Cani e Gatti: chi è il più intelligente?

Gli amanti di cani e gatti spesso reputano il loro cucciolo come più intelligente rispetto all’altro, tuttavia, è davvero possibile stabilire chi dei due esemplari lo sia di più?

202
Cani e Gatti: chi è il più intelligente?

Zoologia. Cani e Gatti: come risolvere il dilemma che da sempre tiene avvinti noi proprietari? Diciamoci la verità: gli amanti degli amici a 4 zampe si sono sempre chiesti se il proprio animale da compagnia, che sia un cane o un gatto, possa essere più intelligente rispetto agli altri simili. Soprattutto più volte è stata vagliata l’ipotesi, vedendoli giocare a palla o osservandoli nelle loro scorribande, se l’animale in questione fosse il più intelligente.

In effetti, ognuno di noi, che sia amante di canidi o felini crede che il proprio cucciolo sia il migliore. Tuttavia, favoritismi a parte è davvero possibile stabilire chi, tra le 2 razze sia più intelligente? E dunque: è possibile risolvere questo dibattito?

Sponsor

La scienza, a quanto pare, rileva che dopotutto la risposta non è così diretta come gli amanti degli animali domestici potrebbero ipotizzare.

Una spiegazione arriva da Alexandra Horowitz, ricercatrice senior specializzata in cognizione canina al Barnard College di New York e autrice di Inside of a Dog: What Dogs See, Smell, and Know” (Scribner, 2010). In un comunicato a L. Science scrive:

<<I ricercatori che si occupano di cognizione canina non studiano “l’intelligenza” di per sé, ma guardano diversi aspetti della cognizione>>.

In effetti, Horowitz mette in discussione l’abitudine umana di confrontare l’intelligenza tra le specie.

<<Nel modo più semplice, i gatti sono intelligenti nelle cose che i gatti devono fare, e i cani nelle cose da cani”, Afferma. “Non credo che abbia alcun senso parlare di ‘intelligenza’ relativa delle specie>>.

Cani e Gatti: Entrambi sono addomesticabili, ma uno è più intelligente?

Brian Hare, professore di antropologia evolutiva alla Duke University, è d’accordo con la valutazione di Horowitz.

Chiedere se un cane è più intelligente di un gatto è come chiedere se un martello è uno strumento migliore di un cacciavite – dipende da ciò per cui è stato progettato”, ha commentato in una e-mail successivamente.

Questo non vuol dire che i ricercatori del comportamento animale non abbiano cercato di misurare l’intelligenza di cani e gatti – o, più precisamente, le capacità cognitive oltre quelle necessarie per sostenere la vita”.

Kristyn Vitale, assistente professoressa di salute e comportamento animale all’Unity College nel Maine, ha detto che l’intelligenza animale è tipicamente divisa in tre grandi aree: capacità di risolvere i problemi, formazione dei concetti (la capacità di formare concetti generali da specifiche esperienze concrete) e intelligenza sociale.

Gatti: identificati 7 tratti della personalità felina

Vitale studia principalmente i gatti; la sua attuale attenzione sulla vita interiore dei felini, ruota intorno all’intelligenza sociale. Spesso stereotipati come distaccati e disinteressati agli umani, i gatti in realtà mostrano un alto grado di intelligenza sociale, “spesso allo stesso livello dei cani“; ha commentato in merito alle considerazioni dei colleghi in un’altra e-mail.

Per esempio, gli studi dimostrano che i gatti possono distinguere tra i loro nomi e parole dal suono simile; e si è scoperto che preferiscono le interazioni umane al cibo, ai giocattoli e ai profumi; è l’attenzione umana che fa la differenza per i gatti.

Uno studio del 2019 pubblicato sulla rivista Behavioural Processes ha scoperto che quando una persona prestava attenzione a un gatto, il gatto rispondeva passando più tempo con quella persona

In uno dei rari studi che confrontano direttamente gatti e cani, i ricercatori non hanno trovato alcuna differenza significativa tra la capacità delle specie di trovare ad esempio cibo nascosto. Tuttavia, i ricercatori hanno notato che “i gatti mancavano di alcune componenti del comportamento per attirare l’attenzione rispetto ai cani“.

Poi, c’è la dimensione del cervello. Una nozione comunemente diffusa è che la dimensione del cervello detta l’intelligenza relativa, e se questo fosse sempre vero, i cani sembrerebbero prevalere.

Hare ha detto che lui e l’antropologo dell’Università dell’Arizona Evan MacLean hanno reclutato più di 50 ricercatori in tutto il mondo per applicare un test che hanno sviluppato su 550 specie animali, tra cui “uccelli, scimmie, cani, lemuri ed elefanti”.

L’idea era di testare un tratto cognitivo, l’autocontrollo, o quello che i ricercatori chiamano “controllo inibitorio“, attraverso le specie. Il loro test, riportato in un documento del 2014 pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, era la versione animale del famoso studio della Stanford University del 1972, in cui i bambini dai 3 ai 5 anni sono stati testati sulla loro capacità di inibire il consumo di marshmallow.

Lo studio interspecie ha dimostrato che “più grande è il cervello di un animale, più autocontrollo hanno mostrato nel test del marshmallow animale”, ha scritto Hare. “La capacità di esercitare l’autocontrollo è una delle indicazioni di una funzione cognitiva superiore”.

Valutazione e socializzazione

Ma c’è una fregatura: I gatti non sono stati inclusi nel test; quindi, possiamo solo ipotizzare come potrebbero essersi esibiti in base alle loro dimensioni del cervello, ma in realtà non lo sappiamo.

“Un’altra cosa da tenere a mente quando si fa questo tipo di valutazione dell’intelligenza è che potremmo trattare cani e gatti in modo diverso”; ha aggiunto Vitale, che prosegue:

Per esempio, i cani sono spesso ben socializzati e frequentano corsi per cuccioli; vanno a fare giri in macchina e vanno al parco per cani. I proprietari di gatti, danno ai loro felini, meno di questi tipi di socializzazione e opportunità di formazione”.

Quindi, alla fine, chi vince? Il risultato, semplicemente, può essere quello di apprezzare il particolare tipo di intelligenza dell’animale animale domestico, specialmente l’intelligenza sociale che li rende compagni deliziosi.