Amelia Earhart: scomparsa nel nulla

Storia e scienza a confronto: il caso di Amelia Earhart, la prima aviatrice ad attraversare il Pacifico, scomparsa misteriosamente nel 1937

Amelia Earhart: scomparsa nel nulla

Foto di Amelia Earhart

1991, isola pacifica di Nikumaroro. Un ammiratore di Amelia Earhart, aviatrice misteriosamente scomparsa nel 1937, trova un pannello in alluminio in mezzo ad alcuni detriti. Richard Gillespie ipotizza che quest’oggetto di metallo, sia parte dell’aereo della pilota e che, tramite lo stesso si possa arrivare a risolvere il mistero che avvolge la storia della sua scomparsa. Il pannello potrebbe finalmente rivelare se si tratta di un pezzo del suo aereo? Ma soprattutto, porterebbe a risolvere l’enigma che si cela dietro la sparizione dell’aviatrice?

I ricercatori della Penn State stanno sottoponendo un vecchio e consumato pezzo di alluminio a un flusso di particelle tramite reattore nucleare, nella speranza di risolvere il caso sulla strana scomparsa di Amelia Earhart.

Celebrata come la prima donna pilota a volare da sola attraverso l’Oceano Atlantico, la Earhart è anche al centro di uno dei più noti misteri storici, che ha attirato gli appassionati di tutto il mondo, da quel fatidico giorno; ovvero quando il suo Lockheed Electra 10E scomparve da tutti i radar.

Il 2 luglio di quell’anno, la Earhart, insieme al suo navigatore Fred Noonan, decollò dalla Papua Nuova Guinea nel tentativo di circumnavigare il mondo. Purtroppo la coppia non atterrò mai a destinazione – cioè l’isola Howland, nell’Oceano Pacifico centrale.

Durante il volo, la Earhart si mise in contatto con la nave Itasca della Guardia Costiera. All’apparenza la pilota, apparve in difficoltà sia con la radio e gli strumenti, sia sulla sua precisa posizione. Da quel momento, solo il silenzio. La Earhart, Noonan e il suo Electra non furono mai trovati.

Amelia Earhart: le indagini del Penn State

Oltre cinquant’anni dopo, Richard Gillespie, trovò un pannello di alluminio tra i detriti della tempesta sull’isola pacifica di Nikumaroro; a circa 300 miglia (480 chilometri) da Howland. Gillespie sostiene che la lastra possa provenire dall’aereo della Earhart; e oggi, un team della Penn State sta usando un fascio di neutroni, nella speranza di scoprire indizi nascosti che potrebbero sostenere questa ipotesi. (Gillespie è il direttore esecutivo di The International Group for Historic Aircraft Recovery, o TIGHAR, che nel 1988 ha lanciato un progetto per risolvere la scomparsa della Earhart).

Inizialmente, ero un po’ scettico“; ha detto in una dichiarazione Kenan Ünlü, professore d’ingegneria nucleare alla Penn State. “Abbiamo avuto una lunga telefonata con [Gillespie], ed era chiaro che fosse interessato a qualsiasi tipo di dato che potevamo essere in grado di fornire; tuttavia, anche se dimostriamo che il patch non potrebbe mai appartenere all’aereo di Amelia Earhart, siamo d’accordo nel verificare ciò che possiamo esaminare”.

I ricercatori sperano che una tecnica chiamata radiografia a neutroni possa rivelare indizi altrimenti invisibili sull’origine dell’alluminio. Il team ha già determinato che è stato tagliato con un’ascia lungo i suoi bordi, ad eccezione di un lato che è stato “ripetutamente piegato” per staccarlo dalla sua base.

L’esperimento sul pannello ritrovato

Sparare fasci di neutroni dal reattore nucleare Breazeale del campus, dovrebbe rivelare tutte le caratteristiche del pannello che sono fatte di qualcosa di diverso dall’alluminio in modo uniforme”; hanno detto gli studiosi. “Se il metallo fosse solo alluminio, i neutroni passerebbero senza problemi. Ma qualsiasi molecola contenente carbonio o idrogeno sulla superficie – forse pezzi di corallo che avevano riempito un numero di serie inciso nel metallo, per esempio – avrebbe disperso i neutroni. E lo schema dei neutroni sparsi formerebbe un’immagine del corallo (o di altro materiale) nello stesso modo in cui un’immagine a raggi X rivela le ossa all’interno del tuo braccio”.

Welsey Frey è il direttore del McClellan Nuclear Research Center (MNRC) presso l’Università della California, Davis, un altro sito che utilizza un reattore nucleare per gli stessi tipi di imaging neutronico avanzato. Lui e il suo team non sono coinvolti nel progetto della Penn State. Ma lo stesso, afferma come sia probabile che l’analisi della Penn State riveli caratteristiche interessanti del foglio di alluminio che potrebbero aiutare a legarlo all’aereo della Earhart o a smentire la connessione. Ma è improbabile che trovino la prova definitiva che l’alluminio proviene da quella particolare cellula.

Otterranno informazioni su quale epoca è stato prodotto quel metallo? Sì, molto probabilmente sì. Saranno in grado di collegarlo all’aereo di Amelia Earhart? Probabilmente no”.

I Neutroni possono provare che si tratti di un pezzo dell’aereo della Earhart?

La radiografia a neutroni è simile all’imaging a raggi X”; sostiene. “I raggi X passano attraverso i tessuti molli del corpo ma rimbalzano sui tessuti più duri o sulle ossa, che sono in media fatti di atomi più pesanti che tendono a bloccare la luce dei raggi X. I neutroni allo stesso modo passano facilmente attraverso alcuni materiali, come l’alluminio, ma tendono a rimbalzare sui materiali contenenti idrogeno e carbonio”.

Se i ricercatori fossero abbastanza fortunati da mettere le mani su un foglio di alluminio dell’aereo della Earhart con un numero di serie nascosto sotto la materia organica come il corallo – e se quel numero di serie fosse su una lista confermata per appartenere al suo aereo – allora la radiografia a neutroni potrebbe provare definitivamente l’origine e la provenienza dell’alluminio. Avrebbe anche il vantaggio di non danneggiare l’oggetto, a differenza di altri mezzi per trovare tale numero di serie. Ma questo richiederebbe molta fortuna.” Aggiunge Frey.

“I ricercatori della Penn State hanno anche intenzione di utilizzare una tecnica correlata, nota come analisi di attivazione neutronica, per identificare con precisione la composizione chimica del materiale”. Sostiene Ünlü.

Quest’approccio può determinare gli ingredienti di un materiale alla sensibilità del livello parti per milione o parti per miliardo“, ha detto Frey, che è molto più promettente.

Penn State: la strada è ancora lunga

Leghe diverse sono state utilizzate per scopi diversi in diversi momenti della storia. Se nell’alluminio è utilizzata una lega che non è stata sviluppata fino alla seconda guerra mondiale – per esempio – allora non può essere della Earhart. Ma se corrisponde alle leghe utilizzate per costruire aerei dell’epoca della pilota, questo rafforzerebbe il caso che lo collega al suo aereo.

I risultati dell’analisi della Penn State non saranno pubblici fino alla fine di quest’anno. I ricercatori hanno detto che hanno bisogno di perfezionare il loro approccio per l’imaging di quest’oggetto prima di essere certi.

Leggi anche: Roopkund: le 800 ossa del lago glaciale

error: Content is protected !!