Antica Bottega Romana scoperta in Egitto
0 4 minuti 1 mese

Alcuni archeologi in Egitto hanno scoperto un’antica bottega romana, un laboratorio di ceramica – con resti di vasi arrotondati, monete, statuette e persino una “stanza rituale” – risalente all’inizio del periodo romano a Tabba Matruh, ad ovest di Alessandria.

Secondo il Centro di Ricerca di Arte Classica dell’Università di Oxford, gli antichi lavoratori utilizzavano il sito principalmente per la produzione di anfore – vasi a due mani con un collo più stretto del corpo principale che venivano utilizzati per lo stoccaggio e il trasporto di merci come olio e grano.

I ricercatori del Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano hanno rinvenuto una serie di edifici nel sito, tra cui un’officina contenente un gruppo di fornaci. Due di questi erano scolpiti nella roccia e uno è in ottime condizioni.

Un team di archeologi scopre in Egitto un’Antica Bottega Romana 

Durante l’epoca bizantina (dal 330 al 1453 d.C.), molto tempo dopo la fine della produzione di ceramica nel sito,. gli edifici erano probabilmente utilizzati per un altro scopo: la produzione di calce. Gli archeologi hanno anche scoperto delle tombe, con buche sepolcrali scavate nella roccia,. suggerendo che il luogo venne poi usato come cimitero durante il periodo medievale. Una delle tombe conteneva i resti di una donna incinta.
Inoltre, hanno scoperto un ripostiglio che conteneva utensili da cucina e stoviglie. Un certo numero di edifici in pietra calcarea erano molto probabilmente utilizzati come residenze temporanee per i lavoratori del cantiere.

Una camera è stata ritrovata con una piattaforma rialzata e i resti di statue di terracotta, suggerendo che era probabilmente usata per i rituali. Alcune di queste figure rappresentano il dio Arpocrate, la forma giovanile del dio Horus con la testa di falco.

Storia e divinità

Un’altra stanza che aveva stufe e resti di anfore contenenti ossa di pesce conservate era molto probabilmente usata per cucinare e vendere cibo.
L’area risale all’inizio del periodo romano in Egitto, iniziato nel 30 a.C. dopo la sconfitta di Antonio e Cleopatra da parte del futuro imperatore romano Ottaviano, stando a quanto riportato dal Metropolitan Museum of Art di New York City.

Dopo la conquista romana, l’Egitto divenne una provincia romana molto prospera.che riforniva il resto dell’Impero Romano con una varietà di prodotti artigianali, tra cui la ceramica. “La ceramica è il manufatto più comune recuperato attraverso lo scavo e l’indagine dei siti romani [nell’antico Egitto]”, ha scritto Scott Gallimore, un archeologo della Wilfrid Laurier University in Canada che non era coinvolto nel nuovo scavo, in un documento del 2010.

Il team archeologico ha anche portato alla luce una serie di oggetti più piccoli nel sito; legna da ardere, piccole statue, ossa di animali e un certo numero di monete. con l’immagine di Cleopatra e Alessandro Magno, in base a Heritage Daily. Sono stati scoperti anche un amuleto dell’antico dio egizio Bes e una corona piumata associata a Bes. Bes era visto come il dio della musica, dell’allegria e del parto.