Disturbi del sonno e ipertensione

Disturbi del sonno e ipertensione

I disturbi del sonno possono aumentare il rischio di ipertensione del 29%. I ricercatori hanno esaminato più di due milioni di dati relativi al sonno e alla pressione sanguigna.

Secondo uno studio che ha esaminato più di due milioni di dormienti e i dati relativi alla pressione sanguigna, la durata e l’irregolarità del sonno sono collegate a un rischio più elevato di ipertensione. Secondo i risultati, un rischio di ipertensione più elevato, compreso tra il 9% e il 15%, era legato a un’elevata discontinuità della durata del sonno. Inoltre, un aumento di 38 minuti nell’irregolarità del punto medio del sonno era collegato a un aumento del rischio dell’11%, mentre un aumento di 31 minuti nell’irregolarità dell’orario di inizio del sonno era associato a un aumento del rischio del 29%.

“Questo nuovo approccio al monitoraggio notturno non invasivo della durata e dell’orario del sonno nelle case delle persone per un periodo medio di sei mesi ciascuno, combinato con il monitoraggio regolare della pressione sanguigna, ci ha dimostrato quanto sia importante avere una routine di sonno regolare e dormire a sufficienza per la salute, in questo caso per la salute del cuore”, ha dichiarato l’autrice principale Hannah Scott, che ha conseguito un dottorato in salute del sonno ed è ricercatrice associata sulla salute del sonno presso l’Adelaide Institute for Sleep Health (AISH), Flinders University.“Questi dati inediti gettano nuova luce sui benefici ristorativi del sonno e sollevano potenziali preoccupazioni per la percentuale sostanziale di lavoratori su turni nella nostra moderna società di 24 ore”.

Disturbi del sonno e ipertensione: l’indagine

12.300 volontari di età compresa tra i 18 e i 90 anni hanno fornito dati durante un periodo di nove mesi. Dati poi analizzati dai ricercatori. Per rilevare i dati sono stati utilizzati un misuratore di pressione portatile e un dispositivo per il sonno sotto il materasso. La deviazione standard del tempo totale di sonno è stata utilizzata per determinare la regolarità della durata del sonno. Allo stesso modo, la deviazione standard dell’ora di inizio del sonno. e del punto medio del sonno è stata utilizzata per determinare la regolarità dei tempi del sonno. Sono state condotte regressioni logistiche controllando per età, sesso, indice di massa corporea e tempo medio di sonno totale per indagare le potenziali associazioni tra regolarità del sonno e ipertensione, che è stata riscontrata in 2.499 partecipanti.

“Questi nuovi approfondimenti sul potenziale impatto negativo di tempi e durata del sonno irregolari sulla salute del cuore evidenziano ulteriormente l’importanza del ruolo della sincronizzazione dell’orologio corporeo e della priorità di una sufficiente opportunità di sonno per una salute e un benessere ottimali“, ha dichiarato l’autore senior Danny Eckert, che ha conseguito un dottorato in fisiologia del sonno e respiratoria ed è professore e direttore dell’AISH.

I ricercatori hanno notato che gli studi precedenti sul sonno e la salute del cuore sono stati limitati nelle dimensioni del campione. E, inoltre, ristretti a un breve periodo di tempo. Lo studio attuale ha analizzato le associazioni tra la regolarità del sonno e l’ipertensione in un campione ampio e globale per più mesi.


Letture consigliate.

Il mostro dalla lettera S Previous post Il mostro dalla lettera S
Jacopo Carucci detto il Pontormo Next post Jacopo Carucci detto il Pontormo