel corso dei successivi milioni di anni, queste linee sopravvissute si diversificarono.

Nei nostri antenati antropoidi, la diversità si riduce a quasi nulla circa 30 milioni di anni fa, lasciandoli con un unico tipo di dente“. Dichiara il professor Erik Seiffert, un ricercatore della Keck School of Medicine della University of Southern California. il Duke Lemur Center Museum of Natural History; e il Dipartimento di Mammalogia del Natural History Museum of Los Angeles County.

Quella forma ancestrale dei denti determinava ciò che era possibile in termini di successiva diversificazione della dieta. C’è una storia interessante sul ruolo di quel collo di bottiglia nella nostra storia evolutiva iniziale. Siamo andati molto vicini a non esistere affatto, qualora i nostri antenati simili a scimmie si fossero estinti 30 milioni di anni fa. Per fortuna non è successo”.