James Webb: il più grande telescopio mai costruito lanciato nello spazio

James Webb: il più grande telescopio mai costruito lanciato nello spazio

Il telescopio spaziale James Webb, una partnership internazionale tra NASA, ESA e l’Agenzia Spaziale Canadese (CSA), è stato lanciato alle 7:20 a.m. EST il 25 dicembre 2021, su un razzo Ariane 5 dallo spazioporto europeo nella Guyana francese, in Sud America.

Dopo il lancio e la separazione dal razzo, il centro operativo della missione di Webb a Baltimora, negli Stati Uniti, ha confermato che la navicella ha dispiegato il suo array solare ed è in buone condizioni, segnando il lancio come un successo. Nel prossimo mese, Webb viaggerà verso la sua destinazione: il secondo punto di Lagrange del sistema Sole-Terra (L2).

Il telescopio spaziale James Webb, un grande osservatorio astronomico spesso presentato come il successore del fortunatissimo telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA, è progettato per rispondere a domande fondamentali sull’Universo.

James Webb

James Webb e il futuro della scoperta

Onora il secondo amministratore della NASA, James E. Webb, che guidò l’agenzia nel periodo dell’Apollo, dal febbraio 1961 all’ottobre 1968.

Con una sensibilità 100 volte superiore a quella di Hubble, il telescopio può rilevare la luce infrarossa generata dalle galassie che si sono formate più di 13,5 miliardi di anni fa, all’indomani del Big Bang.

Vedrà più lontano nelle nostre origini – dalle prime galassie dell’Universo, alla nascita di stelle ed esopianeti, agli esopianeti con il potenziale per la vita. Più vicino a casa, Webb guarderà anche il nostro sistema solare.
Il telescopio è un’incredibile impresa di ingegneria spaziale. Per poter osservare alle lunghezze d’onda degli infrarossi, è tenuto permanentemente all’ombra della radiazione solare da un gigantesco parasole a cinque strati. Con i suoi 22 x 12 m (72 x 39 piedi), è grande quanto un campo da tennis.

***

Il parasole manterrà il telescopio in ombra perpetua per le operazioni a meno 233 gradi Celsius (meno 387,4 gradi Fahrenheit), per evitare che l’emissione infrarossa del telescopio stesso sovrasti i segnali dagli obiettivi astronomici. Il suo strumento nel medio infrarosso MIRI sarà ulteriormente raffreddato a meno 266 gradi Celsius (meno 446,8 gradi Fahrenheit).

Lo specchio primario di Webb è composto da 18 segmenti di specchio di forma esagonale, ognuno dei quali ha un diametro di 1,32 m (4,3 piedi) e pesa circa 20 kg.

Il diametro totale dello specchio primario di Webb è di 6,5 m (21,3 piedi), che è così grande che deve essere accuratamente ripiegato nella carenatura del razzo per il lancio.

Ognuno degli specchi del telescopio è coperto da uno strato microscopicamente sottile di oro, che li ottimizza per riflettere la luce infrarossa.

***

Il telescopio ospita anche uno specchio secondario convesso che ha un diametro di 0,74 m (2,4 piedi). Questa è la seconda superficie che la luce del cosmo colpisce durante il suo percorso nel telescopio.

“Il telescopio spaziale James Webb rappresenta l’ambizione che la NASA e i nostri partner mantengono per spingerci verso il futuro”, ha dichiarato l’amministratore della NASA Bill Nelson.

“La promessa di Webb non è ciò che sappiamo che scopriremo, ma ciò che ancora non comprendiamo o non possiamo ancora capire del nostro universo. Non vedo l’ora di vedere cosa scoprirà!”

“Il lancio di Webb è un’enorme celebrazione della collaborazione internazionale che ha reso possibile questa missione di nuova generazione”, ha affermato il direttore generale dell’ESA Josef Aschbacher.

“Voglio ringraziare tutte le persone coinvolte nella progettazione, costruzione e lancio di questo ambizioso telescopio, per aver reso questo giorno una realtà. Siamo vicini a ricevere la nuova visione dell’Universo di Webb e le eccitanti scoperte scientifiche che farà”.

***

“La CSA è orgogliosa di aver contribuito con strumenti critici a questa partnership internazionale su larga scala come parte di uno sforzo globale per stimolare il prossimo grande salto scientifico”, ha aggiunto il presidente della CSA Lisa Campbell.

Gli astronomi canadesi sono entusiasti di utilizzare i dati di Webb e di beneficiare delle enormi opportunità scientifiche offerte da questo osservatorio unico nel suo genere”.

“Voglio congratularmi con il team per questo incredibile risultato – il lancio di Webb segna un momento significativo non solo per la NASA, ma per migliaia di persone in tutto il mondo che hanno dedicato il loro tempo e il loro talento a questa missione nel corso degli anni”, ha sostenuto il dottor Thomas Zurbuchen, amministratore associato per il Science Mission Directorate al quartier generale della NASA.

“La promessa scientifica di Webb è ora più vicina che mai. Siamo in bilico sull’orlo di un’epoca di scoperte davvero eccitanti, di cose che non abbiamo mai visto o immaginato prima”.

Sono molto felice e orgoglioso che la versatilità e l’affidabilità di Ariane 5 abbiano permesso il lancio di una missione così innovativa“, ha sottolineato Daniel Neuenschwander, direttore del trasporto spaziale dell’ESA.

***

Questo è un tributo all’abilità e alla dedizione di tutti i team coinvolti“. Webb è stato accuratamente ripiegato nella carenatura di Ariane 5 appositamente adattata per il lancio, che si è sganciato circa 3 minuti dopo il decollo.

Ariane 5 ha poi iniziato una speciale manovra di rotazione per proteggere Webb dalle radiazioni del Sole. Dopo 27 minuti il telescopio è stato rilasciato e la parte superiore è stata spinta via.

Ora nello spazio e in viaggio verso L2 (circa 1,5 milioni di km, o 0,93 milioni di miglia, dalla Terra), Webb sarà sottoposto a una complessa sequenza di dispiegamento.

Nei mesi successivi, gli strumenti saranno accesi e le loro capacità testate. Dopo mezzo anno nello spazio, Webb inizierà le sue osservazioni scientifiche di routine.

“L’idea di Webb è partita dal sogno degli astronomi di osservare la nascita delle prime galassie nell’Universo primordiale, ma il telescopio sarà in grado di fare molto di più di quanto tutti avevano sperato”, ha asserito il dottor Günther Hasinger, direttore scientifico dell’ESA.

“È grazie all’eccellenza dell’industria e della comunità scientifica europea che lo sviluppo di questi complessi strumenti è stato possibile”.

***

“Siamo ora in attesa delle bellissime immagini e degli spettri che Webb otterrà”, ha precisato la scienziata del progetto Webb dell’ESA, la dott.ssa Antonella Nota.

“La comunità astronomica europea è entusiasta di vedere i risultati del 33% del tempo di osservazione disponibile che hanno vinto in modo competitivo per il primo anno di Webb.”

“Il lancio del telescopio spaziale Webb è un momento cruciale – questo è solo l’inizio della missione Webb”, ha detto il Dr. Gregory Robinson, direttore del programma Webb al quartier generale della NASA. “Ora guarderemo gli attesissimi e critici 29 giorni di Webb al limite”.

“Quando il veicolo spaziale si dispiegherà nello spazio, Webb sarà sottoposto alla più difficile e complessa sequenza di dispiegamento mai tentata nello spazio”. “Una volta completata la messa in funzione, vedremo immagini impressionanti che cattureranno la nostra immaginazione”.

Avvistato oggetto planetario a 146 anni luce

Eco e Narciso Previous post Eco e Narciso l’idillio dell’amore ferito
Maneskin miglior band rock agli Ema Next post Maneskin miglior band rock agli Ema