Rivelata età chiave delle rocce lunari

Una sonda lunare lanciata dall'agenzia spaziale cinese ha recentemente riportato i primi campioni freschi di roccia e detriti dalla luna in più di 40 anni. La ricerca ha stabilito che risalgono a 1,97 miliardi di anni

136
Rivelata età chiave delle rocce lunari

Astronomia. Grazie alla sonda spaziale cinese è rivelata l’età chiave delle rocce lunari da parte di un’équipe di ricercatori, che ne condividono l’analisi dei primi campioni freschi della luna ottenuti in più di 40 anni.

Esperti ed appassionati, ricorderanno senza dubbio la missione cinese Chang’e 5, un’esplorazione lunare robotica, che consisteva in un lander e un veicolo per riportare sulla Terra campioni lunari.

Sponsor

Leggi: impronte geologiche lunari

Tramite un comunicato, pubblicato in data 7 ottobre sulla rivista Science, un team internazionale di scienziati rivela che attualmente, è possibile determinare l’età di queste rocce lunari a circa 1,97 miliardi di anni. Tra gli esperti c’è anche un ricercatore della Washington University di St. Louis.

Brad Jolliff, coautore statunitense da parte dell’Accademia cinese di scienze geologiche, in base a questa nuova analisi, condotta sulle “nuove” rocce lunari, sostiene:

“È il campione perfetto per colmare una lacuna di 2 miliardi di anni”. Jolliff è professore di scienze terrestri e planetarie Scott Rudolph in Arts & Sciences e direttore del McDonnell Center for the Space Sciences dell’università.

La determinazione dell’età è tra i primi risultati scientifici riportati dalla missione di successo Chang’e-5, che è stata progettata per raccogliere e restituire alla Terra rocce da alcune delle più giovani superfici vulcaniche sulla luna.

La cometa più grande mai scoperta verso la terra

“Naturalmente, ‘giovane’ è relativo”, Dichiara Jolliff. “Tutte le rocce vulcaniche raccolte da Apollo erano più vecchie di 3 miliardi di anni. E tutti i giovani crateri da impatto le cui età sono state determinate dall’analisi dei campioni, sono più giovani di 1 miliardo di anni. Quindi i campioni di Chang’e-5 colmano una lacuna critica”.

La lacuna di cui parla Jolliff è importante non solo per studiare la luna, ma anche per studiare altri pianeti rocciosi del sistema solare.

Rivelata età chiave delle rocce lunari grazie ai campioni di Chang’e-5

Come corpo planetario, la luna stessa ha circa 4,5 miliardi di anni, quasi quanto la Terra. Ma a differenza della Terra, la luna non ha i processi erosivi o di costruzione di montagne che tendono a cancellare i crateri nel corso degli anni. Gli scienziati hanno approfittato dei crateri della luna per sviluppare metodi di stima dell’età delle diverse regioni sulla sua superficie, basati in parte su quanto la zona sembra essere piena di crateri.

Collisione cosmica

“Questo studio mostra che le rocce lunari restituite da Chang’e-5 hanno solo circa 2 miliardi di anni. Conoscendo l’età di queste rocce con certezza, i ricercatori sono ora in grado di calibrare più accuratamente gli importanti indicatori cronologici”. Scrive Jolliff.

“Gli scienziati planetari sanno che più crateri ci sono su una superficie, più è vecchia; meno crateri ci sono, più è giovane la superficie. Questa è una bella determinazione relativa”, Commenta ancora Jolliff. “Ma per mettere date assolute sull’età, bisogna avere campioni da quelle superfici”.

“I campioni dell’Apollo ci hanno dato un certo numero di superfici che siamo stati in grado di datare e correlare con le densità dei crateri“, asserisce Jolliff. “Questa cronologia del cratere è stata estesa ad altri pianeti – per esempio, per Mercurio e Marte – per dire che le superfici con una certa densità di crateri hanno una certa età”.

In questo studio, abbiamo ottenuto un’età molto precisa proprio intorno ai 2 miliardi di anni – più o meno 50 milioni di anni“, spiega Jolliff. “È un risultato fenomenale. In termini di tempo planetario, è una determinazione molto precisa. Ed è abbastanza buona per distinguere tra le diverse formulazioni della cronologia”.

Altri risultati interessanti dello studio riguardano la composizione dei basalti nei campioni restituiti. In altre parole ciò che significa per la storia vulcanica della luna

I risultati presentati nell’articolo di Science sono solo la punta dell’iceberg, per così dire. Jolliff e colleghi stanno ora passando al setaccio i campioni di regolite per trovare le chiavi di altre importanti tematiche scientifiche lunari. Tra queste, ad esempio, trovare pezzi e frammenti gettati nel sito di raccolta di Chang’e 5 da lontani e giovani crateri da impatto come Aristarchus, per determinare eventualmente l’età di queste piccole rocce e la natura dei materiali in quegli altri siti da impatto.

Jolliff, per oltre 15 anni, ha lavorato con gli scienziati del Sensitive High Resolution Ion MicroProbe (SHRIMP) Center di Pechino che hanno condotto questo studio; incluso il co-autore dello studio Dunyi Liu. Questa relazione a lungo termine è possibile attraverso un accordo di collaborazione speciale che comprende l’Università di Washington e il suo Dipartimento di Scienze della Terra e Planetarie; e ancora l’Università di Shandong a Weihai, in Cina. Con il sostegno del Centro McDonnell dell’Università di Washington per le Scienze Spaziali.

Il laboratorio di Pechino dove sono state fatte le nuove analisi è tra i migliori al mondo, e hanno fatto un lavoro fenomenale nel caratterizzare e analizzare i campioni di roccia vulcanica“, ha aggiunto Jolliff.

Il consorzio include membri provenienti da Cina, Australia, Stati Uniti, Regno Unito e Svezia“. Conclude. “Questa è la scienza fatta nel modo ideale; una collaborazione internazionale, con la libera condivisione di dati e conoscenze – e tutto fatto nel modo più collegiale possibile. Questa è la diplomazia della scienza“.