I dinosauri conquistarono il Triassico

Le eruzioni vulcaniche del Triassico hanno aiutato i dinosauri a conquistare la Terra. Gli eventi geologici coincidono con l'Episodio Pluviale Carnico

161
I dinosauri

Paleontologia. Lo stadio Carniano (durato da 237 a 227 milioni di anni fa) del periodo Triassico segna uno degli intervalli più significativi degli ultimi 250 milioni di anni. Nello spazio di due milioni di anni, il biota del mondo subì grandi cambiamenti con i dinosauri che divennero il gruppo dominante sul pianeta.

Questi eventi coincidono con un notevole intervallo di intense precipitazioni noto come Episodio Pluviale Carnico (EPC) la grande estinzione di massa che sconvolse la vita sul Pianeta. Una nuova ricerca condotta dall’Università di Birmingham mostra che l’EPC può essere effettivamente risolto in quattro eventi distinti; ognuno guidato da un discreto impulso di intenso vulcanismo associato a enormi rilasci di anidride carbonica nell’atmosfera.

Sponsor

L’intervallo EPC (da 234 a 232 milioni di anni fa) ha visto un drammatico aumento dell’umidità globale e della temperatura che è stato collegato al vulcanismo su larga scala della grande provincia ignea di Wrangellia, i cui resti sono conservati nel Nord America occidentale“. Sostengono il professor Jason Hilton e colleghi dell’Università di Birmingham.

“I cambiamenti climatici coincidono con un importante turnover biologico sulla terraferma che includeva l’ascesa dei dinosauri e l’origine delle moderne conifere”.

“Tuttavia, collegare le cause e gli effetti disparati dell’EPC deve ancora essere raggiunto; a causa della mancanza di una registrazione terrestre dettagliata di questi eventi”.

Nella nuova ricerca, gli scienziati hanno analizzato i record di sedimenti e piante fossili da un lago nel bacino Jiyuan della Cina settentrionale; abbinando impulsi di attività vulcanica con significativi cambiamenti ambientali, tra cui il clima “mega monsonico” del EPC.

I dinosauri il gruppo dominante nel Triassico

Hanno usato la datazione degli zirconi di uranio-piombo, la chemostratigrafia ad alta risoluzione, i dati palinologici* e sedimentologici per correlare le condizioni terrestri nella regione con l’attività vulcanica sincrona su larga scala in Nord America.

I loro risultati rivelano quattro episodi distinti di attività vulcanica durante questo intervallo; con la fonte più probabile di grandi eruzioni vulcaniche dalla provincia ignea di Wrangellia.

Ogni episodio ha coinciso, inoltre, con una grande perturbazione del ciclo globale del carbonio. Importanti cambiamenti climatici verso condizioni più umide; così come l’approfondimento del lago con una corrispondente diminuzione dell’ossigeno e della vita animale.

Ceratopside chasmosaurine trovato nel New Mexico

Gli eventi geologici di un periodo simile in Europa centrale, Groenlandia orientale. E poi Marocco, Nord America e Argentina, tra le altre località, indicano che l’aumento delle precipitazioni ha portato ad una diffusa espansione dei bacini di drenaggio che convergono in laghi o paludi, piuttosto che fiumi o oceani.

I nostri risultati dimostrano che le grandi eruzioni vulcaniche possono verificarsi in impulsi multipli e discreti, dimostrando la loro potente capacità di alterare il ciclo globale del carbonio, causare sconvolgimenti climatici e idrologici e guidare i processi evolutivi“. Ha concluso la dottoressa Sarah Greene, anche lei dell’Università di Birmingham.

I risultati sono stati pubblicati nei Proceedings of the National Academy of Sciences.


* Palinolici: da Palinologia, la scienza che studia il polline e altri elementi biologici microscopici, attuali e fossili.